Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 21 GIUGNO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Sperimentazioni cliniche nelle neuroscienze. Italia e Usa concordano: “Più coinvolgimento delle autorità regolatorie nello sviluppo dei nuovi farmaci”


Il direttore dell’Aifa Luca Pani e il commissioner della Fda Robert Califf hanno concordato che la via comune debba essere quella di un sempre maggior coinvolgimento delle Agenzie Regolatorie nei momenti iniziali dello sviluppo di un nuovo prodotto mediante valutazioni di Health Technology Assessment  e uso rigoroso dei registri e dei database informatici che utilizzano multiple sorgenti di informazioni.

05 MAR - Si è appena conclusa la sessione regolatoria del Workshop sulle sperimentazioni cliniche del futuro sul Sistema Nervoso Centrale presso l’Institute of Medicine a Washington con Robert Califf, nuovo Commissioner della Food and Drug Administration (FDA), e Luca Pani, Direttore Generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA).
 
I due esperti hanno concordato che la via comune debba essere quella di un sempre maggior coinvolgimento delle Agenzie Regolatorie nei momenti iniziali dello sviluppo di un nuovo prodotto mediante valutazioni di Health Technology Assessment (HTA) e uso rigoroso dei registri e dei database informatici che utilizzano multiple sorgenti di informazioni.
 
Robert Califf ha più volte lodato il lavoro dell’Agenzia italiana, ricordando la stretta collaborazione negli ultimi anni con FDA, e ha raccomandato ulteriori livelli di interazione in un prossimo futuro perché la strada indicata dall’AIFA nell’evoluzione informatica dai database dei prodotti verso quelli delle malattie è chiaramente innovativa e molto utile ai fini della tutela della salute dei pazienti. 
 
La sessione ha toccato temi come la condivisione delle informazioni delle sperimentazioni da parte delle aziende farmaceutiche, l’integrità e la certificazione delle informazioni al fine di migliorare l’efficacia e l’efficienza dei trial clinici e i costi delle nuove terapie per i sistemi pubblici o privati che le devono rimborsare.
 
Luca Pani ha ribadito che una delle aree ancora poco esplorata è quella, condivisa anche dal responsabile della FDA, della comprensione degli effetti a lungo termine (> 2 anni) di trattamenti spesso molto costosi, dei quali dobbiamo conoscere la durata della risposta clinica, non solo in termini di efficacia o di sicurezza, ma per sapere cosa accade quando, per un qualsiasi motivo, il farmaco che si intendeva usare cronicamente, debba essere sospeso.
 
Fonte: Aifa 

05 marzo 2016
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy