Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 15 GIUGNO 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Il futuro della medicina passa da Big Data e intelligenza artificiale

di Mauro Iori

13 DIC - Gentile Direttore,
si è appena concluso il convegno organizzato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e l’Associazione Italiana di Fisica Medica (AIFM) nato per discutere di come, nell’ambito della medicina, i Big Data e l’Intelligenza Artificiale (AI) siano degli strumenti ormai fondamentali per studiare lo stato di salute degli individui e definire percorsi assistenziali personalizzati.
 
Le tecniche di apprendimento automatico (Machine e Deep Learning), mutuate dal campo dell’intelligenza artificiale (AI), permettono infatti di riconoscere pattern o relazioni causali tra fenomeni o tra dati sanitari degli individui, fornendo così nuove conoscenze utili per produrre dei modelli di previsione. Tali tecniche sfruttano la capacità dei computer di gestire enormi quantità di dati e di adottare ragionamenti tipici della mente umana, mostrandosi capaci ad esempio di estrapolare da conoscenze precedenti le linee guida da adottare per risolvere nuovi problemi.
 
Sono innumerevoli le applicazioni e i sistemi basati sui Big Data e sull’intelligenza artificiale che sono utilizzati in molti settori della medicina. Questi nuovi ambiti di competenza richiedono però la presenza di grandi infrastrutture di calcolo che possano offrire i servizi tecnologici di base e le funzionalità di analisi necessarie a una loro implementazione.
 
In questo contesto i fisici dell’INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare) che operano nel campo della ricerca e sviluppo, e i fisici medici dell’AIFM (Associazione Italiana di Fisica Medica) presenti negli ospedali, forti delle loro esperienze e competenze sia nel trasferimento tecnologico e nella realizzazione di infrastrutture informatiche dedicate alla gestione ed all’analisi dei Big Data, sia nell’ottimizzazione e nella validazione dei sistemi di AI per il supporto alla clinica, ritengono di poter fornire un importante contributo all’implementazione dei Big Data e delle tecniche di AI nei campi della salute e dell’industria.
 
Nel nostro paese questi due grandi temi devono essere affrontati e per farlo sarà opportuno prendere a riferimento quanto sta avvenendo nella regione Emilia Romagna, nella quale è in avanzata fase di realizzazione il grande progetto del Tecnopolo di Bologna. Il Tecnopolo, al cui interno verrà installato il primo computer di tipo pre-exascale, cioè un supercomputer con elevatissime capacità di calcolo, è stato selezionato e co-finanziato dalla Comunità Europea per diventare uno degli otto siti di supercalcolo presenti in Europa.
 
Il nostro impegno è di porre l’accento sull’importanza che i Big Data e l’Intelligenza Artificiale possono avere nel mondo della medicina. L’Italia si sta già muovendo verso una nuova apertura a queste tecniche. La regione Emilia Romagna ne è un esempio ed è per questo che è stata scelta come la sede di questo importante incontro tra AIFM e INFN.

Mauro Iori
Coordinatore gruppo di lavoro AIFM su AI e Big Data


13 dicembre 2019
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy