Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 25 GIUGNO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

I giovani europei in media lasciano la casa di famiglia a 26,5 anni. Gli Italiani non prima dei 30


Lo rileva una recente indagine di Eurostat che rileva come l’Italia sia tra i Paesi con l’età più elevata con una media di 29,9 anni che sale a 30,9 per i maschi. Gli altri Paesi in situazioni simili sono Portogallo (33,6 anni), Croazia (33,3 anni), Slovacchia (30,9 anni), Grecia (30,7 anni) e Bulgaria (30,3 anni). Al contrario, Svezia (19,0 anni), Finlandia (21,2 anni), Danimarca (21,3 anni) ed Estonia (22,7 anni) hanno registrato l'età media più bassa, tutte sotto i 23 anni.

07 SET -

Nel 2021, in tutta l' UE , i giovani hanno lasciato la famiglia dei genitori in media all'età di 26,5 anni. Tuttavia, questa media varia tra i diversi Stati membri dell'UE .

Le età medie più anziane, tutte a 30 anni o più, sono state registrate in Portogallo (33,6 anni), Croazia (33,3 anni), Slovacchia (30,9 anni), Grecia (30,7 anni) e Bulgaria (30,3 anni). Al contrario, Svezia (19,0 anni), Finlandia (21,2 anni), Danimarca (21,3 anni) ed Estonia (22,7 anni) hanno registrato l'età media più bassa, tutte sotto i 23 anni.

In Italia i dati indicano una media di 29,9 anni che sale però a 30,9 per i maschi (le donne lasciano casa poco prima con una media di 29,8 anni.

Nella maggior parte dei paesi del nord e dell'ovest, i giovani lasciano la casa dei genitori in media tra i vent'anni, mentre nei paesi del sud e dell'est l'età media era tra la fine dei venti e l'inizio dei trenta.



Gli uomini se ne vanno  più tardi delle donne
Nell'UE, in media, i maschi hanno lasciato la famiglia dei genitori all'età di 27,4 anni e le femmine a 25,5 anni nel 2021. Questa tendenza è stata osservata in tutti i paesi, ovvero le giovani donne hanno lasciato la casa dei genitori famiglia in media prima dei giovani uomini.

Gli uomini hanno lasciato la casa dei genitori, in media, dopo i 30 anni in 11 paesi dell'UE (Croazia, Portogallo, Slovacchia, Bulgaria, Grecia, Slovenia, Italia, Malta, Spagna, Romania e Polonia), mentre è il caso delle donne solo 2 paesi (Portogallo e Croazia).

Il divario di genere più ampio è stato riscontrato in Romania, dove i giovani maschi sono partiti a 30,3 anni e le femmine a 25,6 anni (divario di genere di 4,7 anni), seguita dalla Bulgaria (divario di 3,5 anni), con i maschi che si sono trasferiti a 32,0 anni e le femmine a 28,5 anni. 

Al contrario, Svezia, Danimarca e Irlanda hanno registrato i divari più ridotti tra i giovani maschi e le femmine che lasciano la casa dei genitori: rispettivamente 0,4, 0,5 e 0,9 anni. 

Il divario di genere è stato più pronunciato nei paesi in cui i giovani hanno lasciato la casa dei genitori più tardi e meno evidente nei paesi in cui sono partiti prima.



07 settembre 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Grafico

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy