Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 22 GIUGNO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Mpox. Dall’Oms un nuovo quadro strategico per migliorarne la prevenzione e il controllo


Si sollecitano sforzi di integrazione di tutti i programmi sanitari, compresa la sorveglianza epidemiologica delle malattie; servizi per la salute sessuale, comunicazione del rischio e coinvolgimento della comunità; così come l’assistenza sanitaria di base, l’immunizzazione e altri servizi clinici

27 MAG -

Una tabella di marcia per le autorità sanitarie, le comunità e le parti interessate in tutto il mondo per controllare le epidemie di mpox in ogni contesto, far progredire la ricerca sull’mpox e l’accesso alle contromisure e ridurre al minimo la trasmissione zoonotica.

È quanto contenuto nel nuovo strategic framework per migliorare la prevenzione e il controllo dell’mpox (2024-2027) pubblicato dall’OMs. Un quadro strategico che guiderà le autorità sanitarie, le comunità e le altre parti interessate nella prevenzione e nel controllo delle epidemie di mpox, eliminando la trasmissione da uomo a uomo della malattia e riducendo lo spillover del virus dagli animali all’uomo.

L’obiettivo generale è raggiungere e sostenere l’eliminazione della trasmissione da uomo a uomo del mpox. Sollecita quindi gli sforzi di integrazione di tutti i programmi sanitari, compresa la sorveglianza epidemiologica delle malattie; i servizi per la salute sessuale, la comunicazione del rischio e il coinvolgimento della comunità; così come l’assistenza sanitaria di base, l’immunizzazione e altri servizi clinici. Il coordinamento tra tutti i partner, sotolinea l’Oms, rimane essenziale per garantire una risposta continua e solida per mpox.

L’Mpox, malattia virale causata dal virus del vaiolo delle scimmie (Mpxv), continua infatti a colpire persone in tutto il mondo. Può causare un’eruzione cutanea dolorosa, linfonodi ingrossati e febbre. La maggior parte delle persone guarisce completamente, ma alcuni si ammalano gravemente.

Il virus si trasmette da persona a persona attraverso contatti ravvicinati, anche sessuali. Ha anche serbatoi di animali nell’Africa orientale, centrale e occidentale, dove occasionalmente possono verificarsi ricadute dagli animali all’uomo, scatenando ulteriori focolai.

Esistono due diversi cladi del virus: il clade I e il clade II. Le epidemie del clade I sono più letali di quelle del clade II. Nel 2017 è iniziata un’importante comparsa di mpox legato al clade II e dal 2022 si è diffusa in tutte le regioni del mondo. Tra luglio 2022 e maggio 2023, l’epidemia è stata dichiarata emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale. Sebbene l’epidemia si sia in gran parte attenuata, i casi e i decessi continuano a essere segnalati oggi, a dimostrazione del fatto che la trasmissione di basso livello continua in tutto il mondo.

Attualmente, c’è anche un importante focolaio di virus del clade I nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), dove i casi sono in aumento da decenni. Dall’inizio dell’anno, nella RDC sono stati segnalati oltre 6500 casi e 345 decessi. Quasi la metà di questi sono tra i bambini di età inferiore ai 15 anni.



27 maggio 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy