Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 17 OTTOBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Standard ospedalieri. Balduzzi in audizione in commissione d’inchiesta

Secondo il presidente della commissione di inchiesta sugli errori e i disavanzi in sanità, Antonio Palagiano, “il decreto sugli standard ospedalieri paventa una prospettiva grave in termini di occupazione e di sostenibilità del Sistema sanitario nazionale”. Balduzzi sarà audito il 6 dicembre.

04 DIC - "Il decreto sugli standard ospedalieri paventa una prospettiva grave in termini di occupazione e di sostenibilità del Sistema sanitario nazionale. La questione del numero dei posti letto, ha certamente ha un peso:  se per il pubblico vale la discussione se sia corretto mantenere piccoli ospedali con meno di 100 posti letto, tale argomento non può non riguardare la rete privata. Tuttavia, nella valutazione, come per gli ospedali pubblici, non si può prescindere dal collocazione geografica e dalle caratteristiche di offerta sanitaria”. Ad affermarlo presidente della commissione di inchiesta sugli errori e i disavanzi in sanità e responsabile sanità dell’Idv, Antonio Palagiano, spiegando che il decreto in discussione in Conferenza Stato-Regioni e, più in generale gli effetti della Spending review in sanità, saranno all’ordine del giorno dell’audizione del ministro della Salute Balduzzi in programma per giovedì 6 dicembre alle ore 8.45”.

“Il vero problema – secondo il presidente Palagiano -, accanto a quello del risparmio di risorse economiche, è rispettare la reale concorrenza che deve esistere tra pubblico e privato. E’ troppo comodo considerare una sanità privata che si accredita offrendo solo prestazioni ambulatoriali o da day surgery o poco più, senza garantire prestazioni più onerose che richiedono sforzi economici ed organizzativi”.


“Il privato accreditato – conclude Palagiano - può essere tale solo se assume gli stessi oneri del pubblico e non tende solo ad ottenere la parte più remunerativa delle prestazioni. Per concorrere ad armi pari, dunque, il privato deve dotarsi di quei servizi che nel pubblico rappresentano i maggiori capitoli di spesa, cioè quei servizi ad alta intensità di cura, come posti di terapia intensiva o di rianimazione, servizi di pronto soccorso e unità coronariche”.
 

04 dicembre 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy