Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 17 APRILE 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Radiofarmaci. Accordo tra AAA e Eli Lilly per la produzione e la fornitura di Amyvid


Il farmaco in soluzione iniettabile è  il primo e unico prodotto approvato dalla  Commissione Europea (Gennaio 2013) come radiofarmaco PET per la diagnosi dell’ Alzheimer o di altri disturbi cognitivi. Sarà prodotto in quattro laboratori in Italia, Francia e Spagna.

24 MAG - Al via il “matrimonio” tra Advanced Accelerator Applications (“AAA”), azienda internazionale di Medicina nucleare e molecolare e Eli Lilly.
Il gruppo biotech europeo fondato nel 2002 per lo sviluppo di prodotti diagnostici e terapeutici innovativi ha annunciato la firma di un contratto di produzione e assistenza, in via non esclusiva, con Eli Lilly per la fornitura di Amyvid™ (Florbetapir (18F)) in soluzione iniettabile in Italia, Francia e Spagna
 
Il farmacoin soluzione iniettabile, che sarà disponibile in aree selezionate della Ue a partire dal secondo trimestre del 2013,  è il primo e unico prodotto del suo genere ad avere ottenuto, a Gennaio 2013, l’autorizzazione alla commercializzazione da parte della Commissione Europea come radiofarmaco indicato per la diagnosi attraverso la Tomografia a emissione di positroni (PET) della densità della placca neuritica beta-amiloide nel cervello di pazienti adulti con disturbi cognitivi. È indicato per la valutazione della malattia di Alzheimer (AD) e di altre cause di disturbi cognitivi. Deve essere utilizzato congiuntamente a una valutazione clinica, si lega con le placche amiloidi, caratteristica neuropatologica dell’AD e viene rilevato mediante tomografie PET del cervello.
 
Una volta iniettato, Amyvid si distribuisce nel flusso sanguigno e arriva al cervello, dove si lega con le placche amiloidi. Una tomografia con Amyvid negativa indica placche sporadiche o assenti, il che non è compatibile con una diagnosi di Alzheimer. Una tomografia positiva che indica placche da moderate a frequenti, non stabilisce invece autonomamente una diagnosi di Alzheimer o altro disturbo cognitivo dato che un deposito di placca neuritica nella materia grigia può essere presente in anziani asintomatici e in alcuni tipi di demenza neurodegenerativa (Alzheimer, demenza con corpi di Lewy, demenza dovuta a malattia di Parkinson).  Soltanto un medico qualificato può stabilire una diagnosi di Alzheimer sulla base dei risultati di una valutazione globale del paziente.

“L’accordo con Eli Lilly – ha affermato Stefano Buono, CEO di AAA – è un’ulteriore conferma del posizionamento di AAA come leader europeo nel mercato altamente specializzato della produzione PET e della nostra capacità di essere partner ideali di società farmaceutiche che intendono portare sul mercato agenti PET proprietari per la diagnostica di differenti patologie. Con dieci centri di produzione di traccianti PET operativi e altri quattro in costruzione, distribuiti in nove paesi, siamo una delle due aziende con competenze specialistiche e capacità di produzione PET su larga scala in Europa. Siamo entusiasti della possibilità di lavorare con Lilly per offrire questo prodotto innovativo ai pazienti in Europa e motivati ad ampliare ulteriormente la nostra rete di produzione”.
 

24 maggio 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy