Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 01 LUGLIO 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

In FVG serve un nuovo Piano dell’Emergenza, ma definito con i professionisti

di Laura Stabile

15 APR -

Gentile Direttore,
sin dal 2015 il sindacato dei medici e dirigenti sanitari Anaao Assomed del Friuli Venezia Giulia, del quale allora ero Segretario regionale, si era espresso in modo fortemente critico sul Piano dell’Emergenza varato allora dalla Giunta Serracchiani, e tuttora vigente.

Allora era stata fatta un’analisi tecnica molto dettagliata, e le conclusioni, in sintesi, erano che si sarebbe rischiato di spendere di più per avere complessivamente di meno, quando invece si sarebbe potuta effettuare una buona manutenzione di un sistema già ben funzionante, individuando e correggendo eventuali carenze. A quanto previsto dal Piano si sono aggiunti nel 2017 due ulteriori elementi, anche questi fortemente criticati, non solo dall’Anaao, ma anche dalla Società Italiana Sistema 118: il NUE 112 secondo il modello della centrale “laica” e del doppio passaggio di chiamata, e la Centrale Unica regionale 118.

I sindacati medici ora segnalano con forza la necessità urgente di una nuova riforma, ritenendo il sistema in atto “fallimentare”, per carenze di programmazione, coordinamento, organizzazione, personale e mezzi.

Il sistema attuale sta sempre più avvicinando le funzioni delle Centrale operativa regionale a quelle di un centralino, facendo perdere i contenuti sanitari, il collegamento con i territori e con il resto del sistema 118 che opera sul campo. Una “cattedrale nel deserto”. 

I sindacati dei medici chiedono che l’organizzazione e l’operatività siano affidate alle Aziende sanitarie e quindi riportate ai rispettivi ambiti territoriali e nei Dipartimenti di Emergenza, integrando efficacemente emergenza intra ed extraospedaliera, ovviamente nel contesto di una regia regionale. 

Nell’ambito dell’emergenza vi sono diversi altri aspetti da affrontare, fra i quali il ruolo e le funzioni degli ospedali hub e di quelli spoke, il numero, le caratteristiche e la distribuzione dei mezzi di soccorso, le attribuzioni di competenze e responsabilità (“chi fa che cosa”), l’informatizzazione del sistema, una valutazione realistica dei costi.

Ma per fare tutto questo è necessario che il nuovo Piano dell’Emergenza sia definito insieme ai professionisti che lavorano nel Servizio sanitario regionale, e non solo presentato a cose fatte e magari con ampia risonanza mediatica, alle organizzazioni sindacali, o ad alcune di queste. 
Se si vuole veramente offrire alle persone il servizio a cui hanno diritto, non deve più succedere che, come paventano i medici, sia qualche funzionario regionale chiuso nella sua stanza a riscrivere il Piano dell’Emergenza.

Laura Stabile
Senatrice di Forza Italia



15 aprile 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy