Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 02 DICEMBRE 2020
Cronache
segui quotidianosanita.it

Uova alla diossina dalla Germania: partono i controlli in Italia


Rimane ancora alto l’allarme dopo la scoperta di presenza di diossina nei mangimi di polli e suini in Germania che ha portato alla chiusura di circa 5.000 allevamenti. Per il ministro Fazio, da domani a Bruxelles per una riunione tecnica sul caso, “i cibi italiani sono sicuri e non c’è ragione di drammatizzare”.

10 GEN - L’Italia attraverso i Nas e le Regioni ha deciso di attivare le procedure di controllo sulla catena alimentare in relazione ai casi di contaminazione (di uova) da diossina avvenuta in Germania. Martedì e mercoledì si svolgerà a Bruxelles una riunione tecnica per fare il punto sulla situazione che ha già creato allarme in tutta Europa e il ministro per la Salute Ferruccio Fazio ha assicurato che l’Italia “si adeguerà alle iniziative comunitarie” e che in ogni caso le nostre autorità “hanno la lista dei fornitori tedeschi a rischio e non sono arrivate uova dalla Germania”. Lo Stato tedesco è il principale fornitore per l’Italia di latte e derivati con quasi 41 milioni di quintali all’anno.
Intanto, i attesa delle decisioni di Bruxelles la Germania ha deciso di iniziare a sbloccare le attività, anche se dal ministero della Salute tedesco hanno chiarito che l’allarme non è ancora cessato, di 3.000 allevamenti sui quasi 5.000 che erano stati preventivamente bloccati. Intanto la Confederazione italiana agricoltori (Cia) avverte come sia “giusto fare verifiche e controlli, ma senza alimentare l’effetto psicosi che negli ultimi anni è già costato all’Italia oltre 5 miliardi di euro”. Per la Cia in Italia “non c’è alcun pericolo perché i nostri allevamenti sono sicuri e sottoposti a rigidissimi controlli”. La Coldiretti specifica poi che attualmente nel nostro Paese vi è “l’obbligo di indicare la provenienza per carne bovina, pollo, ortofrutta fresca, uova, miele, latte fresco, passata di pomodoro e olio extravergine ma ancora resta molto da fare”. Intanto un sondaggio proposto da Sky tg 24 segnala come il 75% dei partecipanti alla rilevazione non si fida dei cibi che arrivano sulla nostra tavola.

10 gennaio 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy