Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 25 GIUGNO 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Sedazione Palliativa. Pubblicata la prima parte delle Linee Guida Sicp-Siaarti 

di L. Orsi, F. Bordin e P. Cotogni 

31 MAG - Gentile Direttore,
In data 23 maggio è stata pubblicata e aggiornata sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS)- Sistema Nazionale Linee Guida la prima parte della Linea Guida SICP-SIARTI sulla Sedazione Palliativa nell’adulto (versione 1.1).

La Linea Guida (LG) è stata promossa dalla SICP (Società Italiana di Cure Palliative) e dalla SIAARTI (Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva) che nella loro attività clinica e scientifica si confrontano frequentemente con la gestione delle fasi avanzate e terminali di malattia e, quindi, con la gestione delle sofferenze refrattarie ai tradizionali trattamenti o con la sospensione di trattamenti. Le due Società scientifiche hanno ritenuto l’elaborazione di questa linea guida una priorità, e come tale è stata infatti riconosciuta dall’ISS, per le delicate implicazioni cliniche, etiche, relazionali e giuridiche di questo atto terapeutico. La SICP e la SIAARTI si sono avvalse, per la parte metodologica, della collaborazione con il Dipartimento di Epidemiologia, Servizio Sanitario regionale Lazio – ASL Roma 1. SICP e SIAARTI hanno inoltre coinvolto altre importanti società scientifiche interessate alla Sedazione Palliativa (SP): AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica), SIMEU (Società Italiana Medicina d’Emergenza-Urgenza), SIMG (Società Italiana di Medicina Generale), FADOI (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti-Società Scientifica di Medicina Interna), ANIARTI (Associazione Nazionale Infermieri di Area Critica).

Questa prima parte della LG contiene le definizioni di SP e di sintomo refrattario, la classificazione dei tipi di SP, e una serie di indicazioni di pratica clinica e raccomandazioni relative al trattamento farmacologico (tipo e dosaggi di farmaci e relative modalità di somministrazione). Nei prossimi mesi questa LG verrà completata con l’emissione di indicazioni e raccomandazioni inerenti i seguenti temi: le indicazioni alla SP, gli aspetti organizzativi, etici, comunicativo-relazionali e i setting particolari (maxiemergenza e catastrofi umanitarie).

L’obiettivo della LG è fornire e diffondere la conoscenza su una procedura terapeutica che risulta fondamentale per controllare sofferenze altrimenti intrattabili nelle fasi avanzate e terminali delle malattie oncologiche e cronico-degenerative, fornendo indicazioni che tengano conto delle migliori evidenze disponibili sull’appropriatezza delle cure e dei percorsi clinici. La LG è pertanto rivolta, oltre che alle équipe di cure palliative, anche a tutti i professionisti sanitari che trattano malati in tali fasi di malattia in qualsiasi setting (domiciliare, degenza ospedaliera o territoriale, emergenza-urgenza, ecc.).

La parte iniziale della LG pubblicata è dedicata alle definizioni di SP poiché è importante diffondere una corretta conoscenza di questa procedura terapeutica, ancora insufficiente conosciuta e non raramente oggetto di interpretazioni ambigue e scientificamente infondate, come ad es. l’adombrare il sospetto di accelerazione della morte o la indebita equiparazione al suicidio medicalmente assistito o all’eutanasia. Pertanto, si ritiene importante riportare di seguito le seguenti definizioni:

• La Sedazione Palliativa per sintomi refrattari è una procedura terapeutica mirata alla riduzione o abolizione intenzionale della vigilanza/coscienza con mezzi farmacologici, allo scopo di ridurre o abolire, secondo la necessità, la percezione di una sofferenza intollerabile dichiarata dal malato o valutata dai curanti e provocata da uno o più sintomi refrattari in fase avanzata o terminale di malattia.

• La Sedazione Palliativa per sospensione di trattamenti di sostegno vitale è una procedura terapeutica mirata, secondo la necessità, alla riduzione o abolizione intenzionale della vigilanza/coscienza con mezzi farmacologici, allo scopo di eliminare la percezione della sofferenza provocata dalla sospensione di trattamenti di sostegno vitale.

• Un sintomo è definito refrattario quando non può essere controllato, in modo adeguato e/o in un periodo di tempo accettabile e/o con un rapporto oneri-rischi/benefici sostenibile per il malato, dagli usuali e appropriati trattamenti o azioni di supporto capaci di assicurare un sollievo dalla sofferenza senza compromettere lo stato di vigilanza/coscienza.

La tipologia del tema e la difficoltà di produrre, e quindi reperire, evidenze adeguate in letteratura ha costituito la principale criticità nella stesura della LG e nella formulazione delle raccomandazioni. Nella parte di LG pubblicata sono contenute 1 raccomandazione di pratica clinica, 1 raccomandazione per la ricerca e 13 indicazioni di buona pratica relativamente ai tipi di farmaci più frequentemente usati con relativi dosaggi e alle corrette modalità di gestione e somministrazione.

Luciano Orsi
medico palliativista (SICP) Chair del Panel di esperti

Francesca Bordin
medico palliativista (SICP) Segreteria scientifica

Paolo Cotogni
medico anestesista (SIAARTI) Segreteria scientifica

31 maggio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy