Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 21 FEBBRAIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Complice il Covid scende in Europa il numero di donne che si sottopone allo screening del cancro al seno. In Italia negli ultimi 10 anni -4%


Lo rivelano i nuovi dati Eurostat che segnalano come rispetto al 2011, i tassi di screening del cancro al seno sono aumentati appena in 6 dei 20 paesi dell’UE con dati disponibili. Al vertice Danimarca (83,0%), Finlandia (82,2%) e Svezia (80,0%). I tassi più bassi di screening del cancro al seno sono stati registrati in Bulgaria (20,6%), Cipro (24,6%), Slovacchia (25,5%), Ungheria (29,8%) e Lettonia (30,8%). Italia al 55,9%.

06 NOV -

Il cancro al seno è una delle forme di cancro più comuni e una delle principali cause di mortalità femminile nell'UE . La prevenzione è fondamentale per ridurre l’impatto della malattia e ridurre i tassi di mortalità, tuttavia, la pandemia di COVID-19 ha avuto un grande impatto sull’assistenza sanitaria preventiva e molti programmi di screening hanno avuto ripercussioni negli ospedali e nelle unità sanitarie dell’UE. Questo deve essere tenuto in considerazione quando si analizzano i dati per il 2021.

Nel 2021, i primi tre paesi con i più alti tassi di screening del cancro al seno per le donne di età compresa tra 50 e 69 anni, che avevano ricevuto una mammografia nei due anni precedenti, sono stati i paesi nordici dell'UE: Danimarca (83,0%), Finlandia (82,2%) e Svezia (80,0%). Seguono a ruota Malta (77,8%) e Slovenia (77,2%). All'altra estremità della scala, i tassi più bassi di screening del cancro al seno sono stati registrati in Bulgaria (20,6%), Cipro (24,6%), Slovacchia (25,5%), Ungheria (29,8%) e Lettonia (30,8%). L’Italia è passata dal 59,6% del 2011 al 55,9% del 2021.

Rispetto al 2011, i tassi di screening del cancro al seno sono aumentati in 6 dei 20 paesi dell’UE con dati disponibili, con gli aumenti maggiori osservati a Malta (+26,9 punti percentuali (pp) ), Lituania (+12,9 pp) ed Estonia (+7,7 pp) . In 13 paesi dell’UE, i tassi di screening del cancro al seno sono diminuiti tra il 2011 e il 2021. Diminuzioni superiori a 10,0 pp sono state osservate in Lussemburgo (-16,3 pp), Irlanda (-12,1 pp) e Ungheria (-10,6 pp).

La Grecia ha registrato la più alta disponibilità di macchine mammografiche

Nel 2021, la disponibilità più elevata di unità mammografiche (macchine progettate esclusivamente per l'esecuzione di mammografie) per 100.000 abitanti per le donne di età compresa tra 50 e 69 anni è stata registrata in Grecia (7,1 unità) e Cipro (5,9 unità). Il tasso di unità mammografiche è stato elevato anche in Belgio (3,6), Italia (3,4) e Croazia (3,3). Al contrario, la disponibilità più bassa è stata osservata in Germania (0,5 unità), Francia (0,7), Romania (0,9) e Polonia (1,0), seguite da Lussemburgo, Repubblica Ceca ed Estonia (tutti con 1,1 unità ogni 100.000 abitanti).

Gli aumenti maggiori tra il 2011 e il 2021 nella disponibilità di unità mammografiche per 100.000 abitanti sono stati registrati in Grecia (+1,6 unità), Cipro e Bulgaria (entrambi +1,2). Al contrario, la disponibilità di queste unità è diminuita in 9 dei 24 paesi dell’UE con dati disponibili. Le diminuzioni maggiori sono state registrate a Malta (-1,0), Lussemburgo (-0,5), Slovenia, Polonia e Danimarca (tutti -0,3 unità ogni 100.000 abitanti).



06 novembre 2023
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy