Quotidiano on line
di informazione sanitaria
16 GIUGNO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Oms: “Il mondo consuma troppo sale. A rischio 7 milioni di vite”. In Italia mancano limiti obbligatori al contenuto di sodio negli alimenti


Lo rileva un nuovo rapporto che denuncia come solo 9 paesi nel mondo abbiano adottato misure obbligatorie sul contenuto di sale negli alimenti e altre iniziative specifiche in linea con le indicazioni dell’OMS. In Italia non c’è invece nessun limite al contenuto di sodio negli alimenti ma sono previste solo misure volontarie per ridurre il sodio nell'approvvigionamento alimentare e per incoraggiare i consumatori a fare scelte alimentari più sane al riguardo. IL RAPPORTO.

10 MAR -

Un recente rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, unico nel suo genere, sulla riduzione dell'assunzione di sodio mostra che il mondo è fuori strada per raggiungere il suo obiettivo globale di ridurre l'assunzione di sodio del 30% entro il 2025.

Il sodio, un nutriente essenziale, se consumato in eccesso aumenta il rischio di malattie cardiache, ictus e morte prematura.

La principale fonte di sodio è il sale da tavola (cloruro di sodio), ma è contenuto anche in altri condimenti come il glutammato di sodio. Il rapporto mostra che solo il 5% degli Stati membri dell'OMS è protetto da politiche di riduzione del sodio obbligatorie e complete e che il 73% degli Stati membri dell'OMS non dispone di una gamma completa di attuazione di tali politiche.

L'attuazione di politiche di riduzione del sodio altamente convenienti potrebbe salvare circa 7 milioni di vite a livello globale entro il 2030. È una componente importante dell'azione per raggiungere l'obiettivo di sviluppo sostenibile di ridurre i decessi per malattie non trasmissibili.

Ma oggi solo nove paesi (Brasile, Cile, Repubblica Ceca, Lituania, Malesia, Messico, Arabia Saudita, Spagna e Uruguay) hanno un pacchetto completo di politiche raccomandate per ridurre l'assunzione di sodio con l’adozione di molteplici misure obbligatorie per la riduzione del sodio e l’attuazione di tutti i relativi best buy dell'OMS per affrontare le malattie non trasmissibili.

In Italia, rileva il rapporto OMS, non c’è invece nessun limite al contenuto di sodio negli alimenti ma sono previste solo misure volontarie per ridurre il sodio nell'approvvigionamento alimentare e per incoraggiare i consumatori a fare scelte alimentari più sane al riguardo.

La mappa mondiale sulle misure di contrasto al sodio



"Le diete malsane sono una delle principali cause di morte e malattia a livello globale e l'eccessiva assunzione di sodio è uno dei principali colpevoli", ha affermato il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS.

“Questo rapporto – ha aggiunto - mostra che la maggior parte dei paesi deve ancora adottare politiche obbligatorie di riduzione del sodio, esponendo la propria popolazione al rischio di infarto, ictus e altri problemi di salute. L'OMS invita tutti i paesi a implementare i "Best Buys" per la riduzione del sodio e ai produttori di implementare i parametri di riferimento dell'OMS per il contenuto di sodio negli alimenti".

Un approccio globale alla riduzione del sodio include l'adozione di politiche obbligatorie e dei quattro interventi “best buy” dell'OMS relativi al sodio, che contribuiscono notevolmente alla prevenzione delle malattie non trasmissibili.

Questi includono:

Le politiche obbligatorie di riduzione del sodio – osserva il rapporto dell’OMS - sono più efficaci, in quanto ottengono una copertura più ampia e tutelano dagli interessi commerciali, fornendo al contempo condizioni di parità per i produttori di alimenti.

"Questo importante rapporto dimostra che i paesi devono lavorare con urgenza per attuare politiche di riduzione del sodio ambiziose, obbligatorie e guidate dal governo per raggiungere l'obiettivo globale di ridurre il consumo di sale entro il 2025", ha affermato il dott. Tom Frieden, presidente e CEO di Resolve to Save Lives, un’organizzazione senza scopo di lucro che lavora con i paesi per prevenire 100 milioni di morti per malattie cardiovascolari in 30 anni.

“Esistono misure comprovate – ha aggiunto Frieden - che i governi possono attuare e innovazioni importanti, come i sali a basso contenuto di sodio. Il mondo ha bisogno di azione e ora, o molte più persone sperimenteranno attacchi di cuore e ictus invalidanti o mortali, ma prevenibili”.

Si stima che l'assunzione media globale di sale sia di 10,8 grammi al giorno, più del doppio della raccomandazione dell'OMS di meno di 5 grammi di sale al giorno (un cucchiaino). Mangiare troppo sale lo rende il principale fattore di rischio per la dieta e le morti legate all'alimentazione.

Stanno poi emergendo ulteriori prove che documentano collegamenti tra un'elevata assunzione di sodio e un aumento del rischio di altre condizioni di salute come il cancro gastrico, l'obesità, l'osteoporosi e le malattie renali.



10 marzo 2023
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il rapporto

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy