Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 08 DICEMBRE 2016
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Ipasvi. Barbara Mangiacavalli è la nuova presidente: “Primo obiettivo le competenze specialistiche. Superemo gli ostacoli”

"All’infermiere è sempre mancato qualcosa per far decollare la sua professionalità. Un passo alla volta abbiamo affrontato e superato una serie di ostacoli e supereremo anche questo". Il primo impegno della neo presidente. 46 anni, laurea magistrale e laurea in business administration a Canterbury e Direttore del Sitra al San Matteo di Pavia. Nella foto Barbara Mangiacavalli con Annalisa Silvestro all'ultimo congresso dell'Ipasvi.

21 MAR - Barbara Mangiacavalli è la nuova presidente della Federazione Ipasvi. E’ stata scelta oggi dal nuovo Comitato centrale della Federazione. Nata a Como il 20 marzo 1969, Laurea Magistrale in scienze infermieristiche ed ostetriche a Milano e Laurea in business administration all’University of Canterbury, Mangiacavalli nel 2006 consegue anche il Certificato di formazione manageriale per direttori di struttura complessa di area ospedaliera.
 
Dal1 novembre 2003 è il Direttore della struttura complessa SITRA (Servizio Infermieristico Tecnico Riabilitativo Aziendale) a tempo indeterminato presso la Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia.
 
Un curriculum di tutto rispetto per la nuova presidente che rispecchia appieno quella figura di infermiere dirigente che in qualche modo ha rappresentato il simbolo e la meta di tutte le battaglie Ipasvi dai primi anni ’90 ad oggi.
 
La neo-presidente subentra per il triennio 2015 2017 alla senatrice Annalisa Silvestro che per quindici anni è stata alla guida dell’Ipasvi e che come aveva anticipato nell'intervista al nostro giornale ha deciso di non ricandidarsi al vertice della Federazione restando una "semplice" membra del Comitato centrale.

 
“Tutti i colleghi del Comitato centrale hanno inteso valorizzare – ha detto propio Silvestro –  la capacità, la competenza ed anche l’esperienza che Mangiacavalli ha in abbondanza cosa che mi fa dire che lavoreremo bene tutti insieme ed in maniera integrata”.
 
“Continueremo nel nostro percorso  – la prima dichiarazione di Barbara Mangiacavalli da neo-presidente Ipasvi - con forza e determinazione. All’infermiere è sempre mancato qualcosa per far decollare la sua professionalità. Un passo alla volta abbiamo affrontato e superato una serie di ostacoli. Ora l’ultimo che abbiamo di fronte è quello delle competenze specialistiche. E supereremo anche questo ostacolo con coraggio e onestà intellettuale che auspichiamo ci sia anche da parte delle altre professioni e delle istituzioni. Siamo più che disponibili ad essere messi alla prova”.
 
Le strategie Ipasvi per il triennio 2015-2018
Tra le linee programmatiche del nuovo Comitato centrale, in sintonia e continuità con il lavoro svolto nel triennio precedente, è previsto - si legge in una nota dell'Ipasvi - di rendere gli infermieri protagonisti del proprio futuro, assumendo un ruolo più forte e di solida presenza dove si discute, si dibatte e si decide per la sanità, per la formazione, per le professioni, per il lavoro".
 
"Il Comitato centrale - prosegue la nota - darà sostegno pineo ai Collegi provinciali e ai coordinamenti regionali anche nell’attuazione del Patto per la Salute e nel nuovo disegno dell’assistenza in ospedale e sul territorio: questi infatti dovranno essere il “luogo” per i cittadini e i liberi professionisti dove si incrociano con trasparenza domanda e offerta di professionalità e assistenza infermieristica".
 
Tra le novità in cantiere annunciate questa mattina al termine della prima riunione del CC Ipasvi per il prossimo triennio anche la realizzazione del percorso di accreditamento dei professionisti per certificare le competenze acquisite e la qualità della professione anche nel libero mercato.
Tra gli obiettivi c’è poi  l’aggiornamento del Codice deontologico e il riconoscimento e il coinvolgimento nei processi assistenziali della figura dell’infermiere specialista, anche con un confronto con le altre professioni sanitarie per la definizione dei reciproci ambiti professionali.
 
"In questo triennio - conclude la nota - poi si dovrà  favorire la libera professione, le funzioni manageriali, di direzione e di coordinamento e realizzare con Istituzioni, Società scientifiche e rappresentanze dei cittadini linee guida, standard assistenziali, criteri per la definizione del fabbisogno di infermieri, indicatori di esito e risultato sia per l’ospedale, sia per il territorio che per l’assistenza domiciliare, anche sostenendo l’ampliamento del numero di infermieri ricercatori e professori nelle Università".
 
Il Comitato centrale Ipasvi per il triennio 2015-2018:
Barbara Mangiacavalli, presidente 
Maria Adele Schirru, vicepresidente
Beatrice Mazzoleni, segretaria
Franco Vallicella, tesoriere
Ciro Carbone, consigliere
Pierpaolo Pateri, consigliere
Annalisa Silvestro, consigliere

Il nuovo Collegio dei Revisori dei conti
Ausilia Maria Lucia Pulimeno (presidente)
Salvatore Occhipinti
Flavio Paoletti
 
supplente 
Mariacristina Magnocavallo

21 marzo 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy