Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 25 GIUGNO 2019
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Riordino rete ospedaliera campana. Si depotenzia il territorio

30 DIC - Gentile Direttore,
le scrivo per rappresentarle che in data 28/12/2018 è stato pubblicato il Piano Regionale della Programmazione Ospedaliera della Regione Campania ai sensi del D.M. 70/2015 che si allega e che prevedrebbe la collocazione dei Medici di Continuità Assistenziale nei Pronto Soccorso degli Ospedali.
Tale scellerata programmazione, configurata nel predetto Piano Regionale, non solo non costituisce alcun cambiamento ma, ancora una volta, dimostra che il comparto Sanità della Regione Campania non conosce le criticità assistenziali presenti sul Territorio e sottovaluta anche il potenziale decalage sotto il profilo del Welfare sociale.
 
Difatti, un Piano Regionale così strutturato tenderà a depotenziare ancora di più il territorio di unità mediche per rafforzare la rete Ospedaliera, come si evince a chiare lettere dall’allegato Piano Regionale, il che sta a significare che si lascerà ancora di più sguarnito lo stesso Territorio, il quale, al contrario, andrebbe rafforzato per realizzare il tanto invocato filtro assistenziale che decongestionerebbe i già affollati Pronto Soccorso.

 
Va segnalato che una visione politica miope, limitata e superficiale del problema Sanità in Campania ha portato all’elaborazione di un simile Piano Regionale che deve essere censurato perché vede la contrarietà di “Tutti gli addetti ai Lavori”.
Privare i cittadini dei Presidi di Continuità Assistenziale (per intenderci ex Guardia Medica) per rafforzare gli ospedali significherà, inevitabilmente, impoverire ancor di più il Territorio ed intasare gli stessi ospedali con accessi impropri, contribuendo a rendere più critica la condizione assistenziale in Campania.
 
Inoltre, non va trascurato l’aspetto economico riguardante le prestazioni “codici bianchi”: esse, espletate in P.S., prevedono un importo non inferiore ai 25€ ciascuna ed, essendo a totale carico degli Assistiti, comporteranno un ulteriore inasprimento delle criticità legate al Welfare.
Al contrario, se tale Piano avrà il criptico scopo di privatizzare la Sanità in Campana con una scellerata scelta di soluzioni mirate, lo S.M.I. (Sindacato Medici Italiani) lo condannerà con forza e senza mezzi termini.
Il prezioso contributo dei Medici della Continuità Assistenziale, appartenenti all’Area della Medicina Generale e formati per questa attività, va rifondato e rivalutato sul Territorio e non certamente affossato nei Pronto Soccorso.
 
Lo S.M.I. ostacolerà tale insulso Piano in tutte le sedi, anche con scioperi e manifestazioni di massa in Piazza, nel rispetto dei L.E.A., del Welfare e della attività dei medici della Continuità Assistenziale che, per 40 anni hanno contribuito, con pochi mezzi e spesso sulla loro pelle, a migliorare la Sanità in Italia.
 
Dr. Giovanni Senese
Resp. Naz. S.M.I. – C.A.
 

30 dicembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy