Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 21 GIUGNO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Fibrillazione atriale dopo chirurgia non cardiaca e rischio di ictus

di Megan Brooks

La fibrillazione atriale può comparire anche dopo un intervento di chirurgia non cardiaca. Ad oggi, la comparsa di questo disturbo è stata correlata allo stress postoperatorio Uno studio condotto negli Stati Uniti ha evidenziato come la fibrillazione atriale aumenti, nell’arco di cinque anni, il rischio di attacco ischemico transitorio e di ictus.

02 SET - (Reuters Health) – Secondo uno studio di coorte retrospettivo condotto negli USA, i pazienti che sviluppano fibrillazione atriale (FA) dopo un intervento di chirurgia non cardiaca presentano un rischio significativamente aumentato di attacco ischemico transitorio (TIA) o ictus nei successivi cinque anni.
Si ritiene che la FA che compare in seguito a un intervento di chirurgia non cardiaca sia innescata da stress postoperatorio e infiammazione sistemica, insieme a comorbilità predisponenti. Ciò che non è chiaro è la frequenza con cui l’aritmia possa costituire un evento postoperatorio isolato o un disturbo duraturo.
 
Per fare luce sull’argomento, Alanna Chamberlain e colleghi della Mayo Clinic di Rochester, Minnesota, hanno esaminato 452 pazienti con fibrillazione atriale insorta entro 30 giorni da un intervento di chirurgia non cardiaca, eseguito tra il 2000 e il 2013. I soggetti sono stati appaiati 1:1 in base a età, sesso, anno dell’intervento e tipo di intervento con pazienti che avevano subito un intervento di chirurgia non cardiaca ma non avevano sviluppato fibrillazione atriale postoperatoria. In entrambi i gruppi, l’età media era 75 anni e il 52% era di sesso maschile.
 
I risultati
I pazienti con fibrillazione atriale postoperatoria presentavano punteggi CHA2DS2-VASc significativamente più elevati rispetto a quelli del gruppo di controllo (mediana, 4 vs 3).
 
Nel corso di un follow-up mediano di 5,4 anni, si sono verificati 71 ictus ischemici/TIA, 266 successivi episodi documentati di fibrillazione atraile (definita come FA>30 giorni dall’intervento) e 571 decessi (172 legati a cause cardiache).
 
Dopo aver considerato età e Charlson Comorbidity Index (Indice di comorbilità di Charlson), i pazienti con fibrillazione atriale postoperatoria presentavano più del doppio del rischio di ictus o TIA durante il follow-up (hazard ratio, 2,69; intervallo di confidenza al 95%, da 1,35 a 5,37). La differenza nel rischio assoluto a cinque anni era pari al 4,7%.
 
I pazienti con fibrillazione atriale postoperatoria avevano anche un maggior rischio statisticamente significativo di fibrillazione atriale documentata più di 30 giorni dopo l’intervento (HR, 7,94; IC 95%, da 4,85 a 12,98) e di decesso per tutte le cause (HR 1,66; IC 95%, da 1,32 a 2,09). Le differenze nel rischio assoluto a cinque anni erano rispettivamente pari al 39,3% e al 9,4%. Non vi era alcuna differenza significativa nel rischio di decesso cardiovascolare tra i gruppi.
 
Nel loro articolo su JAMA i ricercatori affermano che tali risultati “potrebbero avere implicazioni sul monitoraggio del ritmo e sul trattamento e indicano che, per molti pazienti; la fibrillazione atriale dopo chirurgia non cardiaca non è un’aritmia transitoria correlata allo stress postoperatorio. Piuttosto, lo stato postoperatorio potrebbe essere considerato uno ‘stress test’ per la manifestazione della fibrillazione atriale”.
 
Fonte: JAMA

Megan Brooks

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

02 settembre 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy