Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 16 OTTOBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Anziani. Per evitare cadute e fratture fondamentale movimento, buona vista e vitamina D

Una metanalisi condotta da alcuni ricercaori canadesi ha messo in evidenza, ai fini della prevenzione delle cadute e delle fratture dell’anziano, l’importanza di camminare regolarmente, avere una buona vista e assumere una quantità sufficiente di vitamina D. Se a questi fattori si associa la supervisione del geriatra, le possibilità di riportare fratture in seguito a cadute si abbassano dell’88%.

08 NOV - (Reuters Health) – L’esercizio fisico è fondamentale dopo i 65 anni anni per prevenire le cadute. Lo attesta una recente revisione degli studi. Inoltre, associare altri interventi all’attività fisica migliora ulteriormente non solo la prevenzione delle cadute ma è anche in grado di ridurre l’entità delle fratture. Movimento, una buona vista e un sufficiente introito di vitamina D sono i tre fattori vincenti in questo ambito.
 
Un gruppo di ricercatori dell’Università di Toronto ha pubblicato i risultati dell’indagine su Jama del 7 novembre, dopo aver esaminato i dati di 238 studi pubblicati negli anni per un totale di 160.000 persone over 65. Negli studi ai partecipanti era stato assegnato in modo casuale l’esercizio fisico o altri interventi per prevenire le cadute. I soggetti assegnati a seguire programmi di esercizio fisico hanno fatto registrare il 49% in meno di probabilità che la caduta provocasse traumi o lesioni.
 
L’associazione di esercizio fisico e visita oculistica con trattamento dei deficit visivi si è correlato all’83% in meno di probabilità di riportare una frattura legata alla caduta. Nei soggetti che associavano una valutazione geriatrica completa e integratori vitaminici le probabilità di riportare una frattura da caduta si riducevano dell’88%. La valutazione geriatrica rigurda ovviamente non solo le condizioni di salute ma anche l’ambiente in cui gli anziani vivono, che può essere più o meno pericoloso.

 
“Prima di questo studio – ha detto Sharon Straus, dell’Università di Toronto – non conoscevamo quali fossero le strategie più efficaci per prevenire le cadute. L’esercizio è risultato l’intervento più efficace nella prevenzione della cadute traumatiche, che possono avere un impatto fortemente negativo sulla qualità di vita degli anziani”.
 
Fonte: JAMA

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Nutri e Previeni)


08 novembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy