Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Tutte le cause per le quali si ricorre alla Pma


25 LUG - Le cause di infertilità sono molteplici e possono riguardare sia gli uomini che le donne. Tra i dati che si possono trovare nell'ultima relazione del Ministro della Salute al Parlamento italiano riguardo lo stato di attuazione della legge 40/2004 – quella che nel nostro ordinamento giuridico regola l'accesso alla procreazione medicalmente assistita (Pma) – c’è anche quali siano in Italia i fattori di infertilità delle coppie che ricorrono a inseminazione artificiale semplice.
 
A seconda della gravità della condizione di uno o entrambi i membri della coppia, per risolvere questo tipo di problemi si possono percorrere molteplici strade, per quanto riguarda la procreazione medicalmente assistita: alcune più semplici e poco invasive, altre più complesse. Le cause che portano a ricorrere alle prime o alle seconde sono diverse.
Per quanto riguarda le più semplici (tecniche di I livello) si va dalla stimolazione ovarica effettuata con farmaci e seguita da rapporti mirati nei giorni della probabile ovulazione, alla cosiddetta “inseminazione artificiale”, che prevede il prelievo dello sperma maschile e il suo successivo inserimento nel luogo più idoneo (vagina, canale cervicale o cavità uterina, a seconda delle circostanze) per raggiungere l'ovocita e fecondarlo. Secondo quanto emerge dai dati del Ministero per le coppie che si sono sottoposte a inseminazione artificiale semplice nel 2011 le cause sono state da attribuire nel 23,7% dei casi al partner maschile, nel 24,7% alla donna (infertilità endocrina-ovulatoria nel 17,2%, endometriosi 4,2%, fattore tubarico parziale 3,3%), mentre nel 14,7% è presente indicazione di infertilità in entrambi i membri della coppia. Inoltre, il fattore genetico di sterilità si registra solo nello 0,2% dei casi e altri fattori rappresentano circa il 2,4% dei casi. Mentre addirittura nel 34% dei casi l'origine della difficoltà nel concepimento non è chiara, un dato in crescita rispetto agli anni passati (nel 2009 era del 31,1%).
 
Per quanto riguarda le tecniche di II e III livello – più complesse, che prevedono una manipolazione dei gameti maschili sommata alla stimolazione ovarica, e per le quali l’incontro vero e proprio dei gameti dell’uomo e della donna può avvenire sia nel corpo femminile, che in un terreno di coltura, che sul piano di un microscopio – le cause sono leggermente diverse. In questo caso, ad esempio, la percentuale di infertilità idiopatica (di cui cioè non è nota la causa) scende al 14,6%, mentre le cause sono più spesso attribuibili sia all’infertilità femminile (nel 36,3% dei casi, divisi in: fattore tubarico 10,4%, ridotta riserva ovarica 7,2%, infertilità endocrina-ovulatoria 5,6%, fattore multiplo femminile 6,6%, endometriosi 5,3%, poliabortività 0,9%) che a quella maschile (nel 31,1% dei casi). Cresce anche il fattore genetico (0,9%), mentre nel 17,3% dei casi è presente indicazione di infertilità in entrambi i membri della coppia.

25 luglio 2013
© Riproduzione riservata
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy