Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 05 MARZO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Cop28. Decessi over 65 per il caldo incrementati del 70%. Le morti per inquinamento atmosferico sono 7 milioni ogni anno. Da Oms richiesta di “un’azione urgente su clima e salute”


Riconoscendo il gap finanziario nei sistemi sanitari, la comunità sanitaria chiede maggiori finanziamenti da nuove fonti. L’appello è quello di disinvestire e porre fine ai sussidi per i combustibili fossili e di mobilitare nuovi fondi per sostenere i sistemi sanitari nella gestione del cambiamento climatico. "L’eredità della COP 28 sarà l’impegno per un pianeta più sano, in cui gli argomenti sanitari a favore dell’azione per il clima non solo vengano ascoltati ma portino a risultati tangibili".

28 NOV -

In vista della COP28, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), insieme alla comunità sanitaria globale, sta alzando la voce per garantire che l’impatto dei cambiamenti climatici sulla salute sia al centro dei negoziati: "È imperativo ampliare l’attenzione alla salute umana nelle discussioni globali, senza lasciare spazio a scuse, e costringere i negoziatori a riconoscere che hanno la responsabilità del benessere del nostro bene più prezioso: la salute delle popolazioni in tutto il mondo".

"Dare priorità alla salute non è solo una scelta; è il fondamento di società resilienti - Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms -. Dobbiamo cambiare la narrazione e dimostrare gli enormi benefici di un’azione climatica più coraggiosa sulla nostra salute e sul nostro benessere”.

Gli eventi meteorologici estremi avvenuti in tutto il mondo negli ultimi mesi offrono uno sguardo terrificante su ciò che ci aspetta in un mondo in rapido riscaldamento. Il rapporto dell’Ipcc afferma che circa 3,5 miliardi di persone – quasi la metà dell’umanità – vivono in aree altamente vulnerabili ai cambiamenti climatici. Secondo i dati dell’Oms, i decessi legati al caldo tra le persone di età superiore ai 65 anni sono aumentati del 70% in tutto il mondo in due decenni. Solo uno sforzo drammatico e dedicato per limitare il riscaldamento a 1,5°C potrà impedire un futuro molto peggiore di quello che vediamo ora.


Anche gli eventi meteorologici estremi sempre più frequenti e gravi, come siccità, inondazioni e ondate di caldo, metteranno a dura prova le infrastrutture sanitarie. Le inondazioni dello scorso anno in Pakistan hanno provocato lo sfollamento di 8 milioni di persone e ne hanno colpite complessivamente 33 milioni. Le previsioni della Banca Mondiale indicano che senza un’azione coraggiosa e immediata, il cambiamento climatico potrebbe sfollare circa 216 milioni di persone entro il 2050.

Mentre la crisi climatica mette a repentaglio vite e mezzi di sussistenza, i sistemi alimentari globali faticano a sostenere una popolazione in crescita e le risorse idriche compromesse aggravano le sfide. Parallelamente, il cambiamento climatico sta catalizzando un’ondata di malattie infettive come la dengue e il colera, mettendo in pericolo milioni di persone.

"Ora è il momento di un’azione decisiva e collaborativa per mitigare gli impatti sulla salute della crisi climatica e costruire un futuro sostenibile per tutti - scrive l'Oms -. Poiché il cambiamento climatico rappresenta una sfida senza precedenti per i sistemi sanitari di tutto il mondo, è anche imperativo rafforzare i nostri sistemi affinché siano resilienti, a basse emissioni di carbonio e sostenibili. La mancata azione rapida renderà i sistemi sanitari di tutto il mondo vulnerabili agli enormi impatti dei cambiamenti climatici.

Il cambiamento climatico non è una minaccia lontana; è un pericolo attuale che colpisce la nostra salute su più fronti. La comunità sanitaria afferma che il cambiamento climatico sta già influenzando la nostra salute, contribuendo alla diffusione di malattie infettive e malattie trasmesse da vettori. C’è un urgente bisogno che i negoziatori comprendano che il cambiamento climatico è una minaccia diretta alla salute globale che non può più essere ignorata o minimizzata".

"Adattare i nostri sistemi sanitari significa potenziare interventi chiave come il controllo dei vettori, la sorveglianza epidemiologica e l’accesso all’acqua sicura e ai servizi igienico-sanitari - prosegue l'Oms -. Inoltre, la formazione del personale sanitario è fondamentale ed è necessario il sostegno per allineare i sistemi sanitari con le linee guida incluse nel quadro operativo dell’Oms per la costruzione di sistemi sanitari resilienti ai cambiamenti climatici e a basse emissioni di carbonio".

Per ridurre l’impatto negativo sulla salute, la comunità sanitaria sottolinea l’importanza di ridurre e arrestare le emissioni. Secondo l’Oms, 7 milioni di morti premature ogni anno sono attribuite all’inquinamento atmosferico. "Sono necessarie misure urgenti di mitigazione, inclusa la transizione verso fonti di energia pulita, per proteggere la salute umana e creare risultati sostenibili. La comunità sanitaria riconosce il ruolo svolto dai sistemi sanitari nel contribuire alle emissioni e sostiene l’ecologizzazione del settore sanitario. Ciò comporta la decarbonizzazione dei sistemi sanitari, la digitalizzazione della medicina e l’implementazione di pratiche sostenibili negli ospedali e nelle strutture sanitarie per ridurre significativamente le emissioni globali del 5% attribuite al settore sanitario".

Oltre 1 miliardo di persone in tutto il mondo sono servite da strutture sanitarie con elettricità inaffidabile o senza elettricità. Per i paesi a basso reddito che non hanno accesso all’elettricità, la comunità sanitaria chiede un’accelerazione dell’accesso all’energia pulita. L’Oms sta lavorando con i partner per accelerare l’elettrificazione delle strutture sanitarie attraverso le energie rinnovabili e per armonizzare le forniture mediche e guidare un cambiamento trasformativo verso fonti energetiche più pulite, servizi migliori e una minore dipendenza dal diesel e dal gas.

Riconoscere la disparità finanziaria nei sistemi sanitari
Riconoscendo il gap finanziario nei sistemi sanitari, la comunità sanitaria chiede maggiori finanziamenti da nuove fonti. L’appello è quello di disinvestire e porre fine ai sussidi per i combustibili fossili e di mobilitare nuovi fondi per sostenere i sistemi sanitari nella gestione del cambiamento climatico.

L’Alleanza per l’azione trasformativa sul clima e la salute (Atach) guidata dall’Oms è impegnata a realizzare gli obiettivi fissati alla COP26 sfruttando l’influenza collettiva degli Stati membri dell’Oms e delle parti interessate per promuovere sistemi sanitari resilienti ai cambiamenti climatici. ATACH si concentra anche sull'identificazione delle esigenze di finanziamento.

Con il settore sanitario alle prese con sfide senza precedenti, è imperativo affrontare l’evidente disparità nel sostegno finanziario. Attualmente, il settore riceve solo lo 0,5% dei finanziamenti globali per il clima. Per affrontare efficacemente le numerose sfide future – dall’attuale crisi sanitaria globale al panorama in continua evoluzione della ricerca medica e dei progressi tecnologici – un aumento sostanziale delle risorse non è solo giustificato ma essenziale. Moltiplicando il sostegno finanziario, possiamo rafforzare la capacità del settore di innovare, adattarsi e fornire cure ottimali, garantendo un’infrastruttura sanitaria resiliente per le sfide di oggi e le incertezze di domani.

Appello urgente dell’Oms per un’azione per il clima e la salute alla COP28
Mentre il mondo si unisce alla COP28, la comunità sanitaria chiede un’azione decisiva. "Esortiamo i negoziatori a riconoscere che l’azione per il clima è un’azione per la salute e che l’incapacità di affrontare questa realtà avrà profonde conseguenze per il benessere delle generazioni attuali e future".

L’appello all’azione dell’Oms unisce la comunità sanitaria nel chiedere l’impegno a costruire sistemi sanitari resilienti, ridurre le emissioni e dare priorità alla salute. La prima Giornata della Salute è destinata a elevare il profilo globale del nesso tra clima e salute e a integrare la salute nell’agenda del cambiamento climatico.

Giornata della Salute e sessione ministeriale
La prima Giornata della Salute è destinata a elevare il profilo globale del nesso tra clima e salute e a integrare la salute nell’agenda del cambiamento climatico. Per la prima volta in assoluto, un numero record di ministri della Salute parteciperà alla COP28. La presenza di un numero significativo di ministri della sanità sottolinea l’impegno a dare priorità alla salute nel contesto delle discussioni sul clima e rafforza il nostro impegno a creare un futuro più sano e sostenibile. La sessione ministeriale promette di amplificare l’urgenza di agire riunendo i leader globali per attuare soluzioni sostenibili. Questo incontro storico si concentrerà sull’affrontare l’intersezione cruciale tra salute e cambiamento climatico.

L’eredità della COP 28 sarà l’impegno per un pianeta più sano, in cui gli argomenti sanitari a favore dell’azione per il clima non solo vengano ascoltati ma portino a risultati tangibili.



28 novembre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy