Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 APRILE 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Ipertensione: due farmaci meglio di uno


Pubblicato su Lancet uno studio che confronta l’assunzione fin dall’inizio del trattamento di aliskiren e amlodipina con la monoterapia con uno di questi farmaci.
Risultati migliori per il trattamento con due medicinali.
E c’è già chi chiede un aggiornamento delle linee guida.
 

17 GEN - Prescrivere al paziente iperteso fin dal primo trattamento la combinazione aliskiren/amlodipina offre maggiori vantaggi sul controllo pressorio rispetto all’assunzione di uno dei due farmaci.È il risultato principale dello studio Accelerate pubblicato su the Lancet.
Lo studio, finanziato da Novartis, ha comparato tre piani terapeutici (aliskiren, amlodipina e la combinazione dei due) in circa 1200 pazienti ipertesi per 16 settimane. Al termine del periodo di osservazione il gruppo con la doppia terapia registrava un abbassamento più marcato della pressione rispetto agli altri due gruppi. Di circa il 10 per cento per quanto concerne la pressione sistolica, del 6 per cento per quella diastolica.La combinazione, inoltre, si è dimostrata efficace anche in chi, dal singolo trattamento con uno dei due farmaci passa alla combinazione aliskiren/amlodipine. Allo scadere della sedicesima settimana, infatti, anche i pazienti in monoterapia sono passati al doppio trattamento arrivando a raggiungere - in ulteriori 6 settimane - quasi gli stessi valori pressori dei pazienti che fin dall’inizio avevano assunto la combinazione. Per quanto riguarda gli effetti collaterali, infine, non sono state registrate differenze sostanziali tra i tre gruppi.
“Accelerate è il primo trial che investiga l’efficacia e la sicurezza nel medio termine di due farmaci ipertensivi come trattamento di prima linea”, hanno affermato gli autori. “Crediamo di poter raccomandare l’impiego di routine di una combinazione come aliskirene e amlidipina come trattamento iniziale per ridurre la pressione”.
Analogo il giudizio espresso Ivana Lazich e George Bakris della Hypertensive Diseases Unit presso l’University of Chicago Pritzker School of Medicine. In un editoriale pubblicato a corredo dello studio, i due cardiologi hanno affermato che “un cambiamento nelle linee guida è chiaramente necessario dopo la pubblicazione dello studio Accelerate”. 

17 gennaio 2011
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy