Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 29 MAGGIO 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Pacemaker wireless. Le degenze sono realmente più brevi?

di S. Macci˛ e C. Pappone

15 DIC - Gentile Direttore,
ritengo giusto far presente una inesattezza contenuta nell'articolo pubblicato su Quotidiano Sanità in data 12 dicembre riguardo i pacemaker "wireless". In tale articolo si afferma che la degenza risulta essere di sole 24 ore contro i 3/4 giorni per un pacemaker tradizionale.
 
Questo dato non corrisponde affatto alla realtà: in effetti un impianto di pacemaker tradizionale eseguito anche in strutture periferiche comporta oggi la dimissione il giorno dopo l'intervento, su questo fronte dunque nessuna differenza tra "vecchi" pacemaker e pacemaker wireless.
Ringrazio per la cortese attenzione.

Dott. Sergio Macciò
Cardiologo ospedaliero
 
 
Abbiamo rigirato la lettera del nostro lettore al Professor carlo Pappone che, insieme al Dr. Gabriele Vicedomini, ha effettuato l'impianto del peacemaker wireless di cui si parla nell'articolo. Pappone ci ha risposto così:
 
Gentile Direttore,
il paziente con fibrillazione atriale e disturbi della conduzione elettrica del cuore che richiede un impianto di pacemaker monocamerale ha, in genere, una degenza ospedaliera più lunga a causa di una lenta guarigione della tasca dove viene inserito il pacemaker. Tale ritardo è dovuto alla concomitante terapia anticoagulante orale.
Poiché il pacemaker senza fili non prevede la creazione di una tasca per il suo impianto, ma la semplice introduzione attraverso la via venosa, la degenza ospedaliera ne risulta ridotta.
Confermiamo quindi quanto affermato dall'articolo. L'impianto convenzionale di pacemaker anche in assenza di terapia anticoagulante richiede dopo alcuni giorni il ritorno in ospedale del paziente per la rimozione dei punti e la verifica della ferita.
Tale ulteriore accesso ospedaliero non è previsto con l'utilizzo di un Pacemaker senza fili. In ogni caso l'impianto di Pacemaker Wireless-senza fili riduce l'ospedalizzazione.
 
Prof. Carlo Pappone

Dipartimento di Aritmologia del Maria Cecilia Hospital di Cotignola

15 dicembre 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy