Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 19 MAGGIO 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Covid. L’accusa di Onu e Oms ai paesi ricchi: “Il vaccinazionalismo minaccia la ripresa globale”. Tedros: “In un pase a basso reddito consegnate solo 25 dosi di vaccino”


Dura presa di posizione dei leader delle organizzazioni internazionali. “Anche se parlano la lingua dell'accesso equo, alcuni paesi e aziende continuano a dare la priorità agli accordi bilaterali, aggirando COVAX, facendo salire i prezzi e tentando di saltare in prima fila. Questo è sbagliato”. "Mentre 39 milioni di dosi sono state somministrate in almeno 49 paesi più ricchi, solo 25 dosi sono state somministrate in una nazione a reddito più basso, e non 25 milioni, o 25 mila ma solo 25!", ha detto il DG dell'Oms.

19 GEN - “L’approccio "prima a me" ai vaccini COVID-19 da parte di alcuni paesi e produttori sta mettendo a rischio un accesso equo a questi trattamenti salvavita”. Rivolgendosi al comitato esecutivo dell'agenzia, il capo dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha espresso il timore che "anche se i vaccini portano speranza ad alcuni, diventano un altro mattone nel muro della disuguaglianza tra chi ne ha e chi non li ha". 
 
Tedros ha riferito che "mentre 39 milioni di dosi sono state somministrate in almeno 49 paesi più ricchi, solo 25 dosi sono state somministrate in una nazione a reddito più basso, e non 25 milioni, o 25 mila ma solo 25!".
 
Un approccio controproducente  
"Devo essere schietto: il mondo è sull'orlo di un catastrofico fallimento morale - e il prezzo di questo fallimento sarà pagato con vite e mezzi di sussistenza nei paesi più poveri del mondo", ha detto, parlando dalla sede dell'OMS a Ginevra. 
 
Garantire che tutti i paesi abbiano accesso a qualsiasi vaccino COVID-19 è la promessa di un meccanismo globale istituito lo scorso aprile, noto come COVAX Facility . Finora ha assicurato due miliardi di dosi, con un miliardo in più in cantiere, e le consegne dovrebbero iniziare il mese prossimo. 

 
“Anche se parlano la lingua dell'accesso equo, alcuni paesi e aziende continuano a dare la priorità agli accordi bilaterali, aggirando COVAX, facendo salire i prezzi e tentando di saltare in prima fila. Questo è sbagliato”, ha affermato Tedros. 
 
Inoltre, la maggior parte dei produttori ha anche dato la priorità all'approvazione normativa nei paesi ricchi, dove i profitti sono più alti, piuttosto che presentare i loro dossier all'OMS per la prequalificazione. 
 
"Ciò potrebbe ritardare le consegne di COVAX e creare esattamente lo scenario che COVAX è stato progettato per evitare, con l'accaparramento, un mercato caotico, una risposta non coordinata e continui sconvolgimenti sociali ed economici", ha affermato. 
 
"Non solo questo approccio" io prima di tutto "mette a rischio le persone più povere e vulnerabili del mondo, ma è anche controproducente". 
 
Cambiare le regole del gioco 
Sottolineando che l'equità del vaccino ha anche vantaggi economici, Tedros ha esortato i paesi a "lavorare insieme in solidarietà" per garantire che l'inoculo di tutti gli operatori sanitari e degli anziani a maggior rischio in tutto il mondo sia completato entro i primi 100 giorni dell'anno. 
 
Ha sollecitato inoltre un'azione in tre aree per "cambiare le regole del gioco", a partire da un appello alla trasparenza per tutti i contratti bilaterali tra i paesi e COVAX, compresi i volumi, i prezzi e le date di consegna. 
 
"Chiediamo a questi paesi di dare una priorità molto maggiore al posto di COVAX in coda e di condividere le proprie dosi con COVAX, soprattutto una volta che hanno vaccinato i propri operatori sanitari e le popolazioni più anziane, in modo che altri paesi possano fare lo stesso", Egli ha detto. 
 
Tedros ha anche chiesto ai produttori di vaccini di fornire all'OMS dati completi per la revisione normativa in tempo reale, per accelerare le approvazioni e ha esortato i paesi a utilizzare solo vaccini che hanno soddisfatto gli standard di sicurezza internazionali e ad accelerare la preparazione per la loro distribuzione.  
 
"La mia sfida a tutti gli Stati membri è garantire che prima dell'arrivo della Giornata mondiale della salute, il 7 aprile, i vaccini COVID-19 vengano somministrati in tutti i paesi, come simbolo di speranza per superare sia la pandemia che le disuguaglianze che si trovano alla radice di tante sfide sanitarie globali ", ha detto, aggiungendo," spero che questo si realizzi ". 
 
Il "vaccinazionalismo" minaccia la ripresa
Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha nuovamente sottolineato che i vaccini COVID-19 devono essere un bene pubblico globale, disponibile a tutti, ovunque. 
 
Parlando a New York in una cerimonia per le nazioni in via di sviluppo del mondo, ha sottolineato la necessità di finanziamenti per farmaci e strumenti diagnostici per sconfiggere il virus. 
 
"Abbiamo bisogno che i produttori intensifichino il loro impegno a lavorare con la struttura COVAX e i paesi di tutto il mondo, in particolare le principali economie mondiali, per garantire una fornitura sufficiente e una distribuzione equa", ha affermato Guterres. 
 
"Il 'vaccinazionalismo' è controproducente e ritarderebbe una ripresa globale". 
Il Segretario generale ha affermato che la ripresa rappresenta anche un'opportunità per "cambiare rotta", allontanandosi dal vecchio "normale" di disuguaglianze e ingiustizie, e continua a sostenere un maggiore sostegno da parte dei paesi sviluppati e delle istituzioni finanziarie internazionali. 
"Con politiche intelligenti e investimenti giusti, possiamo tracciare un percorso che porti salute a tutti, rilanci le economie e crei resilienza", ha affermato. "Ma i paesi in via di sviluppo devono avere le risorse necessarie per farlo".

19 gennaio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy