Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 28 FEBBRAIO 2024
Cronache
segui quotidianosanita.it

Giovani e sexting. Ido: “Attenzione all'isolamento sociale”


È il nuovo allarmante fenomeno giovanile che riguarda l'invio di immagini o testi sessualmente espliciti attraverso cellulari e computer. Per aiutare i giovani, l’Istituto di Ortofonologia (IdO), in collaborazione con la Società di medicina dell’adolescenza (Sima), lancia oggi, online, un progetto “video e chat”.

25 OTT - Il sexting, neologismo utilizzato per indicare l'invio di immagini sessualmente esplicite o di testi inerenti al sesso attraverso cellulari e mezzi informatici, “può far parte di una costellazione di difficoltà collegate all’isolamento sociale e relazionale vissuto da molti adolescenti, nei quali la parte più emotiva e affettiva passa troppo spesso in secondo piano, venendo così sottovalutata e non compresa”. È l’allarme lanciato dall’équipe di psicoterapeuti e medici dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) che, in collaborazione con la Società italiana di medicina dell’adolescenza (Sima), presenterà oggi il primo di 10 video di approfondimento sulla sessualità e non solo, dedicato al tema della ‘Prima Volta’, all’interno della nuova rubrica informativa ‘Se sso è meglio Live!’ sul portale Diregiovani.it.

Sono tante le domande sul sexting che i giovani hanno già rivolto allo sportello on line ‘Chiedilo agli Esperti’ sul portale in tema di sessualità e comportamenti da tenere. I giovani, infatti, sono pieni di dubbi ma anche di voglia di esplorare. Finché gli adolescenti “vedono il sesso come qualcosa di virtuale - hanno spiegato gli esperti dell’IdO - attraverso la tv o altro, esso appare ai loro occhi in modo riduttivo e semplificato. Quando invece lo vivono realmente e il loro corpo entra in gioco nella relazione, allora scoppiano tutte le loro ansie e paure. Il confronto reale non può prescindere da ciò che accade nel corpo”.

Molte volte poi, i ragazzi si trovano in situazioni che non riescono a gestire, “non essendo ancora maturi per riflettere fino in fondo su quello che le viene richiesto”, come nel caso venga proposto loro di inviare immagini provocanti. “Purtroppo - ha sottolineato l’équipe di psicoterapeuti - i giovani si confrontano poco con gli adulti, per lo più temono il loro giudizio ed è per questo che diventa indispensabile trovare un canale attraverso il quale fornire agli adolescenti le conoscenze e gli strumenti necessari per aiutarli a vivere con maggiore consapevolezza i vissuti emotivi che caratterizzano la loro crescita”. Ecco perché ‘Se sso è meglio!’ “non è solo una rubrica sulla sessualità ma uno strumento di informazione. I giovani sono soggetti dotati di pensiero critico e grazie a un'adeguata informazione - hanno concluso gli esperti – potranno effettuare scelte più consapevoli e autonome, assumendo comportamenti responsabili”.

Per chi, oggi, volesse parlare direttamente con un esperto, ‘Se sso è meglio!’ proporrà la possibilità di interagire in tempo reale con un servizio di chat live di un’ora e fruibile dalle 15 alle 16 di ogni giovedì.
 

25 ottobre 2012
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy