Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 13 APRILE 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Nuove tariffe per esami e visite. Possibile rinvio a luglio fra critiche e timori su sostenibilità


Sumai-Assoprof: “Sappiamo che si sta lavorando per risolvere il problema, sono impegnati il ministero della Salute e le Regioni. Giorlandino (Artemisia): “Con nuovo tariffario sarà disastro economico”

27 FEB - Non sembra ancora trovare la quadra il nuovo tariffario del Ssn per esami e visite, che doveva entrare in vigore il 1 gennaio e poi è stato rinviato al primo aprile. Sembra anzi molto concreta la possibilità di un rinvio a luglio. Ma facciamo un passo indietro. Le nuove tariffe, che stabiliscono i rimborsi che ambulatori, laboratori e centri privati accreditati ricevono per gli esami, fino alle Tac e alle risonanze, sono al centro da mesi di una polemica tra ministero della Salute, Regioni e i rappresentati del settore che lamentano un taglio insostenibile delle attuali tariffe. “Sappiamo che si sta lavorando per risolvere il problema del nuovo tariffario, sono impegnati il ministero della Salute e le Regioni. Ci potrebbe essere uno slittamento a luglio”, spiega all'Adnkronos Salute Antonio Magi, segretario generale del Sumai-Assoprof (Sindacato unico medicina ambulatoriale italiana e professionalità dell'area sanitaria).

“Qui c'è un nodo di fondo che forse alcuni non hanno compreso - continua il segretario - la sanità costa uguale nel privato e nel pubblico. C'è un problema di sostenibilità delle nuove tariffe, se una visita oculistica viene pagata circa 20 euro credo che ci sia un problema per un'azienda privata nell'erogare la prestazione visto che deve pagare lo specialista e coprire le spese per la struttura. Al medico gli diamo 5 euro? - rimarca Magi - Non si può scendere al di sotto di alcune soglie, ci rimettiamo tutti, anche la sanità pubblica e i cittadini”.

“Il Governo la deve smettere di sacrificare alcune aziende di quarta e quinta generazione pensando di trasferire alcuni servizi alle farmacie. Ben sapendo che poi queste portano le provette nei laboratori con tariffe sotto costo”, afferma Michele Colaci, presidente di Confapi Salute, Università e Ricerca. “Il rinvio a luglio sarebbe una atto di giustizia per i cittadini e gli operatori della sanità - aggiunge - C'è un problema tecnico di cambi di codici e delle procedure che rischierebbe comunque di far slittare il nuovo tariffario. Inoltre, c'è un problema anche per il Servizio sanitario pubblico, anche se ci vogliono convincere del contrario. Voglio vedere quando i cittadini chiederanno le prestazioni che ora fanno i laboratori privati accreditati - avverte - come risponderanno gli ospedali, non saranno in grado. Trasferire le prestazione più banali negli ospedali è impossibile - osserva Colaci - Se il metodo per non remunerare giustamente le prestazioni in convenzione è quello di dire 'facciamole nel pubblico', significa non conoscere la realtà degli ospedali. Ridimensionare del 60% le tariffe dei laboratori significa distruggere imprese storiche del settore che hanno una capillarità con il territorio e sono un punto di riferimento per la comunità”. Secondo Colaci a rimetterci più di tutti quando entrerà in vigore il nuovo tariffario è il Sud. “Al Nord, dove le Regioni non sono in piano di rientro, la Lombardia e l'Emilia Romagna hanno cambiato il provvedimento e modificato le tariffe nazionali, ma per il Sud non sarà possibile perché la norma non lo prevede. Così saranno danneggiate le piccole strutture che - conclude - poi finiranno per essere preda delle multinazionali straniere”.

Il nuovo tariffario del Servizio sanitario nazionale sugli esami e le visite “sarà un disastro economico” e “si era detto chiaramente che non era attuabile in questa forma”, sottolinea Mariastella Giorlandino, amministratrice di Reti Artemisia Lab e componente dell'Uap, Unione ambulatori e poliambulatori. “Voglio lanciare un appello al Governo: tuteli le imprese italiane contro le multinazionali, c'è anche rischio di un aumento delle liste d'attesa”, rimarca. Proprio la Uap ha presentato un report sulla presenza delle aziende multinazionali in un settore da sempre occupato dalla piccola e media imprenditoria. “La maggior parte delle holding estere sono già presenti in un numero cospicuo nel Nord Italia - evidenzia il rapporto - soprattutto in Lombardia, che è la Regione che ha adottato il nomenclatore più alto. In particolare, si registra la presenza di tre grossi gruppi che hanno acquistato le strutture sanitarie del Nord Italia con le medesime modalità che stanno attuando oggi. Per tali ragioni, l'applicazione del nuovo nomenclatore tariffario porterà al fallimento delle strutture sanitarie del Sud Italia, che così potranno essere acquistate a basso costo dalle grandi multinazionali straniere”. Sull'ipotesi di una proroga dell'entrata in vigore del tariffario, prevista per il primo aprile, “aiuterebbe anche nell'attesa dell'arrivo dei finanziamenti per i nuovi Lea”, conclude Giorlandino.

27 febbraio 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy