Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 30 MARZO 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Emergenza-Urgenza nel pubblico e nel privato. Il focus Anaao sulle Regioni del Sud e Isole

Dopo lo studio sulle Regioni del Nord e quelle del Centro, il nuovo focus dimostra che la rete di emergenza/urgenza si basa quasi esclusivamente sulle strutture pubbliche. Il privato accreditato interpreta le prestazioni per acuti in chiave di elezione. Le regole di accreditamento o non sono rispettate o si prestano ad applicazioni discordanti. La carenza di posti letto è alla base di una situazione estremamente critica. Mancano 20.400 posti letto al Sud. LE SCHEDE RIASSUNTIVE.

19 FEB - A completamento del nostro studio sull’offerta di servizi per l’Emergenza/Urgenza abbiamo analizzato i dati relativi alle Regioni del Sud e Isole, dopo quelli del Nord e del Centro. Di seguito i risultati riguardanti Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna.
 
ABRUZZO
I Presidi/Acuti sono il 69,2% pubblici vs. il 30,8% privati
I Presidi/Acuti con DEA/PS sono 88,9% dei pubblici, nessuno dei privati
I Posti letto/acuti pubblici sono il 84,8% vs il 15,2% dei privati di cui con DEA/PS il 100% dei pubblici
Il numero di Accessi in DEA/PS il 100% a carico del pubblico
I Ricoveri/Acuti pubblici ordinari sono l'84,6% vs. il 15,4% dei privati, in DH il 77,2% pubblici vs. il 22,8% privato
La valorizzazione di tali prestazioni presenta l'83,6% per le strutture pubbliche e il 16,4% per quelle private.

Gli altri Servizi E/U presenti nelle strutture private: UTI 3 (case di cura)
In sintesi il Privato accreditato ha il 30,8% di Presidi, il 15,2% dei PL/Acuti, il 15,4% dei ricoveri in RO, il 22,8% in DH, valorizza il 16,4% delle prestazioni/Acuti e non ha accessi in pronto soccorso. Per gli altri servizi E/U ha 3 UTI (case di cura).
Il rapporto "reale" Posti Letto/mille abitanti (ossia sottraendo i Posti Letto che non hanno offerta di pronto soccorso) è pari a 2,34. Mancano 867 posti letto.
 
MOLISE
I Presidi/Acuti sono 42,9% pubblici vs. 57,1% privati
I Presidi/Acuti con DEA/PS sono 100% pubblici
I Posti letto/acuti pubblici sono il 63,5% vs il 36,5% dei privati di cui con DEA/PS il 100% dei pubblici
Il numero di Accessi in DEA/PS il 100% a carico del pubblico
I Ricoveri/Acuti pubblici ordinari sono il 64,8%% vs. il 35,2% dei privati, in DH il 57,3% pubblici vs. il 42,7% del privato
La valorizzazione di tali prestazioni presenta il 52,8% per le strutture pubbliche e il 47,2% per quelle private.
Gli altri Servizi E/U presenti nelle strutture private: UTI 2 (equiparati)
In sintesi il Privato accreditato ha il 57,1% di Presidi, il 36,5% dei PL/Acuti, 35,2% dei ricoveri in RO, il 42,7 in DH, valorizza il 47,2% delle prestazioni/Acuti e non ha accessi in pronto soccorso. Per gli altri servizi E/U 2 UTI nelle equiparate
• Il rapporto "reale" Posti Letto/mille abitanti (ossia sottraendo i Posti Letto che non hanno offerta di pronto soccorso) è pari a 2,2. Mancano 250 posti letto.
 
CAMPANIA
I Presidi/Acuti sono il 47,3% pubblici vs. il 52,7% privati
I Presidi/Acuti con DEA/PS sono 86,8% dei pubblici vs il 10,1% del privato
I Posti letto/acuti pubblici sono il 66,8% vs il 33,2% dei privati di cui con DEA/PS il 87% dei pubblici e il 16,9% del privato
Il numero di Accessi in DEA/PS evidenzia l'88,9% a carico del pubblico vs. il 11,1% a carico del privato
I Ricoveri/Acuti pubblici ordinari sono il 65,1% v. il 34,9% dei privati, in DH il 69,2% pubblici vs. il 30,8% privato
La valorizzazione di tali prestazioni presenta 66,9% per le strutture pubbliche e il 33,1% per quelle private.
Gli altri Servizi E/U presenti nelle strutture private:10 UTI, 6 UTIC, 6 TIN 17,6%, 2 PS Ped, SIMT/ST non ha offerta
In sintesi il Privato accreditato ha il 52,7% di Presidi, il 33,2% dei PL/Acuti, 34,9% dei ricoveri in RO, il 30,8 in DH, valorizza il 33,1% delle prestazioni/Acuti e ha l'11,1% degli Accessi in pronto soccorso. Per gli altri servizi E/U: 10 UTI, 6 UTIC, 6 TIN, 2 PS Ped e nessuna offerta di SIMT/ST
• Il rapporto "reale" Posti Letto/mille abitanti (ossia sottraendo i Posti Letto che non hanno offerta di pronto soccorso) è pari a 1,76. Mancano 7.250 posti letto
 
PUGLIA
I Presidi/Acuti sono il 58,2% pubblici vs. il 41,8% privati
I Presidi/Acuti con DEA/PS sono il 92,3% dei pubblici vs IL 75% del privato.
I Posti letto/acuti pubblici sono il 69,4% di cui il 96,3 con DEA /PS v.s il 30,6% dei privati di cui con DEA/PS il 98,6% degli equiparati e il 22,5% delle case di cura
Il numero di Accessi in DEA/PS evidenzia l'89,6% a carico del pubblico vs. il 9,1 degli equiparati e l'1,3 delle case di cura
I Ricoveri/Acuti pubblici ordinari sono il 67,1% vs. il 32,9% dei privati, in DH il 79,1% pubblici vs. il 20,9% privato
La valorizzazione di tali prestazioni presenta 62,7% per le strutture pubbliche e il 37,3% per quelle private.
Gli altri Servizi E/U presenti nelle strutture private: UTI al 29%, UTIC al 32,1%, TIN 33,3%, SIMT/ST 14,3, PS Ped non ha offerta
In sintesi il Privato accreditato ha il 41,8% di Presidi, il 30,6% dei PL/Acuti, il 32,9% dei ricoveri in RO, il 20,9% in DH, valorizza il 37,3% delle prestazioni/Acuti e ha l'10,4% degli Accessi in pronto soccorso. Per gli altri servizi E/U ha 9 UTI, 9 UTIC ,3 TIN, e nessun PS Ped e SIMT/ST
• Il rapporto "reale" Posti Letto/mille abitanti (ossia sottraendo i Posti Letto che non hanno offerta di pronto soccorso) è pari a 2,36. Mancano 2.600 posti letto.
 
BASILICATA
I Presidi/Acuti sono il 100% pubblici.
I Presidi/Acuti con DEA/PS sono l'85,7% dei pubblici nessuna offerta nel privato
I Posti letto/acuti pubblici sono il 100% di cui con DEA/PS il 100% dei pubblici
Il numero di Accessi in DEA/PS evidenzia il 100% a carico del pubblico
I Ricoveri/Acuti pubblici ordinari sono il 100%, in DH 100%
La valorizzazione di tali prestazioni presenta il 100% per le strutture pubbliche
Gli altri Servizi E/U non presenti nelle strutture private
In sintesi il Privato accreditato non è presente
• Il rapporto "reale" Posti Letto/mille abitanti è pari a 2,80. Mancano 1.700 posti letto.
 
CALABRIA
I Presidi/Acuti sono l'56,1% pubblici vs. il 43,9% privati
I Presidi/Acuti con DEA/PS sono IL 91.3% dei pubblici vs IL 11,1% del privato
I Posti letto/acuti pubblici sono il 78,3% vs il 21,7% dei privati di cui con DEA/PS il 92,3% dei pubblici e il 7,4% del privato acc
Il numero di Accessi in DEA/PS evidenzia IL 98,1% a carico del pubblico vs. il 1,9% a carico del privato acc
I Ricoveri/Acuti pubblici ordinari sono il 86,3% vs. il 13,7% dei privati, in DH 83,3% pubblici vs. il 16,7% privato
La valorizzazione di tali prestazioni presenta il 80,7% per le strutture pubbliche e il 19,3% per quelle private.
Gli altri Servizi E/U presenti nelle strutture private: UTI 1, UTIC 2, nessun offerta di TIN,PS Ped e SIMT/ST
In sintesi il Privato accreditato ha il 43,9% di Presidi, il 21,7% dei PL/Acuti, 13,7% dei ricoveri in RO, il 16,7 in DH, valorizza il 19,3% delle prestazioni/Acuti e ha l'1,9% degli Accessi in pronto soccorso.
• Il rapporto "reale" Posti Letto/mille abitanti (ossia sottraendo i Posti Letto che non hanno offerta di pronto soccorso) è pari a 1,78. Mancano 2.300 posti letto.
 
SICILIA
I Presidi/Acuti sono l'54% pubblici vs. il 46% privati
I Presidi/Acuti con DEA/PS sono IL 94% dei pubblici vs. il 50% del privato
I Posti letto/acuti pubblici sono il 70,4% vs il 29,6% dei privati di cui con DEA/PS il 98,5% dei pubblici e il 4,5% del privato
Il numero di Accessi in DEA/PS evidenzia IL 95,1% a carico del pubblico vs. il 4,9% a carico del privato
I Ricoveri/Acuti pubblici ordinari sono il 77,6% vs. il 22,4% dei privati, in DH il 73,7% pubblici vs. il 26,3% privato
La valorizzazione di tali prestazioni presenta il 75,4% per le strutture pubbliche e il 24,6% per quelle private.
Gli altri Servizi E/U presenti nelle strutture private: UTI al 22,7%, UTIC al 10,8%, TIN al 5,9%, PS Ped e SIMT/ST non hanno offerta
In sintesi il Privato accreditato ha il 46% di Presidi, il 29,6% dei PL/Acuti, 22,4% dei ricoveri in RO, il 26,3 in DH, valorizza il 24,6% delle prestazioni/Acuti e ha il 4,5% degli Accessi in pronto soccorso. Per gli altri servizi E/U vi sono 10 UTI 4 UTIC, 1 TIN e nessun PS ped e SIMT/ST
• Il rapporto "reale" Posti Letto/mille abitanti (ossia sottraendo i Posti Letto che non hanno offerta di pronto soccorso) è pari a 2,0. Mancano 4.935 posti letto.
 
SARDEGNA
I Presidi/Acuti sono il 77,1% pubblici vs. il 22,9% privati
I Presidi/Acuti con DEA/PS sono l'85,2% dei pubblici vs nessun privato
I Posti letto/acuti pubblici sono l'84,9% vs il 15,1% dei privati di cui con DEA/PS il 98,5% dei pubblici
Il numero di Accessi in DEA/PS evidenzia IL 100% a carico del pubblico
I Ricoveri/Acuti pubblici ordinari sono l'88,9% vs. l'11,1% dei privati, in DH l'82,9% privati vs. il 17,1% privato
La valorizzazione di tali prestazioni presenta l'89,5% per le strutture pubbliche e il 10,5% per quelle private.
Per gli altri Servizi E/U nel privato non vi è offerta
In sintesi il Privato accreditato ha il 22,9% di Presidi, il 15,1% dei PL/Acuti, il 11,1% dei ricoveri in RO, il 17,1 in DH, valorizza il 10,5% delle prestazioni/Acuti e ha nessun Accesso in pronto soccorso. Nessun altro Servizio E/U.
• Il rapporto "reale" Posti Letto/mille abitanti (ossia sottraendo i Posti Letto che non hanno offerta di pronto soccorso) è pari a 2,7. Mancano 500 posti letto.
 
Discussione
L’analisi dei dati fa balzare subito agli occhi un dato preoccupante. Nessuna Regione del Sud, eccetto Molise e Sardegna, raggiunge i 3,0 per mille abitanti facendo riferimento al totale posti letto/acuti, pubblici e privati accreditati. Se poi si calcolano i soli letti/acuti che – come è corretto fare - possono far riferimento a un DEA/PS allora lo scenario è oltremodo sconfortante: 2,34 Abruzzo, 2,29 Molise, 1,76 Campania, 2,36 Puglia, 2,80 Basilicata, 1,78 Calabria, 2,0 Sicilia e 2,7 Sardegna.
La carenza ammonta a 20.400 posti letto/acuti.
 
Il secondo dato evidente è il totale carico di accessi in pronto soccorso sulle strutture pubbliche in Abruzzo, Molise, Basilicata e Sardegna, Regioni in cui il privato è peraltro presente – anche se in modo differenziato – con Presidi e Posti letto/acuti accreditati.
Lo squilibrio pubblico/privato è estremamente evidente in Abruzzo dove il privato diserta totalmente l’urgenza avendo il 30,8% dei Presidi privati, ricoveri al 15,4% del regime ordinario e al 22,8% in DH ed una valorizzazione delle prestazioni al 16,4%.

In Molise analogamente il privato diserta l’urgenza avendo il 57,1% di Presidi privati che valgono il 36,5% dei letti accreditati, con ricoveri in ordinario al 35,2% e 42,7 in DH e valorizzazione al 47,2%.

E ancora in Sardegna nessuna urgenza per il privato con il 37,2% di Presidi privati, il 15,1% dei letti, l’11,1% dei ricoveri in RO, il 17,1 in DH e una valorizzazione delle prestazioni al 10,5%.

Fa eccezione la Basilicata dove l’offerta/acuti è solo pubblica in completa assenza di strutture ospedaliere private accreditate.
 
Diverso il caso della Campania, dove il privato partecipa ai servizi E/U con l’11,1% di accessi in pronto soccorso a fronte del 52,7% dei Presidi, del 33,2% dei letti, del 34,9% dei ricoveri in RO e del 30,8 in DH, con una valorizzazione delle prestazioni al 33,1%. Sono inoltre presenti alcuni altri servizi E/U quali 10 UTI, 6 UTIC, 6 TIN, 2 PS Ped e nessuna offerta di SIMT/ST.

E così pure in Puglia, dove il privato ha il 10,4% degli accessi in pronto soccorso con il 41,8% dei Presidi, il 30,6% dei letti, il 32,9% dei ricoveri in RO e il 20,9% in DH ed una valorizzazione al 37,3% delle prestazioni/Acuti. Presenti inoltre 9 UTI, 9 UTIC ,3 TIN, e nessun PS Ped e SIMT/ST.

In Calabria il dato è ancor più significativo: il privato ha l’1,9% degli accessi in pronto soccorso con il 43,9% di Presidi, il 21,7% dei letti, 13,7% dei ricoveri in RO e il 16,7 in DH, valorizza il 19,3% delle prestazioni. Altri servizi E/U: UTI 1, UTIC 2, nessun offerta di TIN,PS Ped e SIMT/ST.

In Sicilia con il 46% dei Presidi privati accreditati, il 29,6% dei posti letto regionali, il 22,4% dei ricoveri in RO e il 26,3 in DH, una valorizzazione al 24,6% il privato ha il 4,5% di accessi in pronto soccorso. Altri servizi E/U sono 10 UTI 4 UTIC, 1 TIN e nessun PS ped e SIMT/ST.

Al termine di questa elencazione di numeri e percentuali, sicuramente noiosa, ma che rivela una realtà densa di criticità e che certo incrina in parte i principi di universalità, uguaglianza ed equità alla base del SSN è da chiedersi quale sia la consapevolezza delle istituzioni, soprattutto quelle più vicine ai territori quali le Regioni, riguardo all’organizzazione e alla gestione degli acuti del SSN.
 
La rete di emergenza/urgenza si basa quasi esclusivamente sulle strutture pubbliche. Il privato accreditato interpreta le prestazioni per acuti in chiave di elezione. Le regole di accreditamento o non sono rispettate o si prestano ad applicazioni discordanti. La carenza di posti letto, aggravatasi negli ultimi anni, è alla base di una situazione estremamente critica e di sicuro è tra le cause dei disservizi presso i pronto soccorso e delle liste d’attesa per le prestazioni programmate, ingiustamente imputate a medici e personale sanitario.
 
Non è possibile, infatti, ignorare la mancanza di 20.400 posti letto al Sud, che va ad accentuare il divario col Nord dove ne mancano 7.900 e col Centro dove la carenza è di 5.800, ricordando e sottolineando ancora una volta che i letti per acuti senza servizi per l’emergenza/urgenza, o fuori da una rete organizzata, svolgono una funzione parziale che favorisce implicitamente la selezione della prestazione. 

19 febbraio 2020
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Le schede

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy