Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 22 GIUGNO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Contraccezione. Su Science descritto approccio promettente per sviluppare una pillola anticoncezionale per gli uomini


Il sistema per la contraccezione reversibile non ormonale mira a inibire la proteina STK33, necessaria per la fertilità sia negli uomini che nei topi. Precedenti ricerche hanno dimostrato che STK33 è presente nei testicoli ed è necessaria per la formazione di spermatozoi funzionali. I risultati raccolti dai ricercatori del Baylor College of Medicine

27 MAG - Nonostante se ne sia parlato a più riprese, negli ultimi decenni i progressi concreti nel campo della contraccezione maschile sono stati limitati. A oggi per gli uomini non sono disponibili pillole orali. In uno studio pubblicato sulla rivista Science, i ricercatori del Baylor College of Medicine mostrano su modelli animali che un nuovo approccio non ormonale potrebbe offrire un’opzione promettente per la contraccezione maschile reversibile.

“Sebbene i ricercatori abbiano studiato diverse strategie per sviluppare contraccettivi maschili, non abbiamo ancora una pillola anticoncezionale per gli uomini”, ricorda l'autore Martin Matzuk, direttore del Center for Drug Discovery e del Dipartimento di Patologia e Immunologia del Baylor College. “In questo studio ci siamo concentrati su un approccio nuovo: identificare una piccola molecola che può inibire la serina/treonina chinasi 33 (STK33), una proteina specificatamente necessaria per la fertilità sia negli uomini che nei topi”.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che STK33 è presente nei testicoli ed è necessaria per la formazione di spermatozoi funzionali. Nei topi, l'eliminazione del gene Stk33 rende gli animali sterili a causa di spermatozoi anormali e/o con scarsa motilità. Negli uomini, avere una mutazione a livello del gene STK33 porta a infertilità causata, dagli stessi difetti dello sperma riscontrati nei topi knockout Stk33. La cosa più importante è che i topi e gli uomini con queste mutazioni non presentano altri difetti e hanno dimensioni normali dei testicoli. “STK33 è quindi considerato un obiettivo praticabile con problemi minimi di sicurezza per la contraccezione negli uomini”, assicura Matzuk. “Sono stati descritti inibitori di STK33 ma nessuno è specifico per STK33 o così potente da interrompere chimicamente la funzione STK33 negli organismi viventi”.

“Abbiamo utilizzato la tecnologia chimica codificata dal DNA (DEC-Tec) per esaminare la nostra raccolta multimiliardaria di composti e individuare efficaci inibitori di STK33”, ha affermato la prima autrice Angela Ku, scienziata del laboratorio di Matzuk. “Il nostro gruppo e altri hanno già utilizzato questo approccio per scoprire potenti inibitori selettivi della chinasi”, da cui i ricercatori sono riusciti a generare versioni modificate per renderli più stabili e selettivi.Tra queste versioni modificate, il composto CDD-2807 si è rivelato il più efficace”, ha affermato Ku.Successivamente, abbiamo testato l'efficacia del CDD-2807 su modello murino”, ha affermato la coautrice Courtney M. Sutton, ricercatrice post-doc. “Abbiamo valutato diverse dosi e schemi di trattamento e determinato la motilità e il numero degli spermatozoi nei topi, nonché la loro capacità di fecondare le femmine”. Il composto CDD-2807 ha attraversato efficacemente la barriera sangue-testicolo e ha ridotto la motilità e il numero degli spermatozoi e la fertilità dei topi a basse dosi. “Gli animali non mostravano segni di tossicità dal trattamento con CDD-2807, il composto non si accumula nel cervello e il trattamento non altera le dimensioni dei testicoli, in modo simile ai topi knockout Stk33 e agli uomini con la mutazione STK33”, ha detto Sutton. “È importante sottolineare che l’effetto contraccettivo è inoltre reversibile. Dopo un periodo senza il composto CDD-2807, i topi hanno recuperato la motilità e il numero degli spermatozoi ed erano di nuovo fertili”, ha spiegato l'esperta. Nei prossimi anni, l'obiettivo è valutare ulteriormente questo inibitore STK33 e composti simili al CDD-2807 nei primati per determinare la loro efficacia come contraccettivi maschili reversibili.


27 maggio 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy