Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 20 AGOSTO 2022
Cronache
segui quotidianosanita.it

Si è chiusa l’Assemblea mondiale Oms. Confermata la gestione Tedros che resta in carica altri 5 anni. Tutte le risoluzioni approvate


La prima grande conquista è certamente quella di aver convinto tutti gli stati membri a rendere “pubblico” almeno il 50% del budget aumentano l’attuale quota di finziamenti diretti riducendo quindi la dipendenza dai fondi privati che oggi superano l’80% del bilancio. Ma poi moltissime risoluzione su malattie trasmissibili e no (e per la prima volta è stato approvato un piano globale per il diabete.

30 MAG -

Sabato 28 maggio si è chiusa a Ginevra la 75ª Assemblea mondiale dell’Oms, la prima in presenza dopo la pandemia.

Il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus è stato eletto per un secondo mandato nel segno di una continuità sostanziale e confermando che, al di là delle molte polemiche che hanno toccato l’Oms nei due anni di Pandemia, l’organizzazione delle Nazioni Unite tira dritto dando il suo ok al bilancio dei sui primi cinque anni, di cui di due segnati dal Covid, e al suo nuovo programma d’azione per i prossimi cinque anni.

Ma questa Assemblea è stata segnata anche da una svolta importante sul piano dei finanziamenti con l’approvazione di una importante modifica alle regole di fundrising che, se rispettato, dovrebbe portare l’Oms ad avere un budget almeno per metà formato dai contributi diretti degli Stati membri, a loro volta calcolati in base a determinati parametri che tengono conto sostanzialmente della ricchezza del Paese (Pil).

Non è un traguardo né scontato né di poco conto. Primo perché bisognerà passare dagli impegni ai fatti e assicurare che tutti i Paesi onorino l’obiettivo delineato, ma soprattutto perché avere il 50% del budget basato su risorse “pubbliche” e non su finanziamenti volontari di privati (che oggi coprono oltre l’80% del budget) potrebbe rendere l’Oms, come ha detto Tedros, “più sicura” in termini di risorse certe e più “indipendente” dai finanziatori privati.

L’Assemblea è stata segnata anche dalla guerra in Ucraina e che il Mondo non la pensi tutto allo stesso modo si è visto al momento della votazione sulla condanna della Russia con la richiesta contestuale di cessione immediata degli attacchi alle strutture sanitarie. Pur essendo in maggioranza i favorevoli (88 delegati si sono schierati per il sì), i contrari non sono stati pochi (12) ma soprattutto non sono stati pochi coloro che evidentemente non intendono schierarsi né con Putin né con Zelensky (53).

E poi, ovviamente l’Assemblea ha dato il via libera alle abituali risoluzioni (obiettivo per la lotta a determinate malattie e per la conquista di nuovi e migliori standard sanitari globali.

Dopo le risoluzioni approvate il 25 maggio sulle risposte alle emergenze sanitarie nelle grandi città e sulla ricerca clinica, nelle giornate conclusive di venerdì e sabato scorsi sono state approvate molte altre risoluzioni che sintetizziamo di seguito.

Cancro, diabete, malattie cardiache e polmonari e salute mentale

I delegati dell'Assemblea mondiale della sanità hanno approvato un numero record di raccomandazioni relative alle malattie non trasmissibili (NCD) come cancro, diabete, malattie cardiache e polmonari, nonché alla salute mentale e ai loro fattori di rischio.

Le decisioni adottate  precedono la quarta riunione ad alto livello dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite sulla prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili che si terrà nel 2025, nel tentativo di accelerare i progressi verso gli obiettivi di salute globale già delineato negli anni scorsi.

Le misure adottate per ridurre i decessi per malattie non trasmissibili includono una nuova tabella di marcia per la loro attuazione. La tabella mira in particolare ad aiutare gli Stati membri ad accelerare le azioni necessarie per sostenere le loro popolazioni e raggiungere gli obiettivi nei termini fissati di sviluppo sostenibile.

È stato anche concordato un nuovo piano d'azione per il meccanismo di coordinamento globale sulla prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili, una piattaforma che riunisce le principali parti interessate che impegnate per migliorare il panorama delle malattie non trasmissibili, rafforzando l'azione multisettoriale e multi-stakeholder e la collaborazione internazionale per affrontare le malattie non trasmissibili e salute mentale.

Link correlati

Verso il 2025: la scadenza globale della NCD (Non communicable diseases)

Seguito della dichiarazione politica della terza riunione ad alto livello dell'Assemblea generale sulla prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili

Meccanismo di coordinamento globale sulla prevenzione e il trattamento delle malattie non trasmissibili

Progetto di piano di lavoro per il meccanismo di coordinamento globale sulla prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili 2022-2025

Supporto alle persone affette da malattie non trasmissibili in emergenze umanitarie
I delegati hanno concordato poi una serie di raccomandazioni su come rafforzare la progettazione e l'attuazione di politiche (comprese quelle per sistemi sanitari resilienti, servizi sanitari e infrastrutture) per prevenire e gestire le malattie non trasmissibili nelle emergenze umanitarie. 

Recenti emergenze, come il conflitto in Ucraina e la pandemia di COVID-19, hanno evidenziato quanto le persone che convivono con malattie non trasmissibili siano particolarmente a rischio, e richiedono un'attenzione speciale nella pianificazione e nella risposta alle emergenze.

In questo senso sono state raccomandate una serie di azioni raccomandate - agli Stati membri, ai partner internazionali e umanitari, alla società civile, al settore privato e all'OMS - per affrontare meglio la preparazione e la risposta alle emergenze NCD durante la pandemia di COVID-19 e non solo. 

Le azioni per il Segretariato dell'OMS includono la revisione delle attuali risposte alle NCD e il rafforzamento della capacità dell'OMS di sviluppare e diffondere prodotti normativi come la guida tecnica sulle NCD, per supportare i paesi nello sviluppo e nell'attuazione di piani di preparazione e di risposta nazionali per le emergenze sanitarie. 

E’ stata poi sottolineato l’importanza di sostenere l'approvvigionamento e la diffusione di medicinali e forniture NCD come l'insulina.

Link correlati

Raccomandazioni su come rafforzare la progettazione e l'attuazione di politiche, comprese quelle per i sistemi sanitari resilienti, i servizi sanitari e le infrastrutture, per curare le persone che vivono con malattie non trasmissibili e per prevenire e controllare i loro fattori di rischio nelle emergenze umanitarie

Rafforzamento della riabilitazione in caso di emergenza

Approvati per prima volta obiettivi globali per il diabete
Per la prima volta, i delegati dell'Assemblea Mondiale della Sanità hanno sostenuto la creazione di obiettivi globali per affrontare il diabete. Gli obiettivi fanno parte di una nuova serie completa di raccomandazioni per rafforzare e monitorare le risposte nazionali al diabete.

Includono l’obiettivo di garantire che entro il 2030, l'80% delle persone che convivono con il diabete abbia avuto la sua diagnosi; che l'80% abbia un buon controllo della glicemia; che l'80% delle persone con diagnosi di diabete abbia un buon controllo della pressione sanguigna; che il 60% delle persone con diabete di età pari o superiore a 40 anni riceva statine e che il 100% delle persone con diabete di tipo 1 abbiano accesso all'automonitoraggio dell'insulina e della glicemia a prezzi accessibili. 

 Link correlati

Ridurre l'onere delle malattie non trasmissibili rafforzando la prevenzione e il controllo del diabete

Il patto globale sul diabete

Una strategia globale di riferimento per la salute orale
Sebbene in gran parte prevenibili, si stima che nel 2019 ci fossero più di 3,5 miliardi di casi di malattie e disturbi orali a livello globale. Nonostante questi abbiano colpito quasi la metà della popolazione mondiale, ad oggi non esiste una strategia globale sulla salute orale.

I delegati hanno convenuto che una tale strategia globale è ora necessaria, da qui l’accordo per la realizzazione di un nuovo piano d'azione globale, compreso un quadro per monitorare i progressi con gli obiettivi da raggiungere entro il 2030, da discutere durante l'Assemblea mondiale della sanità 2023. L'OMS pubblicherà anche il suo primo rapporto globale sulla salute orale nel corso del 2022.

La strategia globale sulla salute orale stabilisce una visione audace di copertura universale per i servizi di salute orale entro il 2030. Gli approcci chiave includono la definizione di risposte nazionali ambiziose, l'integrazione della salute orale nell'assistenza sanitaria di base e l'ottimizzazione delle tecnologie digitali.

Link correlati

Progetto strategico globale sulla salute orale

Igiene orale

Nuove raccomandazioni per prevenire e gestire l'obesità
I delegati dell'Assemblea Mondiale della Sanità hanno concordato anche nuove raccomandazioni per la prevenzione e la gestione dell'obesità nel corso della vita e una serie di obiettivi correlati nel tentativo di fermare l'aumento dell'obesità nei bambini sotto i 5 anni, negli adolescenti e negli adulti entro il 2025 e porre fine a tutte le forme di malnutrizione entro il 2030.

I delegati hanno delineato le azioni che devono essere intraprese dai governi, dalla società nel suo insieme e dal Segretariato dell'OMS, al fine di ridurre l'assunzione di zuccheri liberi a meno del 10% dell'apporto energetico totale negli adulti e nei bambini; aumentare i tassi di allattamento al seno esclusivo nei primi 6 mesi fino ad almeno il 70% e ridurre del 15% la prevalenza globale dell'inattività fisica. 

 Link correlati

Piano di accelerazione per supportare gli Stati membri nell'attuazione delle raccomandazioni per la prevenzione e la gestione dell'obesità nel corso della vita

Migliorare la vita delle persone con epilessia e altri disturbi neurologici
I delegati hanno concordato un nuovo piano d'azione globale intersettoriale sull'epilessia e altri disturbi neurologici (tra cui ictus, emicrania, demenza e meningite) che mira a migliorare l'accesso alle cure e alle cure per le persone che vivono con queste condizioni, prevenendo nuovi casi e promuovendo la salute e lo sviluppo del cervello attraverso il corso della vita.

I disturbi neurologici sono la principale causa di anni di vita corretti per disabilità e la seconda causa di morte a livello globale. Nonostante l'elevato carico globale delle condizioni neurologiche, l'accesso sia ai servizi che al supporto per queste condizioni è insufficiente, specialmente nei paesi a basso e medio reddito.

Il piano d'azione affronterà le sfide e le lacune nella fornitura di cure e servizi per le persone con disturbi neurologici che esistono in tutto il mondo e garantirà una risposta completa e coordinata in tutti i settori.

Link correlati

Progetto di piano d'azione globale intersettoriale sull'epilessia e altri disturbi neurologici 2022-2031

Accelerare l'azione per ridurre i danni alcol-correlati
I delegati hanno inoltre concordato un piano d'azione (2022-2030) per attuare efficacemente la strategia globale per ridurre il consumo dannoso di alcol come priorità di salute pubblica.

Il ritmo di sviluppo e attuazione delle politiche sull'alcol è stato irregolare nelle regioni e nei paesi dell'OMS. Dalla sua approvazione 10 anni fa, le risorse e le capacità per l'attuazione della strategia globale dell'OMS per ridurre il consumo dannoso di alcol sono state inadeguate per affrontare l'entità del problema. Di conseguenza, ogni 10 secondi una persona muore per danni causati dall'alcol.

Il piano d'azione sull'alcol propone obiettivi e principi operativi, aree d'azione chiave per gli Stati membri, il segretariato dell'OMS, i partner internazionali, le OSC e il mondo accademico, nonché misure proposte per gli operatori economici nella produzione e nel commercio di alcol. 

Link correlati

Progetto di piano d'azione (2022-2030) per attuare efficacemente la strategia globale per ridurre il consumo dannoso di alcol come priorità di salute pubblica

Sostegno agli operatori sanitari e assistenziali
I delegati hanno convenuto di adottare il piano d'azione Lavoro per la salute (2022-2030). Il piano d'azione, che è stato sviluppato attraverso un processo guidato dagli Stati membri, stabilisce le priorità politiche per far progredire rapidamente la capacità della forza lavoro attraverso tre dimensioni: pianificazione e finanziamento, istruzione e occupazione, protezione e prestazioni.

La protezione della forza lavoro sanitaria e assistenziale, una preoccupazione crescente in tutti i contesti, è supportata dal consenso per un patto globale per gli operatori sanitari e assistenziali che stabilisce come proteggere e salvaguardare i diritti degli operatori sanitari e assistenziali, oltre a promuovere e garantire un lavoro dignitoso.

La risoluzione riconosce i progressi globali nell'affrontare la carenza di personale sanitario dal 2016. L' OMS riferisce che il deficit globale si è ridotto a 15 milioni nel 2020 e si prevede che scenderà a 10 milioni entro il 2030. Tuttavia, questi avanzamenti non sono maturati in modo uguale tra le regioni, limitando l'accesso ai servizi sanitari per centinaia di milioni di persone in tutto il mondo. L'OMS continua a sollecitare tutti gli Stati membri ad applicare il principio di precauzione prima di dare luogo al reclutamento internazionale di operatori sanitari da paesi con grave carenza di forza lavoro.

Link correlati

A75/12  Risorse umane per la salute: Working for Health: bozza – Piano d'azione 2030.

A75/13  Risorse umane per la salute: Global health and care worker compact

A75/14  Risorse umane per la salute: Codice globale di condotta dell'OMS sul reclutamento internazionale del personale sanitario: quarto ciclo di rendicontazione nazionale

A75/15  Risorse umane per la salute: Strategia globale sulle risorse umane per la salute: forza lavoro 2030

Piano d'azione Lavorare per la salute 2022-2030 

Patto globale per operatori sanitari e assistenziali

Personale sanitario

Strategia aggiornata per la sicurezza alimentare
I delegati all'Assemblea sanitaria hanno deciso di adottare la Strategia globale dell'OMS per la sicurezza alimentare 2022-2030. L'aggiornamento mira a garantire che i sistemi di sicurezza alimentare siano modernizzati insieme alla collaborazione multisettoriale al fine di garantire che tutte le persone consumino alimenti sani e sicuri, riducendo così il peso delle malattie di origine alimentare, che attualmente colpiscono quasi 1 persona su 10 nel mondo.

Gli Stati membri sono incoraggiati a sviluppare tabelle di marcia nazionali per l'attuazione del piano e a programmare le azioni per l'attuazione nell'ambito delle rispettive politiche e e programmi esistenti in materia di sicurezza alimentare allocando le risorse necessarie. Il Direttore Generale è inoltre invitato a riferire sui progressi con cadenza semestrale fino al 2030.

La strategia è stata avanzata in consultazione con l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, con gli Stati membri e con l'Organizzazione mondiale per la salute animale.

Link correlati

Progetto di strategia globale dell'OMS per la sicurezza alimentare 2022-2030

Scheda informativa sulla sicurezza alimentare

Iniziativa Global Health for Peace
I delegati hanno chiesto al Direttore generale di consultare gli Stati membri e gli osservatori sulle modalità proposte per l'attuazione del rapporto dell'OMS su una nuova iniziativa Salute globale per la pace. L'iniziativa mirerebbe a costruire e sviluppare nuove partnership che portino avanti gli obiettivi del “triplo miliardo” nelle aree di conflitto e/o fragili.

L'Assemblea Mondiale della Sanità ha anche richiesto una tabella di marcia, da sviluppare in piena consultazione con gli Stati membri, gli osservatori, le altre agenzie delle Nazioni Unite e gli attori non statali rilevanti nelle relazioni ufficiali con l'OMS. Questa tabella di marcia sarà presentata all'esame del prossimo anno dalla Settantaseiesima Assemblea Mondiale della Sanità attraverso la 152a sessione del Comitato Esecutivo.

Link correlati

OMS Global Health for Peace Initiative

Modifiche più rapide al Regolamento Sanitario Internazionale
I delegati hanno poi deciso di modificare il regolamento sanitario internazionale (RSI) per ridurre il tempo di entrata in vigore di eventuali modifiche future da 24 a 12 mesi. All'inizio della settimana è stato concordato un processo completo per affrontare le future modifiche all'IHR.

Link correlati

Rapporto del gruppo di lavoro sul rafforzamento della preparazione e della risposta dell'OMS alle emergenze sanitarie alla settantacinquesima Assemblea mondiale della sanità

Proposta di modifica del Regolamento Sanitario Internazionale (2005)

Standardizzazione della nomenclatura dei dispositivi medici
Nell'ultimo giorno della 75a Assemblea Mondiale della Sanità, gli Stati membri hanno chiesto al Segretariato di proseguire nel programma di integrazione delle informazioni relative a termini, codici e definizioni dei sistemi esistenti per la denominazione dei dispositivi medici e di metterli a disposizione degli Stati membri, attraverso il suo Medical Devices Information Sistema (MEDEVIS). Hanno anche chiesto al Segretariato di collegare MEDEVIS ad altre piattaforme elettroniche dell'OMS, come la classificazione internazionale delle malattie (ICD-11).

Il processo, questo l’obiettivo dichiarato, farà avanzare la gestione dei dispositivi medici con l'obiettivo di migliorarne l'accesso; contribuire alla preparazione e alla risposta alle emergenze e migliorare la sicurezza dei pazienti e la qualità dell'assistenza sanitaria.

Attualmente sono in uso migliaia di tipi di diversi dispositivi medici, che vanno dagli stetoscopi alle complesse tecnologie di imaging. L'assenza di una denominazione standard comune per ciascuna tipologia di dispositivo medico ha creato confusione tra le varie tipologie di dispositivi; fornitura e tracciabilità compromesse e fornitura di assistenza sanitaria impedita.

L'indagine che ha informato l'ultima edizione dell'atlante globale dei dispositivi medici dell'OMS indica che 75 paesi non hanno un sistema di nomenclatura ufficiale.

Il Segretariato riferirà sui progressi del 152° Comitato Esecutivo.

Collegamenti

Standardizzazione della nomenclatura dei dispositivi medici

Sistema informativo prioritario sui dispositivi medici 

Classificazione internazionale delle malattie 11a revisione

Migliorare la prevenzione e il controllo delle infezioni (IPC)
L'Assemblea mondiale della sanità ha inoltre approvato una "Strategia globale sulla prevenzione e il controllo delle infezioni" attraverso una risoluzione che mira a posizionare l' IPC come centrale per la preparazione e la risposta ai rischi infettivi e alle emergenze sanitarie e come chiave per affrontare il carico silenzioso delle infezioni associate all'assistenza sanitaria (HAIs) e resistenza antimicrobica (AMR). Posiziona l'IPC nel contesto del rafforzamento del sistema sanitario e dell'erogazione di cure di alta qualità, con l'obiettivo di migliorare la sicurezza dei pazienti e degli operatori sanitari.

La risoluzione, che arriva in un momento in cui il COVID-19 ha dimostrato in modo vivido il ruolo fondamentale di un buon IPC nel mantenere le persone al sicuro, fornisce 13 raccomandazioni agli Stati membri. Queste vanno dall'inclusione dell'IPC come componente chiave nella preparazione, prevenzione e risposta alle emergenze sanitarie globali, alla garanzia di programmi IPC sostenibili e infrastrutture e risorse WASH a livello nazionale, subnazionale e delle strutture sanitarie in tutti i paesi.

All'inizio di questa settimana, l'OMS ha pubblicato il primo rapporto globale in assoluto su infezione, prevenzione e controllo, rilevando che nei paesi a basso e medio reddito, 15 persone su 100 che visitano una struttura sanitaria la lasceranno con una nuova infezione e stimando che la metà delle strutture sanitarie del mondo non dispongono di risorse idriche di base. 

Il rapporto fornisce un'analisi della situazione globale di come i programmi IPC vengono implementati nei paesi di tutto il mondo. Evidenzia inoltre i danni ai pazienti e agli operatori sanitari causati da HIA e AMR; affronta l'impatto e l'efficacia in termini di costi dei programmi IPC; e suggerisce strategie, risorse e priorità chiave ai paesi per il miglioramento dell'IPC.

Collegamenti:

Progetto di risoluzione: Strategia globale per la prevenzione e il controllo delle infezioni

Prevenzione e controllo delle infezioni 

Strategie globali per HIV, epatite virale e infezioni sessualmente trasmissibili
Gli Stati membri hanno preso atto con apprezzamento delle nuove strategie globali del settore sanitario per l'HIV, l'epatite virale e le infezioni sessualmente trasmissibili per il periodo 2022-2030.

Le strategie del settore sanitario globale mirano a riaccendere lo slancio nelle risposte a queste malattie dopo lo stop conseguente alle interruzioni dei servizi durante la pandemia di COVID-19. Si è quindi proposto di rafforzare contemporaneamente le risposte a malattie specifiche integrandole sempre più in quadri sanitari più ampi e cogliendo le opportunità, ove possibile, per aumentare l'impatto affrontando congiuntamente gli aspetti di queste patologie.

Le strategie richiedono un focus più preciso per raggiungere le persone più colpite e più a rischio per ciascuna malattia e affrontare le disuguaglianze promuovendo sinergie nell'ambito di una copertura sanitaria universale e di un quadro di assistenza sanitaria primaria. 

Delineano inoltre le azioni per identificare e gestire futuri focolai di HIV, epatite virale e infezioni sessualmente trasmissibili, nonché altre minacce per la salute emergenti, man mano che si presentino.

L'HIV, l'epatite virale e le infezioni sessualmente trasmissibili presentano sfide continue e persistenti per la salute pubblica e, insieme, sono responsabili di 2,3 milioni di decessi e sono associate a 1,2 milioni di casi di cancro ogni anno.

Link correlati

Programmi globali per HIV, epatite e malattie sessualmente trasmissibili

 

 



30 maggio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy