Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 30 MAGGIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Giornata mondiale sulla donazione del sangue. L’Oms punta al 100% di donazioni volontarie non retribuite di sangue sicuro


Parte in occasione della giornata mondiale sulla donazione del sangue del 14 giugno la campagna Oms per incentivare le donazioni volontarie e non retribuite in tutti i Paesi (oggi in 71 ci sono ancora quelle a pagamento) e per diffondere la cultura della sicurezza di sangue ed emoderivati a livello di organizzazione nazionale dei governi. LA GUIDA OMS.  

13 GIU - “Donare il sangue. Dare ora, dare spesso”. E’ questo lo slogan che l’Organizzazione mondiale della sanità ha scelto per la campagna 2017 sulla donazione del sangue che si concentrerà sulla donazione in situazioni di emergenza, ma soprattutto che vuole incentivare  in tutti i paesi donazioni volontarie non retribuite e sicure sia per quanto riguarda il sangue che gli emoderivati.
 
La campagna prende il via con la giornata mondiale sulla donazione del sangue fissata il 14 giugno. Ogni anno, il 14 giugno, paesi in tutto il mondo celebrano giornata mondiale del donatore di sangue (WBDD). L'evento serve per aumentare la consapevolezza della necessità di sangue e di emoderivati ​​sicuri e per ringraziare i donatori di sangue per i loro salvavita doni di sangue.
 
Negli ultimi dieci anni, le catastrofi hanno causato più di 1 milione di morti, con più di 250 milioni di persone di essere colpite da emergenze di ogni anno. Le catastrofi naturali come terremoti, inondazioni e tempeste creano notevoli esigenze per l'assistenza sanitaria di emergenza, mentre allo stesso tempo, spesso distruggendo strutture sanitarie vitali come bene. disastri causati dall'uomo, come incidenti stradali e conflitti armati producono anche notevoli esigenze di assistenza sanitaria e la necessità di un trattamento di prima linea. La trasfusione di sangue è una componente essenziale di assistenza sanitaria dell’emergenza. 
 
La campagna sottolinea il ruolo ogni singola persona può svolgere per aiutare gli altri in situazioni di emergenza, dando il dono prezioso del sangue. Esso si concentra inoltre sul fatto che è importante dare regolarmente il sangue, in modo che lo stock di sangue sia sufficiente prima di un'emergenza.
 
Gli obiettivi della campagna di quest'anno
· incoraggiare tutte le persone a rafforzare la preparazione alle emergenze dei servizi sanitari nella loro comunità con la donazione del sangue;
· coinvolgere le autorità nella creazione di programmi nazionali di donatori di sangue efficaci con la capacità di rispondere prontamente alla crescita della domanda di sangue durante le emergenze;
· promuovere l'inclusione dei servizi trasfusionali in attività nazionali di preparazione e risposta alle emergenze;
· costruire più ampia consapevolezza pubblica della necessità di impegno, donazione di sangue tutto l'anno, per mantenere un approvvigionamento sufficiente e raggiungere un'autosufficienza nazionale del sangue;
· ringraziare le persone che donano il sangue regolarmente e per incoraggiare i giovani a diventare nuovi donatori;
· promuovere la collaborazione internazionale per garantire la diffusione a livello mondiale di consenso sui principi della donazione volontaria e non retribuita, aumentando al contempo la sicurezza del sangue e la disponibilità.
 
Il paese ospitante per l'evento globale del Mondiale del donatore di sangue Day 2017 è il Vietnam attraverso il suo Istituto Nazionale di Ematologia e Trasfusionale (NIHBT). L'evento globale si terrà ad Hanoi il 14 giugno 2017.
 
L’Oms in occasione della campagna indica schematicamente gli aspetti principali della donazione del sangue: 
• dei 112,5 milioni di donazioni di sangue raccolti a livello globale, circa la metà sono raccolti in paesi ad alto reddito, in cui vive il 19% della popolazione mondiale;
• nei paesi a basso reddito, fino al 65% delle trasfusioni di sangue sono per i bambini al di sotto dei 5 anni di età, mentre nei paesi ad alto reddito, il gruppo di pazienti più frequentemente trasfuso sono quelli con più di 65 anni di età che rappresentano il 76% di tutte le trasfusioni;
• il tasso di donazione di sangue è di 32,1 per 1000 abitanti donazioni nei paesi ad alto reddito, 14.9 donazioni in quelli a medio-alto reddito, 7,8 donazioni per 1000 abitanti nei paesi a reddito medio-basso e 4,6 donazioni nei paesi a basso reddito;
• tra il 2008 e il 2013 si è registrato un incremento di 10,7 milioni di donazioni di sangue da donatori volontari non retribuiti. In totale, 74 paesi raccolgono oltre il 90% di sangue da volontari donatori di sangue non retribuite, ma 71 paesi raccolgono oltre il 50% del sangue dalla famiglia di chi ne ha bisogno o donatori retribuiti;
• solo 51 dei 180 paesi producono medicinali derivati dal plasma (PDMP) attraverso il frazionamento di quelo raccolto nel paese stesso. Un totale di 96 paesi ha riferito invece che tutti i PDMP sono importati e 17 paesi hanno riferito che non sono stati utilizzati PDMP nel periodo di riferimento, mentre 16 paesi non hanno risposto alla domanda.
 
Una trasfusione di sangue spesso salva la vita e migliora la salute, sottolinea l’Oms, ma molti pazienti che necessitano di trasfusioni non hanno accesso tempestivo a sangue sicuro. Fornire il sangue sicuro e adeguato dovrebbe essere parte integrante della politica sanitaria nazionale di ogni paese.
 
L'Oms raccomanda che tutte le attività connesse alla raccolta del sangue, controllo, lavorazione, stoccaggio e distribuzione, siano coordinate a livello nazionale attraverso un'organizzazione efficace e reti di fornitura di sangue integrate. Il sistema sangue nazionale dovrebbe essere governato dalla politica nazionale e il quadro legislativo dovrebbe promuovere l'attuazione uniforme delle norme di qualità e sicurezza del sangue e degli emoderivati.
 
Nel 2013, spiega l’Oms, il 68% dei paesi - 122 su 179 -  ha sviluppato una politica nazionale sul sangue.
 
Nel complesso, il 58% dei paesi - 105 su 181 -  hanno una legislazione specifica che riguarda la sicurezza e la qualità della trasfusione di sangue, tra cui:
• 79% dei paesi ad alto reddito
• 64% dei paesi a reddito medio
• 41% dei paesi a basso reddito.
 
Il quadro globale di azione per raggiungere il 100% della donazione di sangue volontaria è stata sviluppato congiuntamente dall’Oms, dalla Federazione Internazionale della Croce Rossa e dalla Mezzaluna Rossa ed è stato progettato per fornire una guida e sostegno ai paesi che cercano di stabilire programmi di donatori di sangue volontari efficaci, eliminare gradualmente le donazioni di sangue dalla famiglia ed eliminare la donazione a pagamento.
I volontari donatori di sangue non retribuiti sono il fondamento di un apporto di sangue sicuro. Senza un sistema basato sulla donazione volontaria non retribuita, nessun paese può fornire sufficiente sangue per tutti i pazienti che necessitano di trasfusioni.
 
Il documento elaborato a questo proposito dall’Oms ha lo scopo di:
1. fornire informazioni e orientamento sul ruolo vitale dei donatori di sangue volontari per garantire la sicurezza di approvvigionamenti stabili e sufficienti di sangue sicuro per le trasfusioni;
2. proporre una serie di strategie e suggerimenti per azioni concrete a livello nazionale e comunitario fino ai programmi per i donatori volontari di sangue con l'impegno e il sostegno da parte dei governi, di partner e altri soggetti interessati.
 
Riserva di sangue
Circa 13.000 centri di raccolta sangue in 176 paesi riferiscono di raccogliere 110 milioni di donazioni, ma variano a seconda del reddito: sono 5400 in media per centro nei paesi a basso e medio reddito, rispetto a 16.000 nei paesi ad alto reddito.
In 67 paesi si segnala una raccolta di meno di 10 donazioni per 1000 persone. Di questi, 38 paesi sono nella regione dell'Africa, 5 nella Regione delle Americhe, 6 nella regione orientale del Mediterraneo, 5 nella Regione europea, 6 nella Regione dell’Asia sud-orientale, e 8 nel Pacifico occidentale. Tutti sono paesi a basso o medio reddito.
 
Età e sesso dei donatori di sangue
I dati sul profilo dei donatori di sangue mostrano che a livello mondiale il 30% delle donazioni sono fatte da donne, anche se questo dato varia ampiamente: in 18 dei 118 paesi, meno del 10% delle donazioni sono di donatori di sesso femminile.
Il profilo di età dei donatori di sangue mostra che, in proporzione, i giovani donano il sangue soprattutto nei paesi a basso e medio reddito.
 
Tipi di donatori di sangue
Ci sono 3 tipi di donatori di sangue:
1. volontario non retribuito
2. famiglia
3. retribuito.
 
Un quantitativo adeguato e affidabile di sangue sicuro può essere assicurato secondo l’Oms da una base stabile di volontari regolari, donatori di sangue non retribuiti. Questi donatori sono anche il gruppo più sicuro di donatori: tra loro la prevalenza di infezioni a trasmissione ematica è più basso.
 
I dati dell’Oms riportati mostrano un aumento significativo delle donazioni volontarie di sangue non retribuite nei paesi a basso e medio reddito:
• tra il 2008 e il 2013 si è registrato un incremento di 10,7 milioni di donazioni di sangue da donatori volontari non retribuiti in 159 paesi. Il più alto incremento si è avuto nel Sud-Est asiatico (75%), nella Regione africana (37%). In valori assoluti l’aumento più elevato è ancora nel Sud-Est asiatico (5,3 milioni di donazioni), seguito dal Pacifico occidentale (2,8 milioni di donazioni);
• 74 paesi raccolgono oltre il 90% del sangue da donazioni volontarie non retribuite (39 paesi ad alto reddito, 26 paesi a medio reddito e 9 paesi a basso reddito). In 57 di questi paesi il 100% (o più del 99%) del sangue è raccolto da donatori volontari non retribuiti;
• In 71 paesi, invece, più del 50% della fornitura di sangue dipende ancora dalla famiglia e da donatori retribuiti (11 paesi ad alto reddito, 45 paesi a reddito medio e 16 paesi a basso reddito);
• 24 paesi segnalano ancora la raccolta di donazioni retribuite nel 2013: circa 1.650.000 in totale.
 
Lo screening del sangue
L'Oms raccomanda che tutte le donazioni di sangue siano sottoposte a screening per le infezioni prima dell'uso. Screening per HIV, epatite B, epatite C e sifilide dovrebbe essere obbligatori.
Di tutti i paesi, 13 non sono in grado di analizzare tutto il sangue donato per una o più delle infezioni indicate.
La fornitura irregolare di kit per il test è una delle barriere più comuni agli screening. Il 99,6% delle donazioni in paesi ad alto reddito sono controllate seguendo procedure di qualità, rispetto al 97% dei paesi a reddito medio-alto, all’81% dei paesi a medio- basso e al 66% nei paesi a basso reddito. La prevalenza di infezioni trasmissibile per trasfusione di sangue nei paesi ad alto reddito è notevolmente inferiore rispetto a quelli basso e medio reddito.
 
 
 
 
 
 
L'uso clinico del sangue
Trasfusioni non necessarie e pratiche trasfusionali non sicure espongono i pazienti al rischio di reazioni trasfusionali avverse gravi e infezioni trasmissibili per via ematica e quelle non necessarie riducono anche la disponibilità di prodotti del sangue per i pazienti che invece ne hanno bisogno.
 
L'Oms raccomanda lo sviluppo di sistemi quali le strutture ospedaliere trasfusionali e l’emovigilanza, per monitorare e migliorare la sicurezza dei processi trasfusionali.
A questo proposito:
• 126 paesi hanno linee guida nazionali sull'uso clinico appropriato di sangue: 34 paesi della regione dell'Africa (74% dei paesi nella regione), 20 nelle Americhe (57%), 14 nel Mediterraneo orientale (70%), 33 in Europa (77%), 8 nel sud-est asiatico (72%), e 17 nel Pacifico occidentale (68%);
• organismi di controllo trasfusionali sono presenti nel 39% degli ospedali che effettuano trasfusioni: il 14% degli ospedali che effettuano trasfusioni nella regione africana, il 20% nelle Americhe, il 57% nel Mediterraneo orientale, il 92% in Europa, il 57% in Sud-Est asiatico e il 25% nel Pacifico occidentale.
• le verifiche cliniche sono condotte in 54% degli ospedali che effettuano trasfusioni nei paesi ad alto reddito e nel 42% degli ospedali nei paesi a medio e basso reddito;
• sistemi per la segnalazione di eventi avversi da trasfusione sono presenti nel 17% degli ospedali nella regione africana, nel 91% nelle Americhe,  32% nel Mediterraneo orientale,  99% in Europa,  59% nel Sud Est asiatico e  37% nel Pacifico occidentale;
• Il 39% dei paesi ha un sistema di emovigilanza. La regione europea ha la più alta percentuale di paesi con sistemi di emovigilanza (77%), seguita dal Sud-Est asiatico (46%),  Mediterraneo orientale (35%), Pacifico occidentale (32%), Africa (26%) e America (14%).
 
La risposta dell’Oms
Il rischio di trasmissione di infezioni gravi, compreso HIV ed epatite, attraverso il sangue non sicuro e carenze di sangue croniche focalizzano l’attenzione globale sull'importanza della sicurezza del sangue e sulla sua disponibilità.
 
Con l'obiettivo di garantire l'accesso universale a sangue sicuro e prodotti del sangue, l’Oms è in prima linea e raccomanda la seguente strategia integrata:
• istituzione di un sistema-sangue nazionale con servizi trasfusionali ben organizzati e coordinati, efficaci politiche nazionali basate sull'evidenza e l’etica e legislazione e regolamentazione in grado di fornire un approvvigionamento sufficiente e tempestivo di sangue e di emoderivati sicuri per soddisfare le esigenze di trasfusione di tutti i pazienti;
• raccolta di sangue, plasma e altri componenti del sangue a basso rischio, da donatori volontari regolari e non retribuiti attraverso il potenziamento dei sistemi di donazione e gestione dei donatori, compresa l'assistenza e la consulenza;
• screening di qualità di tutto il sangue donato rispetto alle infezioni da trasfusione trasmissibili, compreso HIV, epatite B, epatite C e sifilide e test di conferma dei risultati per tutti i donatori e i marcatori di infezione con  test di compatibilità e sistemi per l’elaborazione del sangue nei prodotti del sangue (componenti del sangue per la trasfusione e derivati medicinali del plasma);
• uso razionale del sangue e dei prodotti per ridurre le trasfusioni inutili e ridurre al minimo i rischi connessi; uso di alternative alla trasfusione, ove possibile, e pratiche di trasfusione cliniche sicure anche per la gestione del sangue del paziente;
• graduale implementazione di sistemi efficaci di qualità, tra cui standard, buone pratiche di fabbricazione, documentazione, formazione di tutto il personale, e valutazione della qualità.
 
Attraverso il programma di sicurezza del sangue e delle trasfusioni, l’Oms sostiene i paesi nello sviluppo di sistemi nazionali per garantire l'accesso tempestivo a forniture sicure e sufficienti di sangue e di emoderivati e per assicurare buone pratiche trasfusionali per soddisfare le esigenze dei pazienti.
Il programma fornisce una guida politica e di assistenza tecnica ai paesi per garantire l'accesso universale al sangue sicuro e prodotti del sangue e raggiungere l'autosufficienza basandosi sulla donazione volontaria non retribuita per raggiungere una copertura sanitaria universale.

13 giugno 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy