Quotidiano on line
di informazione sanitaria
23 GIUGNO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

E se considerassimo le risorse umane del SSN come la sua più preziosa fonte di energia?


Quanto proponiamo all’attenzione del nuovo Ministro della Salute, chiunque sarà, vale ovviamente solo come esempio. Di una cosa siamo sicuri: a regole del gioco invariate la carenza di medici specialisti negli ospedali pubblici potrà solo - almeno per qualche tempo e non sarebbe un tempo breve - peggiorare

21 OTT -

E’ fuori di dubbio che il capitale umano sia la principale risorsa energetica del SSN. La sua carenza, qui ci riferiamo soprattutto ai medici ospedalieri, sta determinando effetti gravi e fino a qualche tempo fa impensabili che ricordano davvero la più generale crisi energetica.

Prendiamo l’esempio del fenomeno patologico della copertura dei turni a tariffe fuori mercato con personale medico delle cooperative o libero-professionista, un fenomeno che ricorda molto anche nelle proporzioni l’impennata nel costo delle utenze. E al pari di quello che capita nel resto della società il rischio di chiusure o di fermo attività è diventato nelle strutture sanitarie pubbliche una eventualità sempre meno lontana. In una situazione drammatica come questa non ci si può limitare all’aumento della “produzione di energia” e quindi di professionisti, perché comunque l’aumento avrà bisogno di anni per dispiegare i suoi effetti.

Su come aumentare la “produzione” non entriamo nel merito, essendo un punto all’ordine del giorno da tempo e su cui confidiamo si stia lavorando nel modo più adeguato. Ci sembra invece opportuno richiamare l’attenzione su come evitare le “perdite” e il cattivo utilizzo dei professionisti, in particolare medici ospedalieri. Le “perdite” riguardano la scelta di un numero crescente di specialisti di lasciare le strutture pubbliche per andare a lavorare nelle cooperative o nelle strutture private. Il cattivo utilizzo è letteralmente lo spreco di queste preziose risorse.

Quanto proponiamo all’attenzione del nuovo Ministro della Salute, chiunque sarà, vale ovviamente solo come esempio. Di una cosa siamo sicuri: a regole del gioco invariate la carenza di medici specialisti negli ospedali pubblici potrà solo - almeno per qualche tempo e non sarebbe un tempo breve - peggiorare.

Vediamo prima qualche misura - magari anche temporanea in alcuni casi - per evitare le perdite di professionisti negli ospedali pubblici. Ad esempio oltre a (e queste nel lungo periodo sono le misure più importanti - migliorare il loro trattamento economico e favorire la loro crescita professionale, si potrebbe (ci scusiamo per eventuali errori sugli aspetti più contrattuali) ad esempio consentire e anzi agevolare il mantenimento in servizio di professionisti pubblici in età pensionabile che altrimenti il giorno dopo la pensione andranno a lavorare nel privato. Certo il dirigente in questione perderà le funzioni organizzativo-manageriali e manterrà o addirittura  in alcuni casi incrementerà sia le funzioni “professional” che quelle formative di supporto alla crescita dei professionisti nella loro fase junior. Altre misure per evitare le perdite di professionisti riguardano il rapporto con le strutture privare e potrebbero essere:

E adesso vediamo qualche esempio di misura programmatoria e organizzativa anti-spreco:

Nessuna di queste misure è semplice (se lo fosse sarebbe già stata realizzata), ma se non si spariglia qualcosa rispetto alle attuali regole il rischio di leggere titoli così sarà sempre più alto: “Ospedali nelle mani delle coop, sempre più medici gettonisti”.


Giuseppe Zuccatelli e Claudio Maria Maffei



21 ottobre 2022
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy