Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 12 AGOSTO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Morbillo. Gennaio 2018: 2 morti, 164 contagi. Il 93% non era vaccinato


Due decessi e 164 contagi. È questo il bilancio dei casi di morbillo verificatisi in Italia durante il mese di gennaio 2018. L’età media dei contagiati è di 25 anni, il 93% non era vaccinato o vaccinato con una sola dose. Quattro persone su 10 hanno avuto almeno una complicanza, per oltre la metà non è stato necessario il ricovero ospedaliero. Nello stesso periodo, registrato un solo caso di rosolia. IL BOLLETTINO DELL'ISS.

23 FEB - Due persone hanno perso la vita, dal primo al 31 gennaio 2018, a causa del morbillo. Non vaccinati, avevano 38 e 41 anni, non hanno superato la malattia a causa di un’insufficienza respiratoria.  
 
I casi totali, nello stesso periodo, sono stati 164, in 12 diverse Regioni italiane. Sono i dati dell’ultimo bollettino emanato dalla Sorveglianza Integrata del Morbillo e della Rosolia, raccolti dal Reparto Epidemiologia, Biostatistica e Modelli Matematici del Dipartimento Malattie Infettive, Istituto Superiore di Sanità.
 
Oltre l’80% dei contagi si è verificato in quattro Regioni: Sicilia, Lazio, Calabria e Liguria. In Sicilia l’incidenza più elevata. 
 

 
L’età media dei contagiati è di 25 anni. Il 26,4% dei casi, per un totale di 43, aveva meno di cinque anni di età. Di questi, 14 erano bambini al di sotto dell’anno di età. Il 52,4% dei casi si è verificato in soggetti di sesso femminile. 


 
Il 93% non era vaccinato o vaccinato con una sola dose. Quattordici i casi tra i bambini con meno di 1 anno di età. Nel 40% si è verificata almeno una complicanza, mentre oltre la metà non ha avuto bisogno di ricorrere ad un ricovero ospedaliero. La complicanza più frequente è stata la diarrea, riportata in 24 casi (14,6%). Sono stati segnalati 12 casi di polmonite (7,3%) e 8 casi (4,9%) di insufficienza respiratoria. In altri casi si è verificata stomatite (32 casi), cheratocongiuntivite (17 casi) ed epatite (13 casi).
 

 
I due decessi di gennaio fanno salire a 6 il numero totale di vittime, in Italia, dall’inizio dell’epidemia. A perdere la vita sono stati tre bambini sotto i 10 anni di età, rispettivamente 1, 6 e 9 anni. Gli altri tre decessi si sono verificati in adulti rispettivamente di 38, 41 e 41 anni. In tutti i casi i pazienti non vaccinati al momento del contagio e soltanto uno di loro soffriva di altre patologie. L’insufficienza respiratoria è stata la causa del decesso di tutte le vittime.

Dal primo al 31 gennaio 2018 è stato segnalato un solo caso di rosolia. 

23 febbraio 2018
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy