Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 21 MAGGIO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Dat. Il premier Conte: “Attuazione in arrivo a breve”

Lo riferisce l'Associazione Luca Coscioni che ieri ha incontrato il presidente del Consiglio a Palazzo Chigi. “L'incontro è stato richiesto al fine di dare seguito all'ordinanza della Corte costituzionale n. 207/2018” che sollecitava il legislatore “affinché le tutele costituzionali in materia di scelte della persona malata - capace di intendere e con gravi sofferenze dovute a patologia irreversibile - siano rispettate”. 

08 GEN - Ieri il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha incontrato i rappresentanti dell’Associazione “Luca Coscioni” Marco Cappato e Marco Perduca e l’avvocato Filomena Gallo, che hanno esposto le varie iniziative dell’associazione con riguardo alla libertà della ricerca scientifica e al diritto dei malati a beneficiare dei risultati delle ricerche scientifiche.
 
“Tra i vari temi di cui si è discusso – sottolinea una nota di Palazzo Chigi -, anche le misure attuative della legge istitutiva delle disposizioni anticipate di trattamento (DAT), misure che il Presidente Conte ha confermato essere in arrivo a breve”.
 
“L'incontro – riferisce l’Associazione Coscioni - è stato richiesto al fine di dare seguito all'ordinanza della Corte costituzionale n. 207/2018” (quella sul caso del DJ Fabo, ndr) che sollecitava il legislatore “affinché le tutele costituzionali in materia di scelte della persona malata - capace di intendere e con gravi sofferenze dovute a patologia irreversibile - siano rispettate”. 

 
“Così come - si legge ancora nella nota dell'Associazione - sia rispettato il contratto di governo laddove si indica la necessità di dare trattazione alle leggi d'iniziativa popolare, visto che la proposta di legge eutanasia legale è in attesa da 5 anni e mezzo”. 
 
“Abbiamo inoltre condiviso le priorità dell'Associazione Luca Coscioni per il 2019, con riguardo a: diritto alla scienza e a beneficiare dei risultati della stessa; alla necessità di equiparare la firma autografa alla firmata digitale per chi ha perso la possibilità di utilizzare le mani; all’esclusione immotivata delle università di poter accedere ai bandi europei sulle malattie rare”, conclude la nota.

08 gennaio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy