Quotidiano on line
di informazione sanitaria
23 GIUGNO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Hiv. Simit: "In Italia pazienti con aspettativa di vita più alta al mondo"


La Società italiana di malattie infettive e tropicali ha analizzato i risultati di uno studio pubblicato al Croi di Atlanta. "Oggi l'80% delle nuove infezioni deriva da rapporti non protetti e l'età media dei pazienti si è alzata, arrivando a 30-40 anni".

13 MAG - In Italia l’aspettativa di vita per un paziente con Hiv è la più alta rispetto al resto del mondo. E’ quanto emerge da una ricerca internazionale pubblicata nel 2013 al Croi di Atlanta e dibattuta nel corso della quinta edizione della “Italian conference on Aids and retrovirus”, promosso dalla Società italiana malattie infettive e tropicali (Simit) e che si chiuderà domani a Torino.

“In Europa le differenze non sono particolarmente rilevanti: Francia, Spagna e Germania presentano dati più o meno simili - Giovanni Di Perri, presidente del Congresso e consigliere Simit – Sorprende, invece, lo scarto italiano, in positivo, con i dati degli Stati Uniti. Sono cambiati anche i costumi sociali: l’hiv si trasmette sempre di più con i rapporti sessuali, mentre negli anni Ottanta era soprattutto causata dallo scambio di siringhe infette: oggi l’80% delle nuove infezioni deriva da rapporto sessuale non protetto. L’età media dei pazienti è di 30-40anni, mentre fino al 2000 fa era tra i 20 e 30anni: un dato importante, perché sembrerebbe che i nostri pazienti stiano invecchiando naturalmente, con tutti gli acciacchi e le malattie legate all’età”.

Nel corso dei lavori ampio spazio è stato dedicato a un’importante novità in ambito scientifico: la terapia antiretrovirale. La somministrazione di questa terapia determina infatti l’inibizione della moltiplicazione del virus HIV e si associa al ripristino delle difese immunitarie. Nelle migliori condizioni di esercizio terapeutico l’aspettativa di vita di un paziente con infezione da HIV regolarmente in terapia inizia ad approssimarsi a quella della popolazione generale. E’ ovvio che se la terapia venisse interrotta l’infezione da HIV riprenderebbe il suo decorso naturale ed il paziente sarebbe nuovamente a rischio di decesso.

“La ricerca industriale porta a nuove soluzioni farmaceutiche più tollerate e più comode da assumere – ha aggiunto Di Perri - come ad esempio la disponibilità di una singola compressa contenente tre principi, e quindi l’intera terapia da assumere solo una volta al giorno. Dall’altra numerosi ricercatori clinici stanno perseguendo strategie di induzione-mantenimento, ovvero caratterizzate da un inizio di terapia regolare con tre farmaci e successivamente, una volta ottenuto un certo grado di beneficio iniziale, dalla prosecuzione con due o addirittura un solo farmaco in modo da alleggerire l’impegno terapeutico del paziente, l’eventuale tossicità a lungo termine della terapia e quindi anche riducendo i costi della stessa”.  

13 maggio 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy