Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 12 NOVEMBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

The Lancet. Ricerca shock in UK. I militari sono tre volte più violenti dei cittadini normali

Se su 100 cittadini “qualunque” in media solo sei o sette saranno mai condannati per reati violenti, dall’aggressione verbale all’omicidio, tra i giovani arruolati nelle forze dell’ordine britanniche il numero sale a 20. Ancora peggiore la situazione per i veterani di guerra, soprattutto se al fronte per più di una volta.

18 MAR - Uno studio shock sulla violenza nelle forze dell’ordine sta facendo il giro della Gran Bretagna e del mondo: poliziotti e militari – soprattutto i più giovani – sono decisamente più propensi a usare la violenza del resto della popolazione, tanto che vengono condannati per reati violenti tre volte più del resto della cittadinanza, e quando si parla di veterani di guerra  la probabilità è più alta del 53% rispetto a chi non è stato al fronte. A dirlo una ricerca svolta su quasi 14 mila militari in UK, alcuni dei quali avevano servito la nazione in due delle ultime “operazioni di pace” della Nato: la guerra in Afghanistan e quella in Iraq. Lo studio, condotto da King’s College di Londra, è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista The Lancet.
 
In particolare il lavoro ha considerato un campione di 13.856 militari, in servizio o meno, registrati nel Police National Computer britannico, database che registra i dati del personale di tutti i reparti di polizia sul territorio, i militari, i servizi segreti, ecc. I ricercatori hanno studiato i tassi di crimini violenti (esclusa però la violenza domestica) e hanno cercato di rapportarli alla presenza di disordini da stress post-traumatico, stati di ansietà, depressione o altre patologie dell’umore.

In questo modo, hanno scoperto che tra poliziotti e militari, il tasso di condanne per reati violenti è dell’11%, contro il 6,7% riscontrabile tra i cittadini “qualunque”. Ma quando si considerano solo i 2700 uomini under 30  in servizio nelle forze armate la percentuale sale a uno su cinque (20,6%). Inoltre, come già detto, gli uomini che hanno combattuto in Iraq e Afghanistan hanno una probabilità maggiore del 53% di commettere reati che vanno dall’aggressione verbale all’omicidio rispetto a quelli mai stati al fronte, e nel caso di persone richiamate a combattere più volte in più guerre, la percentuale sale addirittura al 70/80%.

 
Il Ministero della Difesa inglese, che ha finanziato lo studio, tuttavia, ha precisato che lo scopo della ricerca non è quello di criminalizzare tout court le forze dell’ordine. L’istituzione ha dichiarato però che lo studio serve a rompere uno stigma sulla presenza tra gli esponenti delle forze dell’ordine – e in particolare tra i militari – di persone che presentano patologie mentali che le portano ad essere più aggressive. Ma anche sulla scelta degli individui arruolati.
Gli autori dello studio pensano che una più frequente esposizione a eventi traumatici sul luogo di lavoro possa aumentare il rischio di commettere reati violenti. “In particolare c’è una profonda correlazione tra la propensione a questo tipo di crimine e la presenza di disordini post traumatici da stress”, scrivono gli autori. Ma non solo. “La ricerca indica anche che i militari che fanno parte di alcuni reparti non vengono scelti a caso. In Gran Bretagna le truppe di fanteria tradizionalmente hanno promosso l’aggressività come ‘tratto desiderabile’, nonché spesso hanno reclutato individui socialmente emarginati e con basso livello di educazione”.
In altre parole, come spiega Deirdre MacManus, autore principale dello studio, “la tendenza violenta era più comune tra i giovani militari meno graduati, ed era associata a una storia di aggressività precedente all’arruolamento. E per queste persone il combattimento in guerra e le esperienze traumatiche funzionavano solo come innesco al comportamento violento”.
 
Gli esperti hanno per questo specificato che “sarebbe sbagliato pensare che tutti i veterani affetti da disordini post-traumatici da stress siano potenziali criminali”, come ha spiegato Walter Busuttil, direttore dei servizi medici dedicati ai militari che hanno servito in zone di guerra. Insomma, il problema non è solo quanto la guerra cambi le persone e le trasformi in criminali, ma quanto ad essere arruolati nei corpi armati possano essere individui già inclini all’aggressività. “Studi di questo tipo servono proprio a capire come individuare quali soldati hanno bisogno di cure appropriate e trattamenti specifici durante il servizio e quando lasciano le forze armate”, ha continuato.
Il Ministero della Difesa ha già introdotto una serie di iniziative per incoraggiare il personale in servizio a farsi avanti, per essere aiutato già nelle fasi iniziali di stati d’ansia o di depressione o se sono in difficoltà dopo eventi traumatici. Ma non solo: la Gran Bretagna sembra voler risolvere anche un altro grave problema, non presente nella ricerca. “Per ulteriore prevenzione – ha concluso Busuttil – stiamo approntando dei corsi per affrontare il tema della violenza domestica, seppure nello studio questa non sia considerata”.
 
 
Laura Berardi

18 marzo 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy