Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 19 GIUGNO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Sport. Latte e cioccolato per ritrovare le energie

di Lisa Rapaport

Alcuni ricercatori iraniani hanno condotto una breve review di studi incentrati sull’efficacia di latte e cioccolato nel recupero delle fatiche sportive. È emerso che questa bevanda produce lo stesso effetto degli sport drink sui principali parametri con cui viene misurato il recupero dell’atleta

16 LUG - (Reuters Health) – Con il suo contributo di carboidrati, proteine e grassi, di acqua ed elettroliti, latte e cioccolato è una bevanda utile agli atleti, almeno quanto gli sport drink, per riprendersi dopo l’attività fisica. È quanto suggerisce una ricerca pubblicata dall’European Journal of Clinical Nutrition. Lo studio è stato coordinato da Amin Salehi-Abargouei, della Shahid Sadoughi University of Medical Science di Yazd, in Iran.

Lo studio
I ricercatori hanno esaminato i dati di 12 studi di piccole dimensioni che confrontavano l’effetto di latte e cioccolato  sui diversi indicatori di recupero degli esercizi sportivi, rispetto a una bevanda placebo o a uno sport drink. Gli atleti si dedicavano per lo più a corsa o bicicletta e i ricercatori andavano poi a valutare i marker di recupero, come il tempo necessario all’esaurimento energetico durante gli allenamenti, i livelli di sforzo percepito dagli atleti, la frequenza cardiaca e i livelli di acido lattico e dell’enzima creatin-chinasi nel sangue.

I risultati
Dai risultati è emerso che latte e cioccolato hanno allungato il tempo di percezione della fatica durante l’allenamento, hanno migliorato la frequenza cardiaca o i livelli di acido lattico nel sangue, almeno quanto altre bevande. E in alcuni casi, secondo i ricercatori,  latte e cioccolato sono risultati migliori rispetto a bevande alternative. “Latte e cioccolato è un’opzione a basso costo, gustosa e adatta al recupero fisico e fornisce effetti simili o superiore rispetto alle bevande commerciali”, spiega l’autore dello studio Salehi-Abargouei.

Fonte: European Journal of Clinical Nutrition

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

16 luglio 2018
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy