Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 25 MAGGIO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Dl Lavoro. Magi (Sumai) “Necessario introdurre l’equo compenso, la partecipazione al costo degli accordi e l’incompatibilità”   


Il segretario generale del Sumai Assoprof, Antonio Magi, audito dalla commissione lavoro di Montecitorio ha suggerito di inserire all’interno del Dl in materia di Lavoro n. 1532-bis, tre principi che potrebbero impattare positivamente sul lavoro dei professionisti sanitari, in particolare dei medici. IL TESTO DELL'INTERVENTO

31 GEN - Inserire all’interno del Dl in materia di Lavoro n. 1532-bis, in “eventuali ed auspicali proposte emendative”, tre principi quali: l’equo compenso, la partecipazione al costo degli accordi e l’incompatibilità. A chiederlo è stato oggi pomeriggio il segretario generale del Sumai Assoprof, Antonio Magi, audito dalla commissione lavoro della Camera dei Deputati.

Il perché di queste proposte emendative li ha spiegati lo stesso Magi nel corso dell’audizione: “La necessità di applicazione di un equo compenso per i medici che lavorano in rapporto libero professionale con società sanitarie di capitale può avere diversi benefici, specialmente in termini di versamenti congrui di contributi previdenziali”. Tra gli aspetti più rilevanti “la sicurezza del reddito, la sostenibilità del sistema previdenziale, la parità di trattamento, l’equità contributiva, la qualità dell’assistenza sanitaria e l’attrattività della professione medica”.

“L'idea di applicare un contributo alle spese per la stesura e la firma dei CCNL e degli ACN ai medici non iscritti a nessun sindacato, pari al valore medio economico pagato dagli iscritti a un'organizzazione sindacale medica, per contribuire alla copertura dei costi della negoziazione di un Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) e di Accordi Collettivi Nazionali (ACN), può portare diversi benefici. Questa proposta mira a garantire una maggiore equità nella distribuzione dei costi delle trattative sindacali, da cui tutti i medici beneficiano indipendentemente dalla loro affiliazione sindacale”.

Magi ha sottolineato però “che l'implementazione di un simile sistema rafforzerebbe la libertà di associazione e il diritto di non partecipare a organizzazioni sindacali partecipando però ai costi. Inoltre sarebbe fondamentale per garantire trasparenza e giustizia nella determinazione e nell'utilizzo di questi fondi”.

“L'abolizione delle attuali norme di incompatibilità per i medici del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) – ha ribadito il segretario del SUMAI – permetterebbe loro di lavorare anche al di fuori del sistema pubblico, portando diversi benefici, specie in contesti di carenza di medici e professionisti della salute. Tra i vantaggi principali: maggiore flessibilità, attrazione di talenti, miglioramento delle competenze, miglioramento dell'accesso alle cure, condivisione delle best practice”s.

“In conclusione – ha detto Magi – un provvedimento che comprendesse al suo interno questi principi costituirebbe senz’altro un segnale di attenzione verso il mondo della sanità e dei suoi operatori”.

31 gennaio 2024
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Testo

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy