Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 21 GIUGNO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Covid. Diminuiscono le nascite da mamme positive (1 su 10), ma 1 donna incinta su 2 non è vaccinata


Trend in linea con il calo dei contagi nella popolazione generale, mentre resta alta la mancata vaccinazione tra le donne in gravidanza: circa 1 donna incinta su 2 non è vaccinata. Il numero di parti da donne positive negli ospedali sentinella Fiaso è comunque sceso dal 16% di metà gennaio al 10% della settimana tra il 1° e l’8 febbraio, dopo il picco del 26% di fine gennaio. Tra le donne positive al parto la scorsa settimana, il 58% non era vaccinato.

10 FEB - Scende, in linea con il calo dei contagi, il numero di donne che partoriscono mentre sono positive al Covid-19. Lo dimostrano i dati delle rilevazioni effettuate in otto ospedali aderenti alla rete sentinella della Fiaso, che parla di un’incidenza di donne positive al momento parto passata dal 16% di metà gennaio al 26% di fine mese, ma scesa al 10% nella settimana tra il 1° e l’8 febbraio. Nel dettaglio, nella prima settimana di febbraio, su un totale di 236 parti monitorati nei reparti di Ginecologia e Ostetricia di 8 strutture sanitarie della rete Fiaso, 24 sono avvenuti in area Covid.

Tra le donne risultate positive al momento del parto, il 58% non era vaccinato. A differenza di quanto avvenuto a metà gennaio, quando il 5% delle donne aveva sviluppato sintomi respiratori e polmonari tipici della malattia da Covid, nessuna delle partorienti dell’ultima settimana aveva  avuto una forma di Covid che aveva provocato lo sviluppato di sintomi respiratori e polmonari tipici della malattia. Buone notizie anche sul fronte della trasmissione madre-figlio: uno dei neonati nato la scorsa setimana è risultato positivo al virus Sars-Cov-2.

Nella sua indagine, la Fiaso ha voluto approfondire la condizione vaccinale di tutte le partorienti nelle strutture esaminate, quindi sia le donne positive al virus sia quelle senza infezione: la percentuale delle vaccinate era il 51%. In pratica, una donna su due che partorisce non è vaccinata.

“La riduzione delle pazienti in gravidanza che arrivano negli ospedali per partorire e risultano positive al virus va di pari passo con la diminuzione dei contagi e rappresenta un ulteriore segnale positivo, che certifica l’arretramento della pandemia – commenta il presidente di Fiaso, Giovanni Migliore -. Quello che continua a essere preoccupante, invece, nonostante i ripetuti appelli della comunità scientifica, è la percentuale di donne incinte non ancora vaccinate: metà delle future mamme non si è sottoposta alla profilassi vaccinale. Questo può rappresentare un problema anche dopo il parto perché i neonati, che sono particolarmente fragili, sono a rischio infezione e l’unica maniera per proteggerli è creare attorno a loro un ambiente sicuro, facendo in modo che i genitori e, più in generale chi se ne prende cura, siano vaccinati”.

10 febbraio 2022
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy