Quotidiano on line
di informazione sanitaria
14 AGOSTO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Psiche. Auto-compassione per gestire i propri fallimenti

di Cheryl Platzman Weinstock

Perfezionismo e fallimenti, due concetti che proptio non vanno d’accordo e che scatenano sintomi depressivi o di esaurimento in chi ne vive il conflitto. La soluzione sarebbe nell’imparare ad affrontare gli insuccessi con sentimenti di auto-compassione. Un esercizio che, quanto più è precoce, più è utile

23 FEB - (Reuters Health) – Imparare ad affrontare i propri fallimenti con gentilezza e auto-compassione sarebbe la soluzione, per perfezionisti, di evitare di andare incontro a sintomi di esaurimento e depressione. È quanto emerge da un piccolo studio coordinato da Madeline Ferrari, dell’Australian Catholic University di Strathfield. I risultati sono stati pubblicati su PLoS One. Secondo gli autori, mentre è giusto sforzarsi di raggiungere risultati elevati, esiste una forma di perfezionismo ‘disadattativo’ che include autocritica, paura di sbagliare e preoccupazione per le valutazioni negative da parte degli altri. La letteratura ha spesso legato questa forma negativa di perfezionismo a un aumento del rischio di depressione.

Lo studio
Per valutare questo aspetto, Ferrari e colleghi hanno inviato dei questionari ad hoc, in forma anonima e volontaria, a mille tra adolescenti e giovani. In particolare, 541 erano adolescenti di età compresa tra sette e dieci anni di cinque scuole private, di cui circa otto su dieci erano ragazze, e 515 erano giovani di età compresa tra 18 e 72 anni, di cui sette su dieci erano donne. Le domande valutavano i livelli di perfezionismo, depressione e auto-compassione. Dai risultati è emerso che, effettivamente, ci sarebbe una forte relazione tra perfezionismo disadattativo e depressione, sia tra gli adolescenti, siatra gli adulti. Ma tra le persone con alti livelli di auto-compassione, il legame tra perfezionismo e depressione sarebbe disgiunto.

Le osservazioni
Tra i limiti dello studio, in realtà, ci sarebbe il fatto che, dal momento che entrambi i gruppi avevano una percentuale nettamente superiore di donne, i risultati potrebbero essere diversi se applicati agli uomini. Inoltre, secondo gli stessi autori, sarebbero necessarie ulteriori ricerche con un intervento attivo a livello di auto-compassione per vedere se questo atteggiamento vada effettivamente a ridurre il rischio di depressione. “Il nostro studio si aggiunge a quelli che hanno già dimostrato che abbracciando i nostri errori, i nostri fallimenti e la nostra vulnerabilità, diventiamo più resistenti”, ha spiegato Ferrari. E questo dovrebbe essere un sollievo per i genitori, ha aggiunto. “Notate le tendenze al perfezionismo nei bambini. Non deve essere motivo di panico, ma deve rappresentare un’opportunità per insegnare l’auto-compassione, specialmente quando le prestazioni di un bambino non lo soddisfano”.

Secondo Serena Chen, dell’Università della California di Berkeley, che non era coinvolta nello studio, il perfezionismo, la depressione e l’auto-compassione sono tutti correlati, ma non è chiaro come si influenzano. “Forse la depressione porta le persone a essere perfezioniste o forse le persone perfezioniste hanno una minore auto-compassione”, dice l’esperta.

Fonte: PLoS One

Cheryl Platzman Weinstock

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

23 febbraio 2018
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy