Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 01 MARZO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Tubercolosi. Onu, ecco i nuovi obiettivi da raggiungere entro cinque anni 


Raggiungere con un test rapito il 90% delle persone con servizi di prevenzione e cura e autorizzare almeno un nuovo vaccino contro la Tbc entro il 2027. Questo alcuni dei nuovi obiettivi che i leader mondiali si sono impegnati a raggiungere. E i Paesi dell’UE realizzati passi da gigante ma l’obiettivo di porre fine all’epidemia di tubercolosi entro 2030 è a rischio

25 SET -

Raggiungere il 90% delle persone con servizi di prevenzione e cura della tubercolosi, utilizzando un test rapido raccomandato dall’Oms come primo metodo per diagnosticare la tubercolosi e fornire pacchetti di benefici sociali a tutte le persone affette da tubercolosi. E ancora autorizzare almeno un nuovo vaccino contro la tubercolosi e colmare le lacune di finanziamento per l’attuazione e la ricerca sulla tubercolosi entro il 2027.

“Per millenni, i nostri antenati hanno sofferto e sono morti di tubercolosi, senza sapere cosa fosse, cosa la causasse o come fermarla – ha il Direttore generale dell’Onu affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus,– oggi disponiamo di conoscenze e strumenti che avrebbero potuto solo sognare. La dichiarazione politica approvata dai paesi e gli obiettivi che si sono prefissati rappresentano un impegno a utilizzare tali strumenti e a svilupparne di nuovi, per scrivere il capitolo finale nella storia della tubercolosi”.

Ma qual è lo stato dell’arte? Sebbene gli sforzi globali per combattere la tubercolosi abbiano salvato oltre 75 milioni di vite dal 2000, ha rilevato l’Oms, non sono riusciti a raggiungere gli obiettivi fissati nel 2018 principalmente a causa delle gravi interruzioni del sistema sanitario quali la pandemia da Covid-19 e i conflitti in corso. Solo 34 milioni di persone affette da tubercolosi sui 40 milioni previsti sono state raggiunte con il trattamento tra il 2018 e il 2022. Per quanto riguarda il trattamento preventivo della tubercolosi, la situazione è ancora più cupa: solo 15,5 milioni di persone dei 30 previsti, hanno avuto accesso al trattamento preventivo.

Non solo, i finanziamenti per i servizi anti-TBC nei paesi a basso e medio reddito sono scesi da 6,4 miliardi di dollari nel 2018 a 5,8 miliardi di dollari nel 2022, rappresentando un gap finanziario del 50% nell’attuazione dei programmi anti-TBC richiesti. I finanziamenti annuali per la ricerca sulla tubercolosi variavano da 0,9 miliardi di dollari a 1,0 miliardi di dollari tra il 2018 e il 2022, ovvero solo la metà dell’obiettivo fissato nel 2018.

E così, oggi, la tubercolosi rimane una delle principali cause di morte infettiva al mondo: ogni anno più di 10 milioni di persone si ammalano e oltre 1 milione perde la vita a causa di questa malattia prevenibile e curabile. La tubercolosi resistente ai farmaci continua a contribuire in modo determinante alla resistenza antimicrobica, con quasi mezzo milione di persone che ogni anno sviluppano tubercolosi resistente ai farmaci.

“L’unione dei leader mondiali nella risposta alla tubercolosi, per la seconda volta, offre l’opportunità di accelerare l’azione e rafforzare i sistemi sanitari in grado non solo di affrontare l’epidemia di tubercolosi, ma anche di proteggere la salute e il benessere ì delle comunità, rafforzando la preparazione alla pandemia e basandosi sulle lezioni apprese durante la pandemia di Covid-19 – ha affermato Tereza Kasaeva, Direttrice del Programma globale contro la tubercolosi dell’Oms – evitare le difficoltà finanziarie legate alla tubercolosi e prevenire lo sviluppo della malattia nei gruppi vulnerabili aiuterà a diminuire le disuguaglianze all’interno e tra i paesi, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile”.

L’incidenza e i decessi della tubercolosi sono aumentati tra il 2020 e il 2021, ma gli sforzi coordinati dei paesi, dell’Oms e dei partner stanno portando a un ripristino dei servizi essenziali.

Lanciato il Tubercolosis Vaccine Accelerator Council, Tedros Adhanom Ghebreyesus ha lanciato ufficialmente il Tubercolosis Vaccine Accelerator Council per facilitare lo sviluppo, la concessione di licenze e l’uso di nuovi vaccini contro la tubercolosi. Il Consiglio, supportato dal segretariato dell’Oms, sarà guidato da un consiglio ministeriale, composto da nove membri che presteranno servizio a rotazione, per un mandato di due anni. Il Consiglio avrà anche organi sussidiari per sostenere la sua interazione e il suo impegno con diversi settori e parti interessate in generale, compreso il settore privato, gli scienziati, la filantropia e la società civile.

BCG è attualmente l’unico vaccino autorizzato contro la tubercolosi. Sebbene fornisca un’efficacia moderata nel prevenire forme gravi di tubercolosi nei neonati e nei bambini piccoli, non protegge adeguatamente gli adolescenti e gli adulti, che rappresentano la maggioranza (>90%) dei soggetti in grado di trasmettere la tubercolosi a livello globale.

Il Consiglio mira a identificare finanziamenti innovativi e sostenibili, soluzioni di mercato e partenariati tra i settori pubblico, privato e filantropico. Sfrutterà piattaforme come l’Unione Africana, l’Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico, i paesi Brics (Brasile, Federazione Russa, India, Cina e Sud Africa), il G20, il G7 e altri per rafforzare l’impegno e le azioni per lo sviluppo di nuovi vaccini contro la tubercolosi e accesso.

Controllo della tubercolosi in Europa: successi e sfide La Regione europea dell’Oms ha fatto passi da gigante nella battaglia contro la tubercolosi (TBC) negli ultimi vent’anni, con un’incredibile diminuzione totale del 52% dell’incidenza della tubercolosi dal 2012, superando di gran lunga la media globale dell’1,9%. Tuttavia, questa storia di successo è messa in ombra da sfide incombenti che minacciano di annullare qualsiasi progresso ottenuto.

Gli esperti dell’Oms/Europa mettono ora in guardia sui bisogni insoddisfatti, sulle lacune terapeutiche e sulla vulnerabile sicurezza dell’approvvigionamento, in particolare per quanto riguarda l’accesso ai farmaci contro la tubercolosi nei paesi a bassa prevalenza. Inoltre, le barriere legali, finanziarie e normative stanno ostacolando l’accesso a forniture globali alternative, richiedendo una cooperazione immediata e una visione rinnovata per l’eliminazione della tubercolosi nella regione.

“La nostra regione si trova a un bivio, con l’opportunità di guidare il mondo nel dimostrare la fattibilità dell’eliminazione della tubercolosi, ma solo se affronta le questioni critiche che affliggono l’offerta di farmaci contro la tubercolosi”, ha affermato Natasha Azzopardi-Muscat, direttrice delle politiche sanitarie nazionali e Systems presso l’Oms/Europa e uno dei coautori dello studio.

I successi ottenuti e le sfide per il controllo della tubercolosi in Europa La battaglia contro la tubercolosi ha prodotto risultati notevoli, con una diminuzione del 52% dell’incidenza della tubercolosi dal 2012, determinata da un calo medio annuo del 7,7%. Ciò supera significativamente la media globale, alimentando le speranze di un’eventuale eliminazione della tubercolosi nella regione.

Nonostante questi progressi incoraggianti, la Regione deve affrontare notevoli sfide Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ha recentemente lanciato un avvertimento secondo cui i paesi dell’UE non stanno raggiungendo l’obiettivo del 2030 di porre fine all’epidemia di tubercolosi. Il calo dei casi di tubercolosi, in particolare nei paesi a bassa incidenza, rappresenta una minaccia crescente per gli incentivi commerciali per la fornitura di trattamenti per la tubercolosi.

La mancanza di interoperabilità tra i sistemi normativi multilaterali e nazionali ostacola il flusso di farmaci contro la tubercolosi, portando a complicazioni legali, finanziarie e normative. Gli esperti sostengono che l’accesso globale e senza interruzioni a tutti i farmaci esistenti contro la tubercolosi e ai prodotti per le malattie infettive è essenziale, a vantaggio sia dei paesi ad alto reddito che delle iniziative sanitarie globali.



25 settembre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy