Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 20 APRILE 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Antibiotici, la modalità di somministrazione (continua o intermittente) non riduce l’insorgenza di nuove resistenze. I risultati dello studio coordinato dal San Raffaele 


Lo studio, realizzato con il supporto dell'Aifa, ha coinvolto 4 paesi e preso in esame 607 pazienti con una forma di infezione grave trattata con meropenem, antibiotico appartenente al gruppo delle beta-lattamine. Il farmaco era somministrato in metà dei pazienti in infusione endovenosa continua, nell’altra metà in infusione endovenosa intermittente. Gli esiti tra i due gruppi in termini di mortalità e nuove infezioni sono stati tuttavia gli stessi. Per i ricercatori risultati che “spostano l’attenzione su altri aspetti e altri modi di utilizzare le risorse”. LO STUDIO 

16 GIU - Uno studio multicentrico internazionale coordinato dall’Irccs Ospedale San Raffaele ha dimostrato come la somministrazione continua o intermittente di meropenem, antibiotico utilizzato per la maggior parte delle infezioni da gram negativi, appartenente al gruppo delle beta-lattamine e inserito nella lista dei farmaci essenziali dell’OMS, non incide sulla prognosi dei pazienti e getta nuova luce sulle politiche sanitarie da adottare per indirizzare risorse umane ed economiche in interventi di maggior efficacia. La ricerca, appena pubblicata su JAMA e supportata dall’Agenzia Italiana del Farmaco – AIFA –, è stata coordinata dai professori Alberto Zangrillo, Giovanni Landoni e Giacomo Monti del Centro di Ricerca in Anestesia e Terapia Intensiva dell’IRCCS Ospedale San Raffaele e dell’Università Vita-Salute San Raffaele e ha coinvolto 26 Ospedali in 4 nazioni diverse (Italia, Russia, Kazakhstan e Croazia), per un totale di 607 pazienti, la più grande popolazione di persone incluse in un progetto di ricerca su questo specifico tema.

L’antibiotico resistenza
La resistenza agli antibiotici, ovvero la capacità dei batteri di divenire insensibili all’ azione dei farmaci in grado di ucciderli, rappresenta un’importante emergenza sanitaria. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS -WHO), il fenomeno dell’antibiotico resistenza è una delle più grandi minacce alla salute globale. Si stima che negli Stati Uniti questi particolari batteri abbiano causato oltre 2,8 milioni di infezioni nel 2019 e contribuito alla morte di quasi 36mila persone.

Lo studio pubblicato su JAMA
Per questa categoria di antibiotici, le beta-lattamine, il modo in cui vengono somministrati, oltre che la dose e la selezione della particolare molecola, sono elementi fondamentali nel determinare l’efficacia della terapia e il rischio di insorgenza di nuove infezioni o sovra-infezioni. “Grazie all’esito di precedenti studi scientifici e a considerazioni di tipo farmacologico – spiega infatti una nota dell’Irccs San Raffaele - si è sempre ipotizzato che la somministrazione “in continuo” di questi farmaci, tramite infusione endovenosa continua, rispetto alla classica somministrazione “intermittente”, sempre endovenosa, offrisse un vantaggio in termini di miglior sopravvivenza all’infezione e un minor rischio di insorgenza di batteri multi resistenti a svariati antibiotici. Tuttavia, questa ipotesi non aveva mai trovato una conferma, o una smentita, all’interno di un grande studio scientifico”.
Per queste ragioni, il gruppo di lavoro coordinato dai professori Zangrillo, Landoni e Monti, ha elaborato, in un progetto iniziato oltre 10 anni fa, un protocollo di ricerca sperimentale in grado di rispondere in maniera efficace a questa domanda: qual è il modo migliore di utilizzare il meropenem nelle infezioni più severe, quelle che colpiscono malati ricoverati presso le Unità di Terapia Intensiva?

Nello studio, condotto in cieco, sono stati presi in considerazione 607 pazienti affetti da una particolare forma di infezione grave (respiratoria, gastrointestinale o urinaria) al punto da determinare un quadro di sepsi, una particolare reazione del corpo alle infezioni che può causare morte in 1 paziente su 3. Inoltre, proprio la peculiarità dell’infezione, li esponeva a un elevato rischio di sviluppare una nuova, ancora più severa infezione, potenzialmente sostenuta da batteri con profili di resistenza ancora peggiori, anche a causa del trattamento antibiotico stesso.

A metà di questi pazienti è stato somministrato meropenem in infusione endovenosa continua, mentre l’altra metà in infusione endovenosa intermittente. Il trattamento somministrato con meropenem è risultato quantitativamente identico nei due gruppi, come quantità di farmaco complessivamente somministrato.

I pazienti che hanno partecipato allo studio sono stati poi seguiti per i successivi 90 giorni per verificare se il trattamento ricevuto fosse in grado di modificare l’andamento della patologia. In particolare, l’obiettivo primario del progetto era misurare il numero di pazienti che sarebbero andati incontro a morte o a una nuova infezione più difficile da trattare con antibiotici, durante il periodo di osservazione.

Le infezioni che si sono sviluppate nell’arco del tempo di osservazione erano causate prevalentemente da un particolare tipo di batteri, detti gram negativi, quelli più spesso implicati nelle infezioni da batteri resistenti agli antibiotici, soprattutto in Europa e in Italia. Fra questi Klebsiella, Pseudomonas e Acinetobacter, i generi più spesso identificati e considerati dall’OMS come i più a rischio di sviluppare resistenze ai farmaci.

I risultati
Il risultato dello studio è stato neutro: in entrambi i casi la somministrazione sia intermittente sia continua ha prodotto il medesimo esito: la mortalità dopo 90 giorni è risultata essere identica nei due gruppi, attestandosi al 42%. “Con questo studio abbiamo dimostrato che la modalità di somministrazione dell’antibiotico non è in grado di modificare in maniera significativa la mortalità o l’insorgenza di nuove infezioni ancora più difficili da trattare”, spiega Giacomo Monti.

“Durante lo studio, non è stato osservato alcun effetto collaterale legato all’infusione del farmaco in entrambe le modalità, e ciò rappresenta un importante indice di sicurezza per entrambi i sistemi di somministrazione”, aggiunge Alberto Zangrillo.

La ricerca ha infine mostrato che non esistono particolari nicchie di pazienti che potrebbero forse beneficiare di una modalità di somministrazione piuttosto che dell’altra. “I risultati della ricerca – continua Giovanni Landoni – spostano quindi l’attenzione su altri aspetti che si dovranno tenere in considerazione nella gestione del malato che presenta gravi infezioni batteriche in terapia intensiva, valutando di poter destinare risorse umane ed economiche ad altri specifici interventi che potrebbero essere di maggiore efficacia”.

Lo studio dei dosaggi, che potrebbero dover essere aumentati nelle prime ore, la durata della somministrazione, che potrebbe essere ridotta in casi selezionati e l’associazione di altri antibiotici, sono alcune delle specifiche importanti che vanno prese in considerazione.

Ma non solo: la prevenzione delle infezioni stesse, con la riduzione dell’utilizzo degli antibiotici nella popolazione in generale, passa attraverso anche l’igiene delle mani degli operatori sanitari.

Conclude il professor Zangrillo: “Ci auguriamo che lo sviluppo di nuove tecnologie possa aiutare a ottimizzare le diagnosi delle infezioni, anticipandole e rendendole più precise e che, grazie all’utilizzo di farmaci e tecniche adiuvanti, si possano migliorare le capacità del sistema immunitario dei pazienti a reagire all’infezione, senza amplificare la risposta infiammatoria”.

16 giugno 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy