Quotidiano on line
di informazione sanitaria
16 GIUGNO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Oms. Dal 1° luglio Tedros Adhanom Ghebreyesus è il nuovo direttore generale in carica. Le sue priorità e i suoi programmi


Il neo direttore generale Oms concentererà la sua azione su cinque aree principali di lavoro: copertura sanitaria universale; capacità delle autorità nazionali e le comunità locali di individuare, prevenire e gestire le emergenze sanitarie; migliorare la salute e il benessere delle donne, dei bambini e degli adolescenti; affrontare l'impatto sulla salute dei cambiamenti climatici e ambientali; costruire un’Oms trasparente e responsabile.

02 LUG - Il 1 ° luglio 2017, Tedros Adhanom Ghebreyesus ha iniziato il suo mandato di 5 anni come nuovo direttore generale Oms.  Tedros in precedenza è stato ministro della Salute e ministro degli affari esteri in Etiopia e nel consiglio del Fondo Globale e del Roll Back Malaria Partnership.
Tedros prevede di concentrarsi su cinque aree principali di lavoro durante il suo mandato: realizzazione di una copertura sanitaria universale; rafforzare la capacità delle autorità nazionali e le comunità locali per individuare, prevenire e gestire le emergenze sanitarie; migliorare la salute e il benessere delle donne, dei bambini e degli adolescenti; affrontare l'impatto sulla salute dei cambiamenti climatici e ambientali; costruire un’Oms trasparente e responsabile.
 
“Mi immagino un mondo in cui tutti possano vivere una vita sana e produttiva – ha spiegato Tedros nel suo programma -  a prescindere da chi siano o dove vivono. Credo che l'impegno globale per lo sviluppo sostenibile - offra un'opportunità unica per affrontare i determinanti sociali, economici e politici della salute e migliorare la salute e il benessere delle persone in tutto il mondo.
 
Il raggiungimento di questa visione richiede un’Oms forte, efficace, in grado di affrontare le sfide emergenti e raggiungere gli obiettivi di salute dello sviluppo sostenibile. Abbiamo bisogno di una società che appartiene a tutti, allo stesso modo. Abbiamo bisogno di un’Oms efficacemente gestita, dotata di risorse adeguate e che ottenga risultati, con una forte attenzione alla trasparenza, alla responsabilità e al rapporto qualità-prezzo”.
 
Secondo Tedros “quando le persone sono in buona salute, intere comunità e nazioni prosperano, anzi, tutto il mondo ha benefici. Mi impegno con capi di Stato, ministri, istituzioni, il sistema delle Nazioni Unite, la società civile e il settore privato per rendere l'accesso alle cure sanitarie e alla protezione dai focolai delle malattie infettive una componente centrale della sicurezza del mondo.
 
Ciò comprende l'attuazione del regolamento sanitario internazionale e la capacità di affrontare le minacce emergenti, come la resistenza antimicrobica, cambiamenti climatici e ambientali e le malattie non trasmissibili. Tale impegno permetterà all’Oms e alle organizzazioni e alle autorità sanitarie nazionali di svolgere efficacemente le loro funzioni fondamentali, riaffermare la leadership dell'Om per garantire un mondo più sano e più sicuro, e, infine, guidare i progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile”.
 
“Il diritto di ogni individuo ai servizi sanitari di base – prosegue Tedros - sarà la mia priorità assoluta. Metterà in campo meccanismi capaci di ascoltare, imparare e coinvolgere le persone e le comunità, tra cui migranti, sfollati e persone disabili; persone che vivono in quartieri poveri e basso reddito, rurali, urbane e altre popolazioni vulnerabili.
Questo impegno - e ciò che impariamo da esso - sarà al centro dei nostri sforzi per mobilitare le risorse e impegnare le autorità responsabili per la salute di tutti, indipendentemente da età, sesso, reddito, orientamento sessuale o religione”.
 
Per il nuovo direttore Oms migliorare la salute globale richiede un impegno efficace con tutti gli Stati membri e in molteplici settori. “Sotto la mia guida – ha detto ancora – l’Oms avrà un approccio scientifico, innovativo, massimizzando partnership inclusive e garantendo la definizione delle priorità collettive con tutte le parti interessate. In particolare, vorrei che tutti i paesi fossero partner a pieno titolo e alla pari, per guidare e prendere le decisioni che interessano la salute delle loro popolazioni. Ogni programma, ogni iniziativa, ogni assegnazione di finanziamenti è molto di più di una statistica o una linea in un budget. Si tratta di una vita protetta. Si tratta di un bambino che raggiunge l'età adulta. Si tratta di un genitore che guarda il proprio figlio sopravvivere e prosperare. Si tratta di una comunità che vive libera dalle malattie o di un intero paese o regione preparato per le emergenze o i disastri. Questa – ha concluso è la differenza che può fare lavorare fianco a fianco con gli Stati membri e i partner globali”.
 

02 luglio 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy