Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 05 OTTOBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Vaccini Covid. Gli Europei promuovono la vaccinazione anti Covid. Italiani tra i più convinti


Secondo i risultati dell'indagine Eurobarometer condotta nel febbraio 2022, più di sette europei su dieci (71%) ritengono che l'Unione europea svolga un ruolo chiave nel garantire l'accesso ai vaccini Covid nel loro paese. Inoltre, il 53% è soddisfatto del modo in cui l'UE ha gestito la strategia vaccinale, mentre il 38% non si ritiene soddisfatto. Il 77% degli europei pensa che i benefici dei vaccini superino i possibili rischi e il 74% che i vaccini autorizzati nell'UE siano sicuri. IL SONDAGGIO

19 APR -

L’82% degli europei aferma di essersi vaccinato contro il Covid e di aver già fatto o di essere pronto farsi anche la dose di richiamo. È uno dei risultato di un maxi sondaggio di Eurobarometer sulla campgna di vaccinazione anti Covid che ha sondato anche il giudizio degli europei sulla campgna stessa, sul ruolo della UE e del proprio Paese nonché sulle paure e sulla fiducia verso questi vaccini.

L’Italia si conferma tra i Paesi più positivi verso la vaccinazione (il 90% degli italiani si è detto pro vaccino) insieme a Sagna e Portogoallo. I più scettici i bulgari che si dichiarano pro vax convinti solo nel 42% dei casi.



In ogni caso i cittadini della UE, nella stragarnade maggioranza, sono ampiamente soddisfatti del ruolo svolto dall'Unione europea nel garantire l'accesso ai vaccini contro il Covid e hanno un atteggiamento positivo verso questa vaccinazione. 

Secondo i risultati dell'indagine condotta nel febbraio 2022, più di sette europei su dieci (71%) ritengono che l'Unione europea svolga un ruolo chiave nel garantire l'accesso ai vaccini Covid nel loro paese. Inoltre, il 53% è soddisfatto del modo in cui l'UE ha gestito la strategia vaccinale, mentre il 38% non si ritiene soddisfatto.

A livello nazionale, il 48% degli europei è soddisfatto del modo in cui il loro governo nazionale ha gestito la vaccinazione. Una grande maggioranza (77%) pensa che "nel complesso, i benefici dei vaccini superano i possibili rischi", il 74% che i vaccini autorizzati nell'UE sono sicuri e il 71% che i vaccini sono l'unico modo per fermare la pandemia. Inoltre sette intervistati su dieci (70%) pensano che per fermare la pandemia è fondamentale che tutti i paesi del mondo abbiano accesso ai vaccini.

Tuttavia, il 55% teme ancora che i vaccini abbiano effetti a lungo termine che non conosciamo ancora. Infine, il 44% degli europei vorrebbe maggiori informazioni sull'efficacia dei vaccini, e il 42% vorrebbe ulteriori informazioni su come questi vengono sviluppati, testati e autorizzati. I professionisti della salute, medici, infermieri e farmacisti rimangono la fonte di informazione più affidabile (62%), seguiti dalle autorità sanitarie nazionali (49%).

E l'Italia? Il nostro paese, insieme a Spagna e Portogallo è quello con la più alta adesione nei confronti della vaccinazione contro il Covid (90%). A confronto di Spagna e Portogallo però l'Italia ha una quota doppia - per quanto bassa - di no vax (4%). 

Scendendo più nel dettaglio e andando ad analizzare alcune delle risposte date al questionario possiamo poi vedere che, ad esempio, l'85% degli italiani è convinto che i benefici dei vaccini contro il Covid superino i possibili rischi, il 78% non comprende le esitazioni delle persone nei confronti della vaccinazione, e solo il 32% sostiene che i vaccini siano stati sviluppati, testati e approvati troppo in fretta per essere sicuri, dato più basso in assoluto a livello europeo.

Quanto ai rischi di possibili effetti avversi a lungo termine derivanti dalla vaccinazione, li teme il 47% degli italiani intervistati. Anche in questo caso si tratta, insieme alla Polonia, del dato più basso registrato tra tutti i paesi UE. E ancora, rispetto alla convinzione di poter evitare il contagio senza dover ricorrere alla vaccinazione, l'Italia con il 23% fa registrare il dato più basso in assoluto mentre il restante 69% è in totale disaccordo sul punto (l'8% non sa).

Il 55% degli italiani - anche in questo caso la quota più alta - è inoltre d'accordo con le restrizioni per i non vaccinati, e il 72% è totalmente o tendenzialmente favorevole alla vaccinazione contro il Covid per i più piccoli. In generale il 63% degli italiani giudica positivamente l'operato del governo nella gestione della campagna vaccinale e il 62% ha apprezzato l'operato in questo contesto dell'Unione europea. Per il 69% degli italiani i vaccini sono essenziali per porre fine alla pandemia. Rispondendo però alla domanda sulla difficoltà di trovare informazioni credibili sui vaccini, il 46% concorda con questa affermazione mentre il 49% si è detto in disaccordo. Le informazioni più credibili per gli italiani sono fornite dagli operatori sanitari subito seguiti dalle istituzioni sanitarie del paese.



19 aprile 2022
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy