Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 27 MAGGIO 2024
Cronache
segui quotidianosanita.it

Giornata mondiale Salute. Cgil: “Governo incassa quattro pesanti bocciature, urgente mobilitazione per sanità pubblica”


“Il viaggio è molto più pericoloso di quel che appare, occorre far cambiare strada al Governo, non è sufficiente correggere la direzione. La mobilitazione per la sanità pubblica - conclude - è ancora più necessaria e urgente, per questo saremo in piazza con la Uil il prossimo 20 aprile a Roma”, dice Barbaresi

05 APR - “Quest'anno il nostro Paese arriva alla Giornata mondiale della salute con il pesante fardello di quattro bocciature al Governo italiano, quelle di Corte dei conti, scienziati, Conferenza delle Regioni e Ragioneria dello Stato. Le parole del ministro Schillaci appaiono ancor più inappropriate: basta bugie e trionfalismi, occorre cambiare direzione per difendere la sanità pubblica”. È quanto dichiara la segretaria confederale della Cgil Daniela Barbaresi a due giorni dal 7 aprile, data in cui si celebra la Giornata mondiale della salute.

La dirigente sindacale ricorda nel dettaglio queste quattro bocciature. “La Corte dei conti descrive una sanità a pezzi, in un raffronto impietoso con gli altri Paesi europei: la spesa per la sanità pubblica nel 2022 in Italia è stata di 131 miliardi, mentre la Germania nello stesso anno ne ha spesi 423, la Francia 271. Quattordici scienziati italiani - prosegue - hanno lanciato l’allarme sullo stato di salute del Ssn e sulla necessità di adeguare il finanziamento agli standard europei (8% del Pil), finanziamento necessario e urgente a garantire la salute di cittadini e cittadine oltre alla coesione sociale. La Ragioneria dello Stato intima al Ministro di rendere indisponibili le risorse destinate all’aggiornamento dei Lea, spostato al 2025, da usare esclusivamente per ciò a cui sono destinate. Infine - aggiunge - la quarta bocciatura è la più sonora, e arriva dalle Regioni, che minacciano il ricorso alla Consulta se non verranno ripristinate le risorse tagliate con l’ultimo Decreto Pnrr”.

“Non c'è che dire - sostiene Barbaresi -, un bel modo di celebrare la giornata mondiale della salute, per la quale quest'anno l'OMS ha scelto come slogan proprio il diritto di tutte e tutti alla salute, ‘My health, my right’. In questo quadro, abbiamo un Ministro che sembra un autista confuso in contromano, convinto ci sia eccessivo traffico contrario al senso di marcia. Cosa ancor più grave, la Presidente del Consiglio Meloni sembra il poliziotto che chiude un occhio e finge di non vedere”. Per la segretaria confederale della Cgil siamo di fronte ad “una destra che sta guidando il nostro Paese a forte velocità contro la sanità pubblica, contro l'uguaglianza tra le persone e tra regioni, contro la Costituzione. Il viaggio è molto più pericoloso di quel che appare, occorre far cambiare strada al Governo, non è sufficiente correggere la direzione. La mobilitazione per la sanità pubblica - conclude - è ancora più necessaria e urgente, per questo saremo in piazza con la Uil il prossimo 20 aprile a Roma”.

05 aprile 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy