Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 01 MARZO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Osteoporosi: una nuova conferma per lo stronzio ranelato


Presentati nel corso del Congresso Europeo su osteoporosi e osteoartrosi i risultati dello studio BIOPSY: il farmaco non solo previene il rischio di fratture per 10 anni, ma aiuta anche a preservare la formazione di tessuto osseo.

28 MAR - Non soltanto previene le fratture, ma contribuisce anche alla formazione di nuovo tessuto osseo. Sono queste le caratteristiche dello stronzio ranelato secondo quanto emerso dallo studio BIOPSY (stronzio ranelato VS alendronato), un ampio trial sulle biopsie ossee i cui risultati sono stati presentati al Congresso Europeo su osteoporosi e osteoartrosi (ECCEO11-IOF) in corso a Valencia.La ricerca, condotta su 268 donne in post menopausa con osteoporosi, ha evidenziato la capacità significativamente maggiore del farmaco di indurre la formazione di nuovo tessuto rispetto ad alendronato.
Dall’analisi con l’istomorfometria delle biopsie ossee è stato evidenziato che dopo sei mesi di trattamento con stronzio ranelato, la superficie di mineralizzazione, cioè il parametro utilizzato per misurare l’estensione del nuovo tessuto osseo, risultava pari al 2,94% rispetto al 0,20% delle donne a cui è stato somministrato alendronato.
Dati, che secondo i ricercatori fanno dello stronzio ranelato la terapia di prima scelta per l’osteoporosi per tutte le donne in post-menopausa.
I numeri dell’osteoporosi sono più che preoccupanti: ne sono affette circa 5 milioni di persone in Italia, l’80% donne in postmenopausa. Inoltre, ogni anno, la patologia causa 250 mila nuove fratture, di cui 70 mila a carico del femore (le più temibili per le conseguenze disabilitanti che determinano e per l’elevato costo sociale). Sono invece 20 mila ogni anno le fratture vertebrali, anche queste in grado di determinare un forte grado di disabilità nelle pazienti colpite.
E questi numeri sono destinati a crescere, fino a raddoppiare tra 40 anni.
“I risultati dello studio BIOPSY - ha commentato Roland Chapurlat dell’Ospedale di Lione (Francia) e tra gli autori della sperimentazione - dimostrano che questo farmaco preserva la capacità di formazione dell’osso”. “L’attività di formazione ossea osservata in questo lavoro – ha aggiunto Louis-Georges Ste-Marie dell’Università di Montreal - può essere attribuita al meccanismo d’azione unico della molecola che coniuga il duplice effetto di mantenere o aumentare la formazione ossea e ridurre il riassorbimento del tessuto”.  

28 marzo 2011
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy