Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 23 APRILE 2024
Cronache
segui quotidianosanita.it

L’Unione europea della salute avanza. Con l’EU Health Data Space i pazienti potranno accedere elettronicamente ai propri dati sanitari personali nei diversi sistemi europei


Concordata la creazione di uno spazio europeo dei dati sanitari. I cittadini potranno accedere elettronicamente a prescrizioni, immagini e test di laboratorio, anche da diversi paesi dell'UE. I dati sanitari aggregati possono essere condivisi per scopi di ricerca, ad esempio sul cancro e sulle malattie rare. Forti garanzie di privacy sulle modalità e sullo scopo della condivisione dei dati sensibili. LA SCHEDA

15 MAR -

I negoziatori del Parlamento europeo e del Consiglio hanno concordato la creazione di uno spazio europeo dei dati sanitari per facilitare l’accesso ai dati sanitari personali e promuovere una condivisione sicura per l’interesse pubblico. L'accordo politico provvisorio sullo Spazio europeo dei dati sanitari (EHDS), raggiunto venerdì dal Parlamento e dalla Presidenza belga del Consiglio, stabilisce che i pazienti potranno accedere elettronicamente ai propri dati sanitari personali nei diversi sistemi sanitari dell'UE.

Il disegno di legge garantisce inoltre agli operatori sanitari l'accesso ai dati dei loro pazienti, in base rigorosamente a quanto necessario per un determinato trattamento, e i pazienti potranno anche scaricare gratuitamente la propria cartella clinica. Le cartelle cliniche elettroniche (EHR) includerebbero i resoconti dei pazienti, le prescrizioni elettroniche, le immagini mediche e i risultati di laboratorio (il cosiddetto uso primario).

Ciascun paese istituirebbe servizi nazionali di accesso ai dati sanitari basati sulla piattaforma MyHealth@EU. La legge creerebbe inoltre un formato europeo per lo scambio di cartelle cliniche elettroniche e delineerebbe norme sulla qualità dei dati, sulla sicurezza e sull’interoperabilità dei sistemi CCE che saranno monitorati dalle autorità nazionali di vigilanza del mercato.

Condivisione dei dati per il bene comune con garanzie

L’EHDS consentirebbe la condivisione per l’interesse pubblico di dati sanitari anonimizzati o pseudonimizzati, tra cui cartelle cliniche, sperimentazioni cliniche, agenti patogeni, indicazioni e rimborsi sanitari, dati genetici, informazioni sui registri sanitari pubblici, dati sul benessere e informazioni su risorse, spese e finanziamenti sanitari. finalità (cd uso secondario). Tali ragioni includono finalità di ricerca, innovazione, elaborazione delle politiche, istruzione e sicurezza dei pazienti.

Sarà vietata la condivisione dei dati per scopi pubblicitari o per valutare richieste assicurative. Durante i negoziati, i deputati hanno assicurato che non sarebbe consentito un uso secondario relativo alle decisioni sui mercati del lavoro (comprese le offerte di lavoro), alle condizioni di prestito e ad altri tipi di discriminazione o profilazione.

Tutele più forti per i dati sensibili
La legge garantisce che i pazienti abbiano voce in capitolo su come i loro dati vengono utilizzati e accessibili. Dovranno essere informati ogni volta che si accede ai loro dati e avranno il diritto di richiedere o correggere dati errati. I pazienti potranno inoltre opporsi all'accesso da parte degli operatori sanitari ai loro dati per uso primario, tranne nei casi in cui ciò sia necessario per proteggere gli interessi vitali dell'interessato o di un'altra persona. I deputati hanno garantito il diritto dei pazienti a rinunciare all'uso secondario, con alcune eccezioni per scopi di interesse pubblico, decisionali o statistici, e la protezione dei diritti di proprietà intellettuale e dei segreti commerciali quando i dati rilevanti vengono condivisi per un uso secondario.

Le autorità nazionali per la protezione dei dati monitoreranno l’applicazione dei diritti di accesso ai dati sanitari e avranno il potere di emettere sanzioni in caso di carenze.

Tomislav Sokol (PPE, Croazia), correlatore della commissione per l'ambiente, ha dichiarato: "Lo Spazio europeo dei dati sanitari consentirà ai cittadini di avere il controllo dei propri dati sanitari fornendo un quadro sicuro per l'archiviazione e l'accesso alle loro cartelle cliniche personali che sarà accessibile ovunque in l’UE – potenziare l’assistenza sanitaria a livello nazionale e transfrontaliero. l’EHDS faciliterà inoltre la condivisione responsabile dei dati sanitari con i ricercatori, stimolando la ricerca e l’innovazione nell’UE e garantendo lo sviluppo di nuovi trattamenti”.

Annalisa Tardino (ID, Italia), correlatrice del Comitato per le Libertà Civili, ha dichiarato: “L’EHDS contribuirà a fornire assistenza sanitaria all’avanguardia ai pazienti in tutto il territorio dell’UE. Siamo riusciti a includere nel testo rinforzi significativi riguardo alla protezione dei dati personali sensibili, in particolare con la possibilità per i pazienti di rinunciare sia all'uso primario che a quello secondario dei propri dati sanitari. A questo proposito, il mandato del Parlamento è stato più forte e ha fornito ancora più garanzie, ma la maggioranza dei gruppi politici LIBE ritiene che l’accordo finale raggiunga un equilibrio tra lo scambio di dati sanitari a fini terapeutici e per la ricerca salvavita e la protezione della privacy dei nostri cittadini. "



15 marzo 2024
© Riproduzione riservata
Allegati:

spacer La scheda

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy