Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 LUGLIO 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Ecco perché è giusto abolire l’esame di italiano per i medici di origine straniera laureati in Italia

di Foad Aodi

11 DIC - Gentile Direttore,
ogni medico che esercita in italia deve conoscere la lingua italiana e sostenere gli esami richiesti. La nostra proposta in merito al Certificato che viene richiesto ai Medici di origine straniera che vogliono fare la Specializzazione in Italia, il Certificato C1 Ssm19, verte sul fatto che questo ha tempi tecnici e modalità programmate per l'ottenimento da parte del Medico.
 
Mi spiego: l'anno scorso è stato richiesto poco prima della prova di Specializzazione e tanti non potevano fornirlo in tempo visto che solamente poche scuole lo rilasciano e questo sempre con scadenze già prefissate.
 
La nostra proposta, che già avevamo formulato l'anno precedente, di esonerare chi è laureato in Italia non riguarda chi è laureato all'estero, e vuole solamente lasciare il tempo e il modo di ottenere il certificato in tempo e preparare per la prova di Specializzazione con la dovuta serenità.

Foad Aodi
Presidente Associazione Medici di origine Straniera in Italia - AMSI


11 dicembre 2019
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy