Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 20 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Vaccino antinfluenzale. Cricelli: “Ogni giorno muoiono 1.600 over 60, ma senza profilassi i morti aumenterebbero”

Per il presidente della Simg bisogna ricondurre gli eventi che si stanno verificando a una seria analisi scientifica: “Non vi è alcuna correlazione tra la somministrazione del vaccino e i decessi. È importante che gli anziani si vaccinino contro l’influenza. Le autorità sanitarie rendano noti quanto prima i risultati degli esami autoptici”

29 NOV - “Bisogna ricondurre gli eventi che si stanno verificando nelle ultime ore a una seria analisi scientifica. Le morti fra gli anziani, da sempre, sono più frequenti e non sono causate dalla vaccinazione antinfluenzale”.
 
È questo il commento di Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale e delle cure primarie (SIMG) che nel corso del XXXI Congresso Nazionale di Firenze, chiede ai medici di diffondere i dati e alle autorità sanitarie di rendere noti quanto prima i risultati degli esami autoptici disposti per fare chiarezza sui decessi sospetti avvenuti negli ultimi giorni.
 
“I dati dell’Istat dicono che ogni giorno in Italia muoiono circa 1800 persone, con punte fino a duemila nei mesi invernali – ha detto – la maggior parte dei decessi, circa 1.600 al giorno, avviene in persone anziane. Il tasso vaccinale supera il 50% negli over 65. Quindi ogni giorno muoiono circa 800 persone che si sono vaccinate. Non vi è alcuna correlazione tra la somministrazione del vaccino ed i decessi. Salvo circostanze eccezionali, tutte da dimostrare, le cause della morte sono le solite: cancro, malattie cardiovascolari, respiratorie etc. Dobbiamo dunque ricondurre gli eventi che si stanno verificando nelle ultime ore a una seria analisi scientifica. Come dimostrano i dati epidemiologici a nostra disposizione, è evidente che le morti fra gli anziani, da sempre, sono più frequenti e non sono causate dalla vaccinazione antinfluenzale”.

 
 Gli anziani, aggiunge Cricelli, costituiscono la popolazione più fragile e, indipendentemente dalla vaccinazione antinfluenzale, fanno registrare percentuali di mortalità più elevate:  Ma, proprio per la loro condizione di fragilità, è importante che si vaccinino contro l’influenza. Altrimenti assisteremmo a un numero di morti sicuramente maggiore”.

29 novembre 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy