Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 20 MAGGIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Morbillo e pertosse. Ecdc: “Casi in aumento in Europa. È scoraggiante, necessari sforzi su vaccinazioni”


Da marzo 2023 a fine di febbraio 2024 sono stati segnalati almeno 5770 casi di morbillo, inclusi almeno 5 decessi. Nello stesso periodo segnalato un aumento di oltre 10 volte dei casi di pertosse in diversi paesi Ue rispetto al 2022 e al 2021. “Per tutte le malattie prevenibili con il vaccino, è necessario ulteriore lavoro per garantire che nessuno venga lasciato indietro, soprattutto tra le popolazioni vulnerabili e svantaggiate”.

22 APR - In occasione della Settimana europea dell’immunizzazione, l’ECDC lancia l’allarme sull’aumento dei casi di malattie prevenibili con vaccino come il morbillo e la pertosse, dopo la diminuzione dei livelli durante la pandemia di COVID-19.

“È scoraggiante vedere che, nonostante decenni di sicurezza ed efficacia ben documentate dei vaccini, nei paesi dell’Ue e a livello globale debbano ancora affrontare focolai di malattie prevenibili con i vaccini”, ha commentato in una nota Andrea Ammon, direttrice dell'ECDC, secondo la quale “il raggiungimento e il mantenimento di un’elevata copertura vaccinale, la sorveglianza delle malattie e le azioni di risposta tempestive per controllare i focolai rimangono azioni chiave contro queste malattie. I vaccini hanno protetto molte generazioni e dovremmo garantire che ciò continui ad essere così”.

In particolare, secondo i dati dell’EDCD, il numero di casi di morbillo ha iniziato ad aumentare nel 2023; tra marzo 2023 e la fine di febbraio 2024 sono stati segnalati almeno 5770 casi di morbillo, inclusi almeno 5 decessi.

“Il rischio più elevato è tra i bambini di età inferiore a un anno, poiché sono troppo piccoli per essere vaccinati e dovrebbero quindi essere protetti dall’immunità di gregge. Il morbillo si diffonde molto facilmente, pertanto, per interrompere la trasmissione, è essenziale un’elevata copertura vaccinale, pari ad almeno il 95% della popolazione vaccinata con due dosi di vaccino contenente il morbillo”.

Dalla metà del 2023 è inoltre stato segnalato un aumento dei casi di pertosse in diversi paesi Ue: “I dati preliminari indicano un aumento di oltre 10 volte dei casi nel 2023 e nel 2024 rispetto al 2022 e al 2021. I giovani che si ammalano corrono un rischio maggiore di esiti gravi e di morte. “Per proteggerli al meglio, è essenziale garantire che tutti i vaccini contenenti la pertosse raccomandati siano somministrati in tempo. La vaccinazione durante la gravidanza può anche proteggere i bambini piccoli”.

Per l’ECDC “sono essenziali sforzi continui per identificare le lacune immunitarie nella popolazione, compresi coloro che potrebbero aver saltato o ritardato la vaccinazione” ed “un ulteriore lavoro per garantire che nessuno venga lasciato indietro, soprattutto tra le popolazioni vulnerabili e svantaggiate come rifugiati, migranti, richiedenti asilo e altri gruppi”.

22 aprile 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy