Quotidiano on line
di informazione sanitaria
26 MAGGIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Salute dei migranti. Quando l’Italia sale in cattedra: dall’assistenza ai braccianti agricoli stagionali pugliesi alla “Rotta Balcanica”


Tre esempi di buone pratiche per l’assistenza sanitaria ai migranti e ai rifugiati avviati dal nostro Paese, illustrati in un volume appena pubblicato dall’Oms che raccoglie 49 case study. I casi italiani riguardano un’esperienza con i braccianti stagionali in Puglia, un progetto di formazione per gli operatori sanitari e un progetto in partnership con altri Paesi sulla rotta balcanica. IL DOCUMENTO.

07 MAR -

L’Oms ha pubblicato una raccolta di 49 “buone pratiche” sviluppate in diversi Paesi del mondo che evidenziano gli sforzi per migliorare la salute di rifugiati e migranti a seguito dell'adozione del Piano d'azione globale dell'OMS sulla promozione della salute di rifugiati e migranti alla settantaduesima Assemblea mondiale della sanità svoltasi nel maggio 2019.

Prodotto dal Programma Salute e Migrazione dell'OMS sulla base di contributi volontari degli Stati membri e dei partner, il rapporto mostra come diversi paesi, con diversi sistemi sanitari e diverse sfide e facilitatori verso la copertura sanitaria universale, abbiano comunque implementato pratiche per promuovere la salute di rifugiati e migranti.

Il rapporto mette in evidenza la collaborazione tra diverse organizzazioni e parti interessate, i modelli di governance e le lezioni apprese durante l'implementazione delle buone pratiche.

Il rapporto è suddiviso in 6 capitoli, ognuno dedicato a un particolare aspetto dell’assistenza sanitaria ai migranti. I case study italiani sono inseriti nel secondo e terzo capitolo, dedicati rispettivamente alla mission “Promuovere la continuità e la qualità dell'assistenza sanitaria, mentre si sviluppano, si rafforzano e implementano le misure per la salute e sicurezza sul lavoro” e alal misison “Promuovere la salute dei rifugiati e dei migranti nelle agende locali e nazionali e promozione di: politiche sanitarie sensibili ai migranti e loro protezione legale e sociale; salute e benessere delle donne rifugiate e migranti, dei bambini e degli adolescenti; parità di genere e emancipazione delle donne e delle ragazze rifugiate e migranti; partenariati intersettoriali, coordinamento interpaese e interagenzia e meccanismi di collaborazione”.

Il primo case study italiano riguarda l’Ambulatorio mobile per l'assistenza sanitaria ai lavoratori migranti di Foggia.

La Puglia, si legge nel rapporto, è una delle principali destinazioni per molti migranti che partecipano ai lavori stagionali di raccolta agricola.

Molti migranti sono privi di documenti, di conseguenza, abitano in modo informale in “ghetti”, caratterizzati dalla mancanza di servizi di base adeguati, servizi igienici, acqua corrente, elettricità, riscaldamento e l'accesso a cibo sicuro.

Le condizioni del ghetto sono caratterizzate, si legge sempre nel rapporto Oms, da mancanza di diritti dei lavoratori, reclutamento illegale, superlavoro, violenza e schiavitù.

L'accesso al sistema sanitario nazionale è difficile a meno che non si verifichi un'emergenza.

È in questo contesto che opera la Ong Medici con l'Africa Cuamm, che gestisce un servizio di camper clinico multidisciplinare che viaggia quattro volte alla settimana per fornire servizi igienici di base assistenza ai villaggi di migranti a Foggia.

La squadra comprende un medico, un infermiere, un operatore socio-sanitario, un mediatore culturale, uno psicologo e l’autista.

Medici con l'Africa Cuamm si propone di affrontare il sociale e bisogni sanitari attraverso le seguenti azioni:

Dal 2020, sono state poi avviate le attività di screening per l'HIV e l'epatite C e nel 2022 è stato avviato lo screening ginecologico.

Il progetto affronta diverse sfide nella fornitura di servizi ai migranti irregolari. Questi includono la mancanza di risorse per l’erogazione di farmaci gratuiti per un gran numero di pazienti; la mancanza di accesso ad esami diagnostici approfonditi; lingua e differenze culturali; un'alta prevalenza di disordini mentali e isolamento sociale; instaurare un rapporto di fiducia con la popolazione migrante in gran parte stagionale con un elevato turnover.

Tuttavia, poiché il servizio è attivo ormai da diversi anni, la fiducia e la collaborazione dei pazienti è cresciuta.

Ciò è facilitato dall'inclusione di un mediatore culturale e dalla fornitura di supporto per accompagnare i pazienti quando devono recarsi in ospedale per esami approfonditi.

Il servizio è ulteriormente facilitato dalla cooperazione e dal sostegno attraverso la rete dei servizi locale.

Il secondo case study italiano è quello del Progetto Footprints per la formazione del personale sanitario pubblico in materia di piani di coordinamento regionale per la salute dei migranti e attuazione di una Conferenza delle Parti (CoP).
Le migrazioni, sottolinea il raporto Oms illustrando l’esperienza italiana, rappresentano una sfida aperta per la sanità italiana, non solo in termini di quantificazione e analisi dei bisogni, ma soprattutto in termini di un’adeguata organizzazione dei servizi.

L'accesso alle cure per rifugiati e migranti in Italia lo è garantito dall’Art. 32 della Costituzione che garantisce il diritto alla salute di ogni individuo indipendentemente dalla sua nazionalità o status migratorio.

Nonostante questo, e nel contesto di un sistema sanitario decentrato, l'interpretazione e l'attuazione della legislazione sull'accesso alle cure

degli stranieri sono molto disomogenee sul terreno e persino all'interno della stessa regione.

Il miglioramento della governance e del coordinamento per la salute dei migranti attraverso il coinvolgimento dei diversi livelli dei servizi sanitari e le parti interessate, scrive ancora l’Oms, è quindi fondamentale per riaffermare l'universalità e l'equità, principi alla base del sistema sanitario italiano.

La pianificazione sanitaria e l'organizzazione dei servizi a tutti i livelli deve includere pienamente gli stranieri ed essere orientata dai principi organizzativi del SSN, come la centralità della persona e la responsabilità del pubblico per la tutela della salute.

C'è quindi bisogno di collaborazione tra i livelli di governo del SSN, insieme a una maggiore professionalità degli operatori sanitari e all’integrazione dei servizi sanitari e sociali.

Il progetto Footprints è stato proposto dal Ministero della Salute e finanziato attraverso il Fondo europeo per l’asilo, la migrazione e l’integrazione.

L'obiettivo era quello di superare la frammentazione esistente a livello locale e regionale in termini di approcci, modalità di accesso e organizzazione del servizio sanitario nel settore della migrazione e a rafforzare la governance regionale su questi temi definendo disposizioni operative uniformi per il coordinamento di aspetti di salute pubblica riguardanti la popolazione migrante.

Ciò è stato fatto attraverso la formazione dei coordinatori regionali per la salute dei migranti; la fornitura di supporto per i processi locali di attuazione delle linee guida e raccomandazioni nazionali e la creazione di una Conferenza delle Parti per incoraggiare il confronto e lo scambio tra i coordinatori regionali.

I risultati del programma includevano:

Il progetto ha dovuto affrontare diverse sfide, comprese diverse risposte e sensibilità a livello regionale, cambiamenti di governo in ambito regionale e lo scoppio della pandemia di COVID. Tuttavia, nonostante le difficoltà di implementazione, l'iniziativa ha dato il via a un processo che continua in diverse regioni.

Il terzo case study, del quale l’Italia è tra i paesi partecipanti, si situa anch’esso all’interno delle terza missione e riguarda l’attuazione dell'iniziativa per la salute dei bambini rifugiati e migranti ed ha coinvolto Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Grecia, Italia e Serbia.
La Serbia, ricorda l’Oms, fa parte della cosiddetta “rotta balcanica” delle migrazioni verso l'Europa, e rimane tutt’ora un importante paese di transito per rifugiati e migranti in rotta verso l'Europa centrale e settentrionale. I bambini in movimento e le loro famiglie hanno spesso viaggiato per lunghi periodi di tempo su questa rotta senza accedere ai servizi sanitari.

Molti vengono dai paesi in cui l'infrastruttura sanitaria è stata distrutta o non è stata in grado di soddisfare i loro bisogni, a partire dalle stesse vaccinazioni infantili.

L'iniziativa per la salute dei bambini rifugiati e migranti è stata implementata dall'UNICEF e dai suoi partner in Bosnia e Erzegovina, Bulgaria, Grecia, Italia e Serbia per un periodo di 27 mesi, con il finanziamento dell'UE.

L'iniziativa aveva lo scopo di rafforzare i sistemi sanitari nazionali in modo che essi potessero soddisfare le esigenze dei bambini migranti in transito ma anche di aumentare la consapevolezza delle opportunità di assistenza tra i migranti stessi.

L'iniziativa è stata concepita per creare un forte legame tra assistenza sanitaria, protezione dei minori e servizi di supporto per la violenza di genere,

rendendo i servizi di salute mentale e supporto psico sociale parte integrante del rafforzamento dell'assistenza sanitaria, nonché per garantire che i servizi sanitari rispondono ai bisogni delle vittime di violenza di genere.

Per far questo si è investito nel rafforzamento della diagnosi precoce, nella prevenzione e risposta alla violenza di genere tra le donne e ragazze rifugiate e migranti in collaborazione con la società civile, i centri di accoglienza e di altri operatori in prima linea, garantendo contestualmente anche i percorsi verso servizi specialistici, da quello medico a quello di salute mentale fino ai servizi legali.



07 marzo 2023
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il documento

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy