Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 23 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Programmi dietetici. Su Internet solo il 17% è affidabile

Molte persone si rivolgono alla Rete alla ricerca di programmi online per perdere peso, ma secondo i risultati di un nuovo studio americano, questa non sarebbe la via migliore, né la più sicura.

11 FEB - (Reuters Health) – Uno studio americano, pubblicato su Obesity online, ha indagato l’affidabilità dei programmi dietetici presenti nella Rete. I ricercatori hanno valutato 200 programmi diffusi online entro un raggio di 10 miglia da 17 cliniche dei servizi di medicina di base a Washington DC, Maryland e in Virginia, confrontandoli agli standard stabiliti dalle associazioni mediche come l’American Heart Association, American College of Cardiology e la Obesity Society. Inoltre sono stati selezionati in modo casuale 80 di questi fornitori di programmi dietetici per un colloquio telefonico, e solo 52 (65%) hanno accettato di partecipare al colloquio. Tra tutti i programmi esaminati sulla base delle loro informazioni fornite dal sito web e dalle interviste telefoniche, i ricercatori hanno scoperto che alcuni erano effettivamente sottoposti alla supervisione dei medici, mentre altri erano programmi di dimagrimento commerciali abbinati ed erogati da società nazionali (Jenny Craig e Weight Watchers). Inoltre, alcuni programmi erano affiliati ad un programma di chirurgia bariatrica e altri erano gestiti indipendentemente.

Il quadro emerso

Nel complesso, solo il 17% di queste opzioni era in accordo con le condizioni delle linee guida, per la frequenza degli incontri di persona o per gli appuntamenti per un esame clinico. La maggior parte dei programmi includeva specifici cambiamenti nella dieta, ma non dava informazioni su quale tipo di abitudini alimentari i partecipanti avrebbero dovuto adottare. Poco più della metà dei programmi ha stimolato i partecipanti a tenere un diario delle abitudini alimentari e dell’attività fisica praticata. Per quanto riguarda quest’ultima, solo il 3% dei programmi includeva il minimo raccomandato di 150 minuti a settimana tra attività fisica da moderata a intensa. Inoltre, il 34% dei programmi è risultato favorevole all’uso di integratori per la perdita di peso, che spesso non sono certificati scientificamente per la sicurezza o l’efficacia, e solo il 15% dei programmi riferiva di consigliare farmaci dimagranti approvati dalla FDA. “A causa della limitata dimensione geografica dello studio, è difficile dire quanto i risultati potrebbero riflettere ciò che può succedere negli Stati Uniti, in particolare nelle comunità rurali. Questa analisi è stata limitata alla valutazione di programmi che includevano la presenza della persona interessata, per cui i risultati non sono applicabili alle alternative presentate esclusivamente via Internet o via telefono. In ogni caso, anche a queste condizioni, i risultati dell’analisi suggeriscono che i consumatori dovrebbero fare bene i loro calcoli prima di spendere del denaro per un programma dietetico”.


Fonte: Obesity online 2016
 
Lisa Rapaport
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science) 

11 febbraio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy