Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 27 FEBBRAIO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Aifa. Si lavora per raggiungere l’intesa tra Governo e Regioni sul nuovo regolamento. Ecco gli ultimi nodi da sciogliere per il via libera

di L.F.

Per discutere del provvedimento è stata infatti fissata una Conferenza straordinaria per il 15 novembre. A quanto si apprende è in corso una trattativa tra il Ministero e le Regioni dopo che dagli assessori è arrivata una contro proposta dell’ultima ora. In ogni caso visti i tempi stretti forse potrebbe essere necessaria una nuova mini-proroga per Cts e Cpr.

14 NOV -

Dovrebbe ricevere il via libera il prossimo 15 novembre il nuovo regolamento dell’Agenzia italiana del farmaco. In quella data è stata infatti fissata una Conferenza Stato-Regioni straordinaria con all’ordine del giorno proprio l’intesa sulla riorganizzazione di Aifa. La trattativa al momento però è ancora in corso.

A quanto si apprende nei giorni scorsi tra il Ministro Schillaci e il Presidente Fedriga si sarebbe trovata la quadra rispetto ad alcune richieste di modifica per dare più peso alle Regioni che nella versione trasmessa del regolamento lamentavano un forte depotenziamento del loro ruolo. In primis, l'accordo Schillaci-Fedriga prevedeva che le Regioni avrebbero visto salire a 3 (rispetto a uno) il numero di membri nella Commissione Scientifica-Economica. Inoltre, sulla nomina del direttore amministrativo e del direttore tecnico scientifico le Regioni avrebbero potuto esprimere un parere (non vincolante). Restava anche il parere sulla nomina del presidente (le regioni chiedevano un’intesa).

Ma oggi nella riunione della Commissione Salute gli assessori hanno rilanciato chiedendo 4 membri della Commissione unica e l'intesa (quindi vincolante) sulle nomine dei direttori amministrativo e tecnico scientifico fermo restando il parere sul presidente la cui nomina de facto resterebbe in mano al Ministro.


La trattativa quindi è ancora aperta e bisognerà vedere cosa deciderà di fare il Ministero della Salute dopo questo rilancio. A questi nodi è subordinato il semaforo verde nella straordinaria del 16. A quel punto dopo il via libera sarà necessario però attendere il parere del Consiglio di Stato e solo poi si potrà partire con l’iter delle nomine del presidente, dei due direttori e potrà essere costituita la commissione unica. Tutti passaggi che richiederanno del tempo ma vista la scadenza al 1 dicembre della carica dei componenti di Cts e Cpr forse sarà necessaria un’ulteriore mini proroga.

L.F.



14 novembre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy