Quotidiano on line
di informazione sanitaria
27 NOVEMBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Asma. Se manca la vitamina D, utili gli integratori

di Lisa Rapaport

La carenza di vitamina D può rappresentare un ulteriore problema per chi soffre di asma. Uno studio condotto in Spagna ha fatto luce su questo aspetto, giungendo alla conclusione che l’integrazione di vitamina D po' aiutare il paziente nella gestione della patologia. “L’assunzione dell’integratore potrebbe determinare una riduzione dell’infiammazione e una miglior risposta al trattamento farmacologico”, dice Ruben Andujar-Espinosa, principale autore dello studio

24 NOV - (Reuters Health) – Gli adulti asmatici che presentano anche una carenza di vitamina D potrebbero ottenere un miglior controllo dell’asma assumendo integratori di calcifediolo. È quanto emerge da uno studio pubblicato da Thorax e condotto in Spagna.

112 adulti asmatici e con livelli di 25-idrossivitamina-D3 al di sotto di 30 ng/ml sono stati randomizzati a ricevere integratori per via orale con 16.000 UI di calcifediolo a settimana o un placebo, in aggiunta al trattamento abituale per l’asma. L’endpoint primario dello studio era il punteggio al test di controllo dell’asma (ACT), che oscillava da 5 punti per uno scarso controllo a 25 punti per un controllo eccellente.

Al basale i punteggi medi all’ACT si attestavano a 17,71 nel gruppo dell’intervento e a 19,02 in quello di controllo. Dopo sei mesi, i punteggi medi erano di 20,49 nel gruppo dell’intervento e 18,23 in quello di controllo, una differenza clinica statisticamente significativa di 3,66 punti.

“Il messaggio per i medici è che i pazienti dovrebbero ricevere misurazioni della vitamina D nel siero e, in caso di carenza, dovrebbe essere somministrato un integratore”, dice l’autore principale dello studio, Ruben Andujar-Espinosa del reparto di pneumologia presso il Virgen de la Arrixaca University Clinical Hospital di Murcia.”L’assunzione dell’integratore potrebbe determinare una riduzione dell’infiammazione e una miglior risposta al trattamento farmacologico”.

L’età media dei partecipanti era di 55 anni. 87 (pari al 78% del campione) erano donne. I livelli di 25-idrossivitamina-D nel siero al basale erano pari a 16,71 ng/ml nel gruppo trattato e 17,48 ng/ml in quello di controllo.

Un endpoint secondario era la percentuale di partecipanti che raggiungevano livelli di 25-idrossivitamina-D nel siero al di sopra di 30 ng/ml. A sei mesi, tutti i soggetti tranne sette nel gruppo dell’intervento (13%) hanno soddisfatto questo endpoint, mentre nel gruppo di controllo lo hanno raggiunto solo in due (4%).

Non si è verificato alcun evento avverso grave e non vi sono stati casi di ipercalcemia, colica renale o decesso. Gli effetti collaterali più comuni sono stati problemi gastrointestinali, manifestati da due persone a cui è stato somministrato placebo e da tre partecipanti che hanno ricevuto integratori di vitamina D.

Fonte: Thorax

Lisa Rapaport

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

24 novembre 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy