Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 LUGLIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Oms: “Entro il 2025 oltre 1 mld di persone in più potranno godere di un migliore stato di salute. Recupero vaccinazioni ancora indietro”


L'obiettivo sarà raggiunto entro il 2025 grazie principalmente al miglioramento della qualità dell’aria e dell’accesso all’acqua e alle misure igieniche. Il primo vaccino contro la malaria  è stato somministrato a più di due milioni di bambini riducendo la mortalità del 13%. Oltre il 75% delle persone che vivono con l’Hiv ricevono una terapia antiretrovirale e la maggior parte di esse raggiunge la soppressione virale. Il consumo di tabacco sta diminuendo in 150 paesi. Sono 178 i paesi con strategie contro l'antibioticoresistenza.

08 MAG -

Il rapporto sui risultati 2023 dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) mostra il raggiungimento di traguardi chiave in materia di sanità pubblica, anche in un contesto di maggiori esigenze sanitarie umanitarie globali determinate da conflitti, cambiamenti climatici ed epidemie. Con il 96% degli uffici nazionali dell’Oms che forniscono 174 rapporti nazionali sui risultati raggiunti, il rapporto mostra i progressi verso 46 obiettivi ed evidenzia le sfide.

“Il mondo è fuori strada per raggiungere la maggior parte dei tre miliardi di obiettivi e degli obiettivi di sviluppo sostenibile legati alla salute - ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms -. Tuttavia, con un’azione concreta e concertata per accelerare i progressi, potremmo ancora realizzarne una parte sostanziale. Il nostro obiettivo è investire ancora più risorse dove contano di più, a livello nazionale, garantendo al tempo stesso finanziamenti sostenibili e flessibili per sostenere la nostra missione”.

Il rapporto mostra progressi in diverse aree chiave, tra cui popolazioni più sane, copertura sanitaria universale (Uhc) e protezione dalle emergenze sanitarie.


Per quanto riguarda le popolazioni più sane, la traiettoria attuale indica che l’obiettivo di 1 miliardo di persone in più che godono di una migliore salute e benessere sarà probabilmente raggiunto entro il 2025, grazie principalmente al miglioramento della qualità dell’aria e dell’accesso all’acqua e alle misure igieniche.

In termini di Uhc, il 30% dei paesi sta facendo progressi nella copertura dei servizi sanitari essenziali e nella fornitura di protezione finanziaria. Ciò è in gran parte dovuto alla maggiore copertura dei servizi Hiv.

Per quanto riguarda la protezione dalle emergenze, sebbene la copertura delle vaccinazioni per agenti patogeni ad alta priorità mostri un miglioramento rispetto alle interruzioni legate alla pandemia di Covid nel 2020-2021, non è ancora tornata ai livelli pre-pandemia.

Le prime erogazioni del Fondo pandemico sono ammontate a 338 milioni di dollari nel 2023, aiutando 37 paesi a finanziare la risposta iniziale a eventi acuti e ad aumentare le operazioni sanitarie salvavita in crisi prolungate. L’Oms continua a lavorare con paesi e partner per migliorare le capacità di sequenziamento genomico e rafforzare i sistemi di laboratorio e di sorveglianza in tutto il mondo con una capacità aumentata del 62% per Sars-CoV-2 tra febbraio 2021 e dicembre 2023.

Punti importanti
Il primo vaccino contro la malaria al mondo, RTS,S/AS01, è stato somministrato a più di due milioni di bambini in Ghana, Kenya e Malawi durante il biennio, riducendo la mortalità del 13% tra i bambini idonei alla vaccinazione. Si prevede che la prequalificazione da parte dell’Oms di un secondo vaccino, R21/Matrix-M, incrementerà ulteriormente gli sforzi di controllo della malaria.

Altrove, 14 paesi hanno eliminato almeno una malattia tropicale trascurata nel periodo 2022-2023. Il Bangladesh ne ha eliminati 2.

I primi regimi di trattamento esclusivamente orali per la tubercolosi multiresistente sono stati resi disponibili nel 2022, consentendo al maggior numero di persone affette da tubercolosi di ricevere un trattamento da quando è iniziato il monitoraggio quasi 30 anni fa.

Grazie all'iniziativa Replace dell'Oms, che mira a eliminare gli acidi grassi trans prodotti industrialmente dalla fornitura alimentare, altri 13 paesi hanno implementato politiche di migliori pratiche, portando il totale a 53 paesi.

Oltre il 75% delle persone che vivono con l’Hiv ricevono una terapia antiretrovirale e la maggior parte di esse raggiunge la soppressione virale, il che significa che non possono infettare gli altri. La guida e il sostegno dell'Oms hanno aiutato paesi come il Botswana a realizzare progressi significativi nel controllo della trasmissione dell'Hiv.

Il consumo di tabacco sta diminuendo in 150 paesi, 56 dei quali sono sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo globale di ridurre il consumo di tabacco entro il 2025.

Altri 29 paesi hanno sviluppato piani d’azione nazionali multisettoriali sulla resistenza antimicrobica durante il biennio 2022-2023, portando il totale a 178 paesi.

A seguito dell’appello del Direttore Generale per eliminare il cancro della cervice, altri 25 paesi hanno introdotto il vaccino contro il papillomavirus umano, portando il totale a 58 che hanno introdotto il vaccino da quando l’Oms ha lanciato l’iniziativa nel 2020.

Il rapporto riconosce le disparità significative nei risultati sanitari, le interruzioni causate dalla pandemia di Covid e la persistente carenza di personale sanitario che richiede investimenti nell’istruzione e nell’occupazione.

Guardando al futuro, il bilancio del programma dell’Oms per il periodo 2024-2025 mira a bilanciare gli investimenti nelle funzioni normative dell’Organizzazione con la necessità di rafforzare gli uffici nazionali. Mira a finanziare l’80% del budget pianificato per le voci ad alta priorità, accelerando così i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi di tre miliardi del GPW 13 (l’attuale strategia dell’Oms per il periodo 2019-2023).

Grazie al lancio del World Health Data Hub, l’accesso degli Stati membri ai dati sanitari e la convalida delle stime nazionali è stato semplificato.

Gli Stati membri hanno dimostrato impegno per un finanziamento sostenibile per l’Oms, adottando un percorso per aumentare i contributi accertati al 50% del budget di base del budget del programma 2022-2023 originariamente approvato entro il biennio 2030-2031. Un altro elemento di finanziamento sostenibile è il ciclo di investimenti, che l’Oms lancerà all’Oms77, per garantire risorse per il lavoro principale dell’Oms per i prossimi quattro anni (2025-2028).

L’Oms lavorerà con donatori esistenti e nuovi e altri partner, attraverso un processo di coinvolgimento inclusivo che culminerà in un evento di finanziamento di alto livello nel quarto trimestre del 2024.



08 maggio 2024
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy